Ingegneria di manutenzione: governare il cambiamento attraverso la formazione e le competenze specialistiche delle figure tecniche

  Richiedi informazioni / contattami

Ettore Martinelli, Maintenance Engineering Director di Tenaris Dalmine

Ingegneria di manutenzione: governare il cambiamento attraverso la formazione e le competenze specialistiche delle figure tecniche
Ingegneria di manutenzione: governare il cambiamento attraverso la formazione e le competenze specialistiche delle figure tecniche

Nel corso degli ultimi anni, è in atto una ra­dicale trasformazione ed un profondo cam­biamento delle modalità di gestione delle atti­vità industriali. Non che in precedenza questo non si sia accaduto, ma la velocità con la quale si sta manifestando in quest’ultimo periodo ha a mio avviso ben pochi riferimenti nel recente passato.

Da un lato cresce la necessità di far fronte a richieste di produzione che si possono definire sempre più “schizofreniche”, cioè altalenanti e imprevedibili, anche nell’industria di processo. Dall’altro, emergono nuove opportunità dovu­te all’introduzione di nuove tecnologie, quali Intelligenza Artificiale, Big Data, IoT, Robotica, che sempre di più coinvolgono trasversalmente tutti i processi e le funzioni industriali. E, an­cora, è da rimarcare la stringente necessità di ottimizzare i processi, visti i budget sempre più costretti nella ricerca di riduzione dei costi ope­rativi diretti ed indiretti.

Questo rinnovamento, inarrestabile ed irrever­sibile, investe anche la manutenzione. E, quindi, fa nascere: opportunità, prospettive di evoluzio­ne e cambiamento utili al controllo e all’incre­mento di efficienza dei processi manutentivi. Il cambiamento pervade l’intera struttura, opera­tiva, tecnica e gestionale, proponendo riflessio­ni e spunti evolutivi da applicare alle consolidate metodologie e politiche di manutenzione per la gestione degli asset industriali.

Diviene per questo fondamentale possedere le opportune conoscenze ed essere in grado di go­vernare e utilizzare le nuove tecnologie, senza farsi travolgere dalla moda del momento o dall’a­buso tecnologico fine a sé stesso; ed essere in grado di discernere tra ciò che è, o potrebbe es­sere, un reale vantaggio per l’impresa, evitando inutile dispendio di risorse capitali ed umane.

Strumento della manutenzione che si evolve, e può rispondere alla richiesta di cambiamento, è l’Ingegneria della manutenzione o meglio l’In­gegnere di manutenzione, figura professiona­le nell’industria moderna che ha il compito di: sviluppare, aiutare e supportare l’evoluzione dei processi, individuare e risolvere le criticità im­piantistiche soprattutto nell’ambito della manu­tenzione, ma che deve essere visto anche come riferimento e risorsa di altre funzioni aziendali quali la produzione, sicurezza, ambiente, quali­tà, fino anche al R&D.

L’ingegnere di manutenzione, quindi, supporta la manutenzione di base in diverse esigenze: nella definizione dei piani di controllo, nell’a­nalisi dei guasti, e nella risoluzione delle pro­blematiche croniche o puntuali attraverso il miglioramento continuo. Inoltre, e sempre di più, è una figura trasversale che ha la capacità di collaborare con tutte le aree dell’azienda per lo sviluppo e la gestione degli asset industriali. E’ colui che, avendo una profonda e dettagliata conoscenza della macchina (delle potenzialità e dei limiti di progetto), può favorire, attraverso il lavoro in team con i tecnologi di processo e di produzione, l’incremento di produttività o lo sviluppo di nuovi prodotti attraverso migliora­menti e modifiche degli asset. Collabora con Qualità e Produzione nell’anticipare possibili problemi qualitativi o nell’individuazione di de­terioramenti che hanno ricadute sulla qualità del processo o del prodotto. Interviene con Si­curezza e Produzione per le modifiche impian­tistiche o nell’elaborazione di procedure per il setup o attrezzaggio macchina, al fine di ridur­re al minimo possibili rischi legati all’intervento degli operatori ed alla continuità di produzione. Ancora, interagisce con la funzione ambientale e l’energy manager per individuare migliora­menti o inefficienze da recuperare sia nell’u­tilizzo delle energie sia nella riduzione delle emissioni.

Per fare tutto questo, sono necessarie diverse ed estese competenze che fanno parte del ba­gaglio di un ingegnere di manutenzione esperto “Asset Maintenance Engineer”:

  • capace di governare tematiche meccaniche, elettriche ed elettroniche;
  • con approfondita conoscenza gli impianti;
  • in possesso degli skills richiesti dai processi di implementazione e utilizzo delle tecnolo­gie di “Industria 4.0”;
  • capace di assicurare in ogni fase della vita degli asset il massimo dell’affidabilità e dell’efficienza, attraverso il monitoraggio del processo e l’analisi dei dati provenienti dagli impianti.

Per sviluppare o rafforzare le competenze cita­te, è fondamentale mantenere, continuare a svi­luppare i soft skill, la formazione ed il know how specialistico dei tecnici di manutenzione così da poter guidare consapevolmente le scelte manu­tentive ed impiantistiche, gli investimenti in up­grade tecnologico, e far fronte alle dinamiche di evoluzione dell’industria moderna.

Ettore Martinelli, Maintenance Engineering Director, Tenaris Dalmine

Pubblicato il Febbraio 8, 2019 - (38 views)
Articoli correlati
La manutenzione come motore di sviluppo infrastrutturale
Manutenzione e sicurezza per la sostenibilità
La qualificazione del Provider di manutenzione civile e Facility
Monitoraggio e diagnostica delle turbine eoliche
L’Asset Management, uno strumento a supporto dell’Economia Circolare
Cinquant’anni di vita utile di un edificio. E dopo cosa accade?
Strumenti di verifica sicurezza delle stazioni di ricarica
La gestione ottimizzata delle flotte aziendali
L’importanza del CMMS nella gestione dello stoccaggio gas
Soluzione a supporto della diagnosi online Industria 4.0
Giravite con geometria antirotolamento
Trasmettitori di pressione per IoT
SPS Italia 2020
Telematica per la mobilità
Cuscinetti e trasmissioni industriali
Valvole integrali a sfera
Sistema di lubrificazione intelligente
Dispositivi di lockout tagout
A&T 2020
Sistema di allineamento alberi
Termocamere a infrarossi compatte
Pinza universale con taglienti in acciaio sinterizzato
Filtri spin-on per carburanti e lubrificanti
InfoPMS 4.0 - Intelligent diagnostic & Plant performance
Encoder assoluto magnetico monogiro
Encoder integrato per motori piatti
SATURNevo: l’alternativa alle pompe in leghe speciali
Nuovi rivoluzionari lucchetti per lockout SafeKey
Maschera antipolvere monouso
Individua le anomalie prima che si trasformino in problemi con la nuova termocamera Fluke Ti300+
Klüber Lubrication: le novità presentate al Cibustec 2019
Nuovi rivoluzionari lucchetti per lockout SafeKey
Maschera antipolvere monouso
Sistema di allineamento alberi
Utensili con sistema di serraggio
Motion Amplification, Webinar gratuito il 27 novembre
Maschi per filettatura di fori ciechi e passanti
NTN-SNR: gamma di cuscinetti radiali rigidi a sfere NTN, 
in versione migliorata con gioco interno CM
SRB ZZ KIZEI®: La nuova ed esclusiva gamma di cuscinetti orientabili a rulli
Soluzioni NTN-SNR per il mercato dell’agroalimentare