Nidec vince contratto per l’accumulo di oltre 5.4 GWh di energia pulita

L’iniziativa costituisce una risposta concreta al REPowerEU, il piano della Commissione europea per rendere l'Europa indipendente dai combustibili fossili ben prima del 2030

  • Novembre 4, 2022
  • 35 views
  • Dominique Llonch, CEO di Nidec ASI e Presidente di Nidec Industrial Solutions
    Dominique Llonch, CEO di Nidec ASI e Presidente di Nidec Industrial Solutions

Nidec ASI, parte della Divisione Energy & Infrastructure del Gruppo Nidec ha avviato un progetto che prevede la fornitura di oltre 1 GW di sistemi per lo stoccaggio di energia che permetterà di incrementare l’utilizzo di energia da fonti 100% rinnovabili in Italia.  Il contratto, affidato a Nidec ASI da un’importante società del settore, mette in luce l’impegno del nostro Paese rispetto all’accelerazione della transizione verso l’energia verde, che genererà importanti benefici economici e sociali.

Elettrificare l’Italia in direzione sempre più green

Nidec ASI è stata scelta per lo sviluppo di 18 impianti di accumulo di energia a batterie da 1,35 GW grazie alla sua vasta esperienza e al know-how tecnologico. Nidec è infatti tra le società leader per la realizzazione di impianti di stoccaggio, con 1,6 GW di soluzioni BESS installate in 121 progetti di accumulo di energia in 21 Paesi in tutto il mondo, comprese Europa, Sud America e Africa. Per l’Italia, l’azienda fornirà 372 power station (stazioni di potenza) modulari e scalabili. L’obiettivo è quello di avere i 18 impianti in funzione da gennaio 2024, di cui 6 in Sardegna e 12 nel centro-nord del Paese, con lo scopo di elettrificare l’Italia in direzione sempre più green, facendo leva sull’utilizzo delle energie rinnovabili, immagazzinando l’elettricità quando è più economica e utilizzandola quando i prezzi sono più alti. Una volta implementati, i sistemi di stoccaggio saranno in grado di erogare energia equivalente al fabbisogno medio di un milione di abitazioni italiane, contribuendo a rendere il Paese sempre più autonomo, anche rispetto all’impiego del gas.

Utilizzo di tecnologie made in Italy

Il progetto costituisce una risposta concreta al REPowerEU, il piano della Commissione europea per rendere l'Europa indipendente dai combustibili fossili ben prima del 2030, ed è realizzato utilizzando tecnologie made in Italy. Inoltre, l’implementazione dei 18 impianti e l’intero sistema avranno un impatto positivo anche sull’indotto lavorativo del settore. Nidec ASI, leader mondiale nel BESS, fondamentale per promuovere e ottimizzare l’utilizzo delle rinnovabili, è coinvolta nel progetto con 4 sue fabbriche, 3 situate in Italia e una in Francia, con produzione a pieno ritmo per 8-10 mesi. In particolare, i quadri di conversione sono realizzati negli stabilimenti di Cinisello Balsamo, che si occuperanno anche dell’assemblaggio e dei cablaggi, gli inverter a Montebello Vicentino, e i sistemi ausiliari e di controllo a Roche-la-Molière, in Francia.

Promuovere la crescita delle fonti rinnovabili

“Siamo particolarmente orgogliosi di essere in prima linea con questo progetto per promuovere la crescita delle fonti di energia rinnovabile in Italia,” ha dichiarato Dominique Llonch, CEO di Nidec ASI e Presidente di Nidec Industrial Solutions. “Un’iniziativa che dimostra l’eccellenza della tecnologia italiana, che può aiutare l’Europa ad andare nella direzione del risparmio energetico. È una notizia importante per la decarbonizzazione del nostro Paese, che realizzando sistemi simili potrà sfruttare in modo strategico la sua immensa ricchezza di fonti di energia rinnovabile, abbattendo definitivamente il fabbisogno di fonti di energia tradizionale e riducendo drasticamente il costo dell’energia.  Dopo questo, siamo fortemente motivati e pronti a lavorare a molti altri progetti in ambio energy storage da sviluppare in altri Paesi d’Europa, negli Stati Uniti e in tutto il mondo, per portare a termine una missione condivisa, ossia quella di accelerare l’elettrificazione in senso green del nostro pianeta.”

Sistemi di storage a batterie

I sistemi di storage a batterie diventano parte integrante della nuova strategia energetica e delle reti elettriche moderne, come elementi chiave per realizzare la visione di un futuro elettrico e sostenibile. Questo progetto BESS, unito agli oltre 100 realizzati e in funzione a livello globale e al primato di oltre 1,6 GWh di soluzioni BESS installate non solo in Italia ma in diversi paesi in tutto il mondo – Francia, Irlanda del Nord, Germania, Inghilterra, Finlandia, Svezia, Portogallo, Maldive - confermano Nidec ASI player fortemente impegnato nella rivoluzione energetica green, contenendo le emissioni inquinanti e accelerando la transizione dai combustibili fossili verso il solare, l’eolico e l’idroelettrico.

Rossana Saullo si laurea prima in Lettere Moderne presso l’Università della Calabria di Cosenza, successivamente consegue la laurea magistrale in Letteratura, Filologia e Linguistica Italiana presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2020 consegue il Master Professione Editoria Cartacea e Digitale presso l’Università Cattolica di Milano. Da settembre 2020 lavora in TIMGlobal Media.

Altri articoli Contatto