“Dalla Culla alla Culla”… all’Upcycling e al miglioramento continuo

  Richiedi informazioni / contattami

Nel 2003, McDonough e Braungart, con Cradle to Cradle, rivisitarono i principi della progettazione industriale e gettarono le premesse per due attualissimi mantra: l’Economia Circolare e l’Industria 4.0. Oggi, tuttavia, questo non basta più…

“Dalla Culla alla Culla”… all’Upcycling e al miglioramento continuo
“Dalla Culla alla Culla”… all’Upcycling e al miglioramento continuo

La manutenzione con i suoi principi e i suoi processi ha dato un importante contributo nel rendere realizzabile il modello della Eco­nomia Circolare e della Industria 4.0.

Il contributo non fu solo concettuale (ricordate il Manuale di Manutenzione degli Impianti Indu­striali di Luciano Furlanetto & C., 1974, che apri­va con il Club di Roma ed i Limiti dello Sviluppo?) ma anche e soprattutto operativo. L’insieme di processi che portano ad una maggiore longevità dei manufatti e alle manutenzioni straordinarie, per il rinnovo e l’adeguamento tecnologico degli impianti. Per fare solo qualche esempio.

Interventi di manutenzione, proattivi direbbe qualcuno, volti a mantenere aggiornato il patri­monio impiantistico e a livellare verso il basso il tasso di guasto.

Fatica, sudore, inventiva, nottate in bianco, quanti impianti trasudano del sacrificio dei manutentori e prosperano con la loro inventiva?

Se oggi si parla di materie prime seconde, se l’I­talia, nel complesso dei rifiuti (urbani + industria­li) è prima fra i grandi paesi d’Europa con una quota di riciclo che supera l’80% dei rifiuti trat­tati, mentre la media UE si attesta sotto il 40%, e la Germania, primo paese manifatturiero UE, si posiziona intorno al 45%, lo dobbiamo a persone così, a molti indomiti manutentori, che hanno sa­puto adattare buoni progetti al mondo reale (Ela­borazioni ISPRA su dati Eurostat, 2014).

Ora che siamo arrivati sino qui, dobbiamo fare di più. È il miglioramento continuo. Ma come?

Una delle parole chiave è Upcycling.

In pratica, se diligentemente, con l’economia cir­colare, si sono eliminati gli sprechi, si rimette in circolo la materia in cicli chiusi o quasi, imitando il comportamento della natura, con l’Upcycling si strapazzano le conoscenze acquisite, si proget­tano nuovi percorsi per prodotti e servizi com­pletamente nuovi, si orientano i bisogni umani verso un minore fabbisogno di materia e verso un accrescimento dello stock di quella esisten­te. Se durante le prime tre rivoluzioni industriali l’Umanità ha depredato il pianeta e le sue risorse lungo un percorso esponenziale, con la quarta l’Umanità accresce il patrimonio disponibile, ini­ziando a restituire alla Natura ciò che in passato le ha indebitamente tolto.

Non bisogna avere una visione ideologica del pro­blema perché altrimenti si riduce ad una polemi­ca fra opposte fazioni ed interessi, è sufficiente osservare la realtà nuda e cruda, così com’è, per comprendere le verità che sono evidenti da quasi tre secoli di storia industriale.

Upcycling è anche il titolo della più recente opera di McDonough e Braungart (2013), con la pre­fazione firmata nientemeno che dal “Presidente Bill Clinton”, per lasciare ai nostri figli un mondo ancora vivibile, … “siamo tutti sulla stessa barca”.

Paradossalmente le conclusioni di Bill Clinton sono molto vicine al pensiero di Adlai Steven­son, avversario di Eisenhower alle presidenziali del 1952, il quale in un discorso fatto alle Nazioni Unite affermò … “Noi viaggiamo insieme, pas­seggeri di una piccola navicella spaziale, dipen­diamo dalle sue vulnerabili riserve di aria e suolo; la nostra salvezza dipende dalla sua sicurezza e pace e possiamo salvarci dalla distruzione sol­tanto con la cura e il lavoro — e l’amore che dob­biamo a questo fragile veicolo”.

La situazione dagli anni ’50 ad oggi, però, si è gravemente deteriorata, aprendo nuove falle nel­la navicella spaziale. La popolazione mondiale che contava circa 2,5 miliardi di persone, ha rag­giunto oggi i 7,5 miliardi, il triplo. Mentre oltre un miliardo di persone è denutrito, un altro miliardo è obeso. Quanto alla pace e alle guerre…

L’industria, come sintesi di capitale, tecnologia e lavoro, ha la possibilità di modificare i pericolosi trend individuati nel 1972 nel Rapporto al Club di Roma e nelle sue successive elaborazioni, l’ulti­ma del 2012 (Quarant’anni dopo …).

Dove non arriva la politica, può arrivare la lun­gimiranza di certi imprenditori, di certe organiz­zazioni, di un modo evoluto di intendere il fare impresa. Il successo di Amazon, Microsoft, Ap­ple, Tesla, Google, Uber, nasconde una genera­zione di imprenditori che si sono messi in testa di migliorare il mondo, Jeff Bezos, Bill Gates, Ste­ve Jobs, Elon Musk, Sergey Brin e Larry Page, Travis Kalanick, e molti altri simili a loro, sono ben diversi dai paperoni che hanno fatto grande l’America nel XX secolo, ancorché in gran parte, anch’essi, siano americani.

Persino Papa Francesco, oltre a svolgere i suoi compiti di Padre della Chiesa, ci spinge a rivedere i concetti di organizzazione del lavoro, della so­cietà, ci suggerisce percorsi, focus, ci indica la Via …“per cercare insieme il bene comune dell’uma­nità” (World Economic Forum 2014, ONU 2015, 2017). Nella enciclica Laudato Si, Papa Francesco, si chiede “che tipo di mondo vogliamo trasmettere a coloro che verranno dopo di noi”.

La stessa domanda che si sono fatti molti di colo­ro che vedono nel percorso della evoluzione tec­nologica, non già un mondo popolato di umanoidi, ma un mondo più ricco di risorse e felice. Come abbiamo scritto più volte anche nella nostra ru­brica, non già un mondo in decrescita che torna ad illuminarsi con le candele, ma un mondo che utilizza l’intelligenza umana per il miglioramento continuo, per uno sviluppo luminoso e coerente con la nostra Umanità.

Umanità che da sempre guida il manutentore nel suo duro lavoro quotidiano fatto di fatica e di su­dore, e anche di diagnosi e inventiva.

Il manutentore che da sempre difende la cul­tura della conservazione, essendo assieme un “conservatore” e un “rivoluzionario”, perché un manutentore che non fa della migliorativa, come ragionavamo spesso con Luciano, non è un vero manutentore. Agli inizi degli anni ’90 Luciano, volle mettere in ciascun ufficio della RDA, un quadretto con scritto ben in evidenza: Qualità è amore e passione per il proprio lavoro. In modo che tutti si ricordassero che la qualità era il no­stro dovere e come andasse perseguita.

E allora ragazzi correte a iscrivervi ai meraviglio­si ITT ora ITS, Istituti Tecnici Superiori, e seguite i nostri Fab Lab, troverete un lavoro che vi ap­pagherà e che vi servirà a consolidare il vostro percorso umano e ad essere partecipi del rinno­vamento dei prodotti e dei processi che il futuro della tecnologia ci riserverà.

Maurizio Cattaneo

Pubblicato il Febbraio 12, 2018 - (3183 views)
Articoli correlati
Pressostato per il controllo delle applicazioni
Si terrà presso lo scalo di Malpensa il prossimo convegno dell'Osservatorio sulla Manutenzione degli Aeroporti
Una soluzione UNITEC per la lavorazione della lamiera
La vendemmia dei sistemi qualità accende l’autunno della manutenzione
Il XVI convegno dell’Osservatorio sulle attività di manuenzione degli aeroporti
Manutenzione 4.0 per i “piccoli” operatori ferroviari
La norma UNI EN ISO 6789:2017 sulla taratura di strumenti dinamometrici
Nasce a Milano l'Innovation Lab italiano di Omron
La corretta gestione degli utensili nella produzione di energia
Ridisegnare l’affidabilità idraulica con l’efficienza energetica
Monitoraggio temperatura/umidità
Controllo fluidi
Pinza universale a fulcro rialzato
Tappo per condotte idriche/fognarie
Rete per individuazione distributori
Evento B2B per ferramenta
Lubrificazione a base d'acqua
Trasmettitori e sonde per IoT
Flange e valvole
Sistema di lubrificazione
NTN-SNR: Offerta globale per l'agricoltura
PORTA AUTOMATICA SCORREVOLE
LeakExpert per SONAPHONE
Lubrificante per motori a metano
InfoPMS4.0
Software per il monitoraggio di macchine e sistemi
Barre da illuminazione a risparmio energetico
Sensore radar con tecnologia Bluetooth
Sistema di monitoraggio, configurazione e programmazione remota dei fluidi
Scarpe antinfortunistiche metal free
Aperto il primo centro di manutenzione ferroviaria digitale di Siemens Mobility
NTN-SNR: Contraffazione
NTN-SNR Gamma BB cuscinetti standard a sfere
NTN-SNR Gamma TRB dedicata per i Distributori
NTN-SNR Gamma Premium cuscinetti a rullini NTN
NTN-SNR: Offerta globale per l'agricoltura
LeakExpert per SONAPHONE
Termocamere fisse radiometriche
Dispositivo per la rilevazione di sostanze stupefacenti
Sensore radar per la misura continua di livello