Riscaldatori per l’ottimizzazione del confezionamento automatico

  Richiedi informazioni / contattami

Grazie alla serie HMC, Crei ha ottimizzato il Vacuum Skin Packaging di una nota azienda alimentare eliminando le criticità che influivano sull’integrità del prodotto

Oleodinamica & Pneumatica

L’intervento di Crei ha permesso di ottenere vantaggi tangibili quali la riduzione del 70% del gap termico e la diminuzione del 44% delle tempistiche nel raggiungimento delle corrette temperature di lavoro
L’intervento di Crei ha permesso di ottenere vantaggi tangibili quali la riduzione del 70% del gap termico e la diminuzione del 44% delle tempistiche nel raggiungimento delle corrette temperature di lavoro

Forte del know-how maturato attraverso 50 anni di esperienza nella progettazione di riscaldatori, sonde di temperatura e sistemi riscaldanti, la bolognese Crei ha supportato un’importante azienda alimentare nell’applicazione dei moderni sistemi automatici “Vacuum Skin Packaging”, consentendole di coniugare la perfetta conservazione del prodotto in assenza di ossigeno, con una presentazione realistica e gradevole del particolare confezionato. L’azienda lamentava l’inefficienza del proprio sistema a riscaldatori corazzati a sezione tonda, incapace di garantire un riscaldamento uniforme degli stampi a cupola. Tale limite comportava una non ottimale termoformatura e saldatura del film plastico che influiva negativamente sull’integrità del prodotto da confezionare alterandone le caratteristiche di base e riducendo sensibilmente la sua durata di conservazione (Shelf Life). Difetti non ammissibili per un’azienda costantemente impegnata nella ricerca delle soluzioni migliori per preservare le caratteristiche fisiche, chimiche, estetiche e organolettriche dei propri prodotti.

A partire da una scrupolosa analisi tecnica, Crei ha evidenziato la necessità di sostituire l’ele- Fluid Engineering Case History Riscaldatori per l’ottimizzazione del confezionamento automatico Grazie alla serie HMC, Crei ha ottimizzato il Vacuum Skin Packaging di una nota azienda alimentare eliminando le criticità che influivano sull’integrità del prodotto mento scaldante corazzato di grande sezione con altri riscaldatori meno ingombranti, tanto duttili e flessibili da potersi plasmare in relazione alla sagoma da confezionare e tali da portare il calore nella quantità e nella zona dove questo era necessario.

L’obiettivo è stato centrato grazie all’inserimento di elementi della serie HMC a sezione quadrangolare di 4x6 e 3.3x3.3 mm, alloggiati con forme idonee negli stampi di termoformatura, grazie a lavorazioni meccaniche estremamente semplici ed economiche. Invece di un unico riscaldatore corazzato, Crei ha ottimizzato la diffusione della stessa potenza in due riscaldatori microtubolari, applicati sia nel perimetro che nella zona centrale, riducendo il gap di temperatura da 24°C a soli 7°C. L’intervento di Crei si è rivelato decisivo da diversi punti di vista. Innanzitutto ha reso virtuoso un processo che precedentemente vedeva un dispendio inutile e dannoso di calore, soprattutto in applicazioni dove, per la conservazione corretta dei prodotti da trattare, è necessario mantenere temperature molto vicine allo zero (scala Celsius).

In aggiunta la modifica introdotta ha permesso di ottenere ulteriori vantaggi: la riduzione del 70% del gap termico, la diminuzione del 44% delle tempistiche nel raggiungimento delle corrette temperature di lavoro, l’ottimizzazione dell’efficienza energetica a parità di potenza nominale e, infine, la diminuzione dei tempi attivi di riscaldamento.

Pubblicato il Ottobre 23, 2020 - (276 views)
CREI Srl
Via Minghetti 19
40057 Granarolo dell'Emilia Loc. Cadriano - Italy
+39-051-6259831
+39-051-6259830
Visualizza company profile
Mappa
Articoli correlati
Software di ispezione ottica automatica e laser confocale
Sistemi di trattamento degli oli
Servizi di trattamento degli oli di lubrificazione e idraulici
Analisi di laboratorio per oli di lubrificazioni e oli idraulici
Analizzatore stato del fluido
Dall’Oil Condition Monitoring alla manutenzione 4.0
Dall’Oil Condition Monitoring all’Oil Cleanliness: tipologie di intervento
Oil Condition Monitoring: tipologie di monitoraggio
Oil condition monitoring: che cosa si intende e quali sono i vantaggi?
Oil Conditioning e tecnologie per la manutenzione
Analisi degli olii lubrificanti
Tecniche per la manutenzione preventiva degli olii
Valvole a farfalla
Servizio di manutenzione fluidodinamica
Piattaforma su oleodinamica e trattamento fluidi
Pompe per acque reflue
Gamma di valvole per applicazioni di processo
Sistema di eliminazione Varnish
Pompe a cassa divisa
Corsi base sulla fluidica
Software di ispezione ottica automatica e laser confocale
Sistemi di trattamento degli oli
Analizzatore stato del fluido
Componenti per la dosatura dei fluidi
Unità di filtrazione per la rimozione dei prodotti di degrado dell'olio
Sistema di controllo scarico dell'acqua
Unità per la manutenzione dell'olio
Filtro per olio da tempra
Filtri spin-on per carburanti e lubrificanti
SATURNevo: l’alternativa alle pompe in leghe speciali
Software di ispezione ottica automatica e laser confocale
Klüber Lubrication: le novità presentate al Cibustec 2019
Sistema di monitoraggio fluidi per la lavorazione dei metalli
Filtro per circuiti oleodinamici
Pompe a cassa divisa
Centraline idrauliche modulari
Motori per industria alimentare
Grassi per cuscinetti volventi
Dosatore per sistemi di lubrificazione a linea singola
Cilindro compatto con guida lineare integrata