L’infrastruttura ferroviaria

  Richiedi informazioni / contattami

Perché la manutenzione rappresenta il processo che permette di valorizzare il bene nel suo ciclo di vita

L’infrastruttura ferroviaria
L’infrastruttura ferroviaria

L’infrastruttura ferroviaria presenta una varietà di oggetti che abbraccia tutto il mondo della tecnica:

  • civile (ponti, gallerie, rilevati …)
  • energetica (stazioni di conversione,alimentazione, luce, …)
  • meccanica (linee di trazione, binari e accessori, ...)
  • tecnologica (sistemi intelligenti di regolazione del traffico, distanziamento, GSM …).

Questa diversità tecnica aveva negli anni pas­sati monopolizzato le modalità di gestione, ren­dendole differenti nei diversi settori; oggi la ge­stione della infrastruttura ferroviaria è andata oltre all’aspetto tecnico per avere sotto control­lo anche l’aspetto economico e prestazionale; tiene in considerazione gli interessi degli sta­keholder, le prestazioni, le questioni ambienta­li, e l’immagine aziendale con l’introduzione di principi di “Asset Management” (AM); l’obiet­tivo è quello di realizzare il migliore rapporto qualità prezzo, quindi di creare valore dal bene in consegna, in linea con i principi internazio­nali (norme ISO 5500X).

Al fine di raggiungere questo obiettivo devono essere soddisfatte le seguenti capacità:

  • è necessario conoscere quali sono i requisiti delle parti interessate per quanto riguarda la funzionalità, la disponibilità e l’affidabilità;
  • l’asset manager deve essere in grado di ef­fettuare analisi dei rischi (prendere decisioni in base a analisi di priorità, eseguire anali­si dei rischi sul piano della sicurezza, della regolarità e del danno economico, …) per la pianificazione della manutenzione;
  • deve essere consolidato un metodo di gestio­ne della manutenzione che tenga presente i diversi aspetti di costo / rischio / rendimento, nei diversi scenari considerati, prendendo in considerazione le attività di manutenzione, le frequenze di manutenzione, le frequenze di ispezione ecc.

La gestione dei beni comprende tutti i sistemi, metodi, procedure e strumenti per ottimizzare i costi, le prestazioni e i rischi per l’intero ciclo di vita dell’infrastruttura ferroviaria. Tali ottimiz­zazioni devono riguardare tutte le attività infra­strutturali (costruzione, manutenzione e rinnovo, comprese le macchine operatrici, i mezzi d’opera e i materiali) per il ciclo di vita.

Presupposti caratteristici per una buona gestio­ne del bene sono quelli riportati di seguito:

  • focus della organizzazione su: mission aziendale, valori condivisi, leadership e co­municazione;
  • gestione delle informazioni e gestione della conoscenza: accesso diretto a tutti i dati rilevanti, al corretto livello di integrazione, nel formato corretto;
  • consapevolezza dei rischi: effettuare analisi di rischio e di valutazione dei risultati deve essere una pratica standard come parte del processo decisionale;
  • visione a lungo termine: prendere a rife­rimento gli effetti a lungo termine quando si effettua una decisione (costo del ciclo di vita);
  • strumenti adeguati per la registrazione degli oggetti, un metodo analisi dei rischi, per i concetti di manutenzione, per la pia­nificazione del lavoro, il controllo, la misu­ra, il monitoraggio della infrastruttura e la presentazione della storia e dello stato degli asset.

In una schematizzazione delle diverse compo­nenti di un sistema di gestione delle infrastrut­ture ferroviarie si distinguono tre categorie che caratterizzano il sistema:

  • principali decisioni e attività: l’asse por­tante del sistema di AM per definire le stra­tegie e la realizzazione dei lavori di AM e il funzionamento della rete;
  • meccanismi di supporto: strumenti che consentano l’efficacia delle decisioni di base e delle attività, quali attività di informazione, applicativi di supporto al costo del ciclo di vita, competenze e processi di business;
  • meccanismi di revisione: strumenti per monitorare e migliorare l’efficacia del regime di AM in una gestione sostenibile della infra­struttura per il livello dei fondi impegnati; for­niscono l’anello di retroazione per il migliora­mento continuo del sistema di AM.

La molteplicità delle infrastrutture e la loro dif­ferenziazione tecnica richiede un approccio si­stemico che garantisce una comune modalità di comportamento che si differenzia per gli aspetti tecnici dei singoli beni.

Quindi l‘ingegnerizzazione verso una industrializ­zazione del processo deve stimolare un percorso evolutivo della manutenzione tale da supportare:

  • una Pianificazione puntuale,
  • una Programmazione che permette di asse­gnare agli operatori il loro giusto ruolo,
  • una rendicontazione tecnica ed economica puntuale rispetto alle attività eseguite,
  • un controllo dell‘infrastruttura attraverso i ri­lievi effettuati dalla diagnostica mobile.

Quindi al centro della gestione del bene si colloca la manutenzione come processo che permette di valorizzare il bene nel suo ciclo di vita.

GianPiero Pavirani, Responsabile Asset Management, RFI

Pubblicato il Dicembre 18, 2017 - (39 views)
Articoli correlati
Seminario gratuito “Gli strumenti manutentivi per il Condition Monitoring nell’era 4.0"
Giunti a molla per motori diesel
Refrigeratore termico per montaggio su rack
Rilevazione ottica di gas
Martello combinato senza fili
Sensore di posizionamento ottico
Analizzatore di combustione
Taglio in metallo duro per uso universale
L'importanza della sicurezza alimentare
Calibratore universale portatile Bluetooth
Strumento verifica veloce
Software per la gestione della manutenzione
Calendario corsi 2019
Manuale prodotti
SPS Italia 2019
Lubrificazione per trasporti a fune
Soluzioni IoT
Software industria 4.0
Perfluoroelastomero intelligente
Valvole per applicazioni industriali
Sensore di posizionamento ottico
Analizzatore di combustione
Termocamere con interfaccia per software diagnostico
SONOCHEK: il rilevatore a ultrasuoni per l'individuazione di perdite
Perfluoroelastomero intelligente
Valvole ISO con manifold universale
Trasmettitori di livello a barra di torsione
Sonde di temperatura in AISI 316
Sensore assoluto ad alta risoluzione
Smart encoders MEM-Bus
Analizzatore di combustione
SONOCHEK: il rilevatore a ultrasuoni per l'individuazione di perdite
Zerbini e tappeti MEWA a noleggio
Cilindro compatto con guida lineare integrata
Sensore assoluto ad alta risoluzione
Sistema allineamento laser
Smart camera con illuminatore multicolore
Nastri per marcatura pavimenti
Avvitatore a impulsi da 1/2"
Robot SCARA per movimentazione veloce