L’importanza dell’Ingegneria dell’Affidabilità e della Manutenzione per l’Asset Management

  Richiedi informazioni / contattami

Cardine dell’approccio alle decisioni richieste nel corso della vita dell’asset industriale

L’importanza dell’Ingegneria dell’Affidabilità e della Manutenzione per l’Asset Management
L’importanza dell’Ingegneria dell’Affidabilità e della Manutenzione per l’Asset Management

L’Ingegneria dell’Affidabilità e della Ma­nutenzione sono ambiti disciplinari dell’Ingegneria dei Sistemi che beneficiano di una lunga storia di sviluppo di conoscen­ze teoriche e esperienze pratiche in diversi settori, con ricadute sia nell’impiantistica industriale sia nelle infrastrutture.

Pensare al passato, presente e futuro di questi ambiti disciplinari è utile, essendo di aiuto per rimarcare l’importanza funzionale dell’approc­cio ingegneristico a studi sull’affidabilità e sulla manutenzione di asset industriali.

Pertanto, con il breve focus del presente edi­toriale, voglio stimolare alcuni riflessioni, senza avere la pretesa, nemmeno lo scopo, di com­pletare la discussione con un discorso organi­co. Il mio unico obiettivo è quello di anticipare ulteriori approfondimenti che potranno essere portati con prossimi editoriali e contributi alla macro-area di Ingegneria di Affidabilità e di Ma­nutenzione, istituita all’interno di questa rivista.

La riflessione guarda, in questo editoriale, ad alcune tendenze oggi emergenti e che si possono pensare proiettate per i prossimi anni, nel caso in cui un’azienda intenda in­vestire nell’Asset management.

Ricordo che, quando definimmo il nuovo piano editoriale con la mia direzione, questa macro-a­rea fu presentata come un’area fondamentale, perché rimarca la centralità dell’Ingegneria dell’Affidabilità e della Manutenzione come “chiave” per progettare, controllare e migliora­re le strategie e i piani di gestione del ciclo di vita e di manutenzione degli asset attraverso la valutazione delle prestazioni RAMS (Reliabili­ty, Availability, Maintainability, Safety, …) e di produttività (Throughput, Utilizzazione, Overall Equipment Effectiveness, …).

Questa motivazione è fondata su alcuni tratti caratteristici, voglio sottolinearne alcuni.

  • La gestione di un asset industriale nel suo ciclo di vita richiede, nella fase iniziale della vita (fase di Beginning of Life), la capacità di costruire nell’asset, e di valutare, le di­verse caratteristiche di Reliability, Avai­lability, Maintainability, Safety, …, studiate sia a livello di componenti e asset indivi­duali, sia a livello di sistema di asset (as­set systems). Infatti, quando è progettato per soddisfare determinati requisiti di sistema, l’asset industriale garantisce non solo le pre­stazioni locali di produttività (nei singoli equi­pment / asset), ma permette anche di assi­curare, nelle sue potenzialità, le prestazioni di sistema, come, ad esempio, il throughput per raggiungere gli obiettivi di capacità pro­duttiva di un impianto industriale, piuttosto che la qualità del servizio di un’infrastruttura. È ovvio ma anche importante ricordare che le prestazioni di sistema sono un elemento essenziale per assicurare la generazione di valore per il business di un’azienda.
  • La gestione delciclo di vita richiede, quindi, il monitoraggio e l’analisi delle condizioni degli asset industriali per as­sicurare decisioni orientate al controllo e al miglioramento continuo dei requisi­ti di sistema, già stabiliti in Beginning of Life, durante la fase operativa del ciclo di vita dell’asset (fase di Middle of Life). Tra i miglioramenti possibili, ad esempio, ci può essere l’adeguamento dei piani di manutenzione, che può essere più robusto se si basa, non solo sull’esperienza tecnica, ma anche sullo studio e analisi ingegneristi­ca dell’affidabilità e della manutenzione.
  • Le stesse decisioni sul fine vita (End of Life) possono trovare nell’analisi dei requisiti di sistema e delle attuali condizioni raggiun­te dagli asset alcuni elementi “chiave” – non gli unici – per contribuire a valutazioni sull’integrità degli asset e su opzioni di estensione della vita dell’asset (asset life extension) piuttosto che di termine vita, e conseguente dismissione.

È evidente l’importanza dell’Ingegneria dell’Af­fidabilità e della Manutenzione, come cardine dell’approccio alle decisioni richieste nel corso della vita dell’asset industriale. Il lifecycle mana­gement dell’asset industriale diventa quindi un con­testo che dà una ragione in più per pensare all’im­portanza di ruoli organizzativi che siano in grado di portare questi ambiti disciplinari nelle normale pratiche aziendali.

Pensando all’evoluzione futura della disciplina dell’Asset management, sarà utile avere contribu­ti che portino sia esperienze industriale sia visioni scientifiche sul modo di operare l’Ingegneria dell’Af­fidabilità e della Manutenzione nelle diverse fasi del ciclo di vita e, poiché queste vengono coperte da più attori economici diversi nella catena del valore, anche riflessioni su un processo e su una rete di collaborazione tra i diversi attori che siano benefici non solo per obiettivi di breve termine (questo acca­de ancora troppo spesso) ma anche per obiettivi di lungo termine, sul ciclo di vita dell’asset.

I contributi di questo mese portano già a pensa­re in questa direzione, a partire dall’editoriale del mese, a cura di Andrea Ferrero, che contribuisce con una riflessione molto interessante su come la disciplina dell’Asset management possa andare ad “innestarsi” nel tessuto dei processi aziendali. La matrice ingegneristica è un ingrediente di questo “innesto”, anche se poi l’innesto è veramente vivo e vitale – come suggerisce anche Ferrero – aven­do una nuova filosofia organizzativa, che superi i silos organizzativi, per arrivare a un approccio as­set-centrico alle decisioni.

Prof. Marco Macchi, Direttore Manutenzione T&M

Pubblicato il Marzo 12, 2018 - (4595 views)
Articoli correlati
In arrivo la diciassettesima edizione del MaintenanceStories
Catene accoppiate Match & Tag
Seminario gratuito “Gli strumenti manutentivi per il Condition Monitoring nell’era 4.0"
Soluzioni per collegamento di tubi di strumentazione in ambienti corrosivi
Giunti a molla per motori diesel
Refrigeratore termico per montaggio su rack
Rilevazione ottica di gas
Martello combinato senza fili
Sensore di posizionamento ottico
Analizzatore di combustione
Strumento verifica veloce
Software per la gestione della manutenzione
Calendario corsi 2019
Manuale prodotti
SPS Italia 2019
Lubrificazione per trasporti a fune
Soluzioni IoT
Software industria 4.0
Perfluoroelastomero intelligente
Valvole per applicazioni industriali
Soluzioni per collegamento di tubi di strumentazione in ambienti corrosivi
Sensore di posizionamento ottico
Analizzatore di combustione
Termocamere con interfaccia per software diagnostico
SONOCHEK: il rilevatore a ultrasuoni per l'individuazione di perdite
Perfluoroelastomero intelligente
Valvole ISO con manifold universale
Trasmettitori di livello a barra di torsione
Sonde di temperatura in AISI 316
Sensore assoluto ad alta risoluzione
Analizzatore di combustione
SONOCHEK: il rilevatore a ultrasuoni per l'individuazione di perdite
Zerbini e tappeti MEWA a noleggio
Cilindro compatto con guida lineare integrata
Sensore assoluto ad alta risoluzione
Sistema allineamento laser
Smart camera con illuminatore multicolore
Nastri per marcatura pavimenti
Avvitatore a impulsi da 1/2"
Robot SCARA per movimentazione veloce