Sostenibilità nell’approvvigionamento dei servizi di manutenzione

  Richiedi informazioni / contattami

Il forte legame tra Facility Management, manutenzione e la sostenibilità dei processi

Figura 1 - Dimensioni del Sustainable Procurement
Figura 1 - Dimensioni del Sustainable Procurement
Figura 2 - Sustainable Procurement Breakdown
Figura 2 - Sustainable Procurement Breakdown
Figura 3 - Fattori chiave del Sustainable Procurement
Figura 3 - Fattori chiave del Sustainable Procurement

Introduzione

Il contributo delle prassi di approvvigionamento al miglioramento della sostenibilità dei processi industriali è stato inquadrato in maniera molto efficace dalla conferenza delle Nazioni Unite del 1992 (United Nations Conference on Environ­ment and Development) nel momento in cui la comunità internazionale ha riconosciuto che la tendenza globale dei consumi non era più so­stenibile.

In particolare è stato riconosciuto come fossero eccessive le richieste fatte allo stock limitato di risorse del pianeta e alla capacità di gestire i ri­fiuti generati dalla attività antropiche. Il tema del “consumo sostenibile” è stato sviluppato all’in­terno del capitolo 4, intitolato “Changing Consu­mption Patterns”, del ben conosciuto documen­to “Agenda 21” che ha identificato chiaramente l’importanza dello sviluppo di politiche finaliz­zate al raggiungimento di cambiamenti signifi­cativi nei consumi delle industrie, dei Governi e degli individui. Il tema del consumo e produ­zione sostenibili (“sustainable consumption and production” - SCP) è stato successivamente sviluppato nel quadro della conferenza di Oslo del 1994 definendolo come “l’uso di servizi e prodotti che rispondono alle esigenze di base e migliorano la qualità della vita riducendo al mi­nimo l’uso di risorse naturali e tossiche nonché le emissioni di rifiuti e inquinanti nel corso del ciclo di vita del servizio o del prodotto per non mettere a repentaglio i bisogni delle generazioni future” (www. sustainabledevelopment.un.org).

La diffusione dei principi legati all’SCP

Sebbene il Capitolo 4 dell’Agenda 21 sia stato probabilmente per anni il meno considerato dei diversi capitoli del documento, negli ultimi anni si è assistito a un importante aumento delle at­tività sviluppate a diversi livelli per migliorare il “sustainable consumption and production” SCP in tre aspetti principali: acquisti della pubblica amministrazione, processi di acquisto nell’indu­stria e mercato dei beni di consumo.

Uno dei primi ambiti che è stato sviluppato per favorire la diffusione dei principi legati al SCP è stato quello dei processi di approvvigionamento della pubblica amministrazione e delle organiz­zazioni industriali, sia nella manifattura sia nei servizi, in particolare concentrando la attenzio­ne su una o più dimensioni della sostenibilità (figura 1).

Termini come ad esempio GPP “Green Public Procurement” sono diventati di uso comune e hanno contribuito a far sviluppare processi vir­tuosi di miglioramento dell’impatto sull’ambien­te generato dai processi di approvvigionamento – di beni, lavori o servizi – da parte delle pub­bliche amministrazioni che possono arrivare a rappresentare fino al 15-30% del prodotto in­terno lordo dei governi mondiali (fonte UNEP United Nations Environmental Program). Per poter accedere al mercato delle pubbliche am­ministrazioni – in particolar modo in Europa ma anche in altri paesi come USA, Giappone, Corea e Cina – le organizzazioni produttrici di beni o fornitrici di servizi o lavori hanno sviluppato nel tempo una maggiore attenzione agli impatti ambientali delle proprie attività e si sono confron­tate con dei requisiti di selezione definiti all’interno di documenti pubblici come ad esempio gli europei “EU GPP criteria” o i Criteri Ambientali Minimi (CAM) emessi dal Ministero dell’Ambiente e richiamati dal Codice dei Contratti Pubblici (D.Lgs. 50/2016).

Gli strumenti sviluppati per il GPP si collocano nel quadro più generale del concetto di “sustainable procurement” definito da UNEP come un processo attraverso il quale le organizzazioni soddisfano i loro bisogni di beni, servizi, lavoro e servizi pubblici in modo da ottenere un buon rapporto qualità-prezzo nel ciclo di vita in termini di benefici non solo per l’organizzazione, ma anche per la società e l’economia, riducendo al minimo il danno per l’ambiente.

La ISO 20400:2017

Il tema dell’approvvigionamento sostenibile è stato oggetto di recente di attenzione anche da parte degli organismi di standardizzazione e ISO ha emesso una specifica norma ISO 20400: 2017 “Sustainable procure­ment — Guidance” nella quale il sustainable procurement viene definito come una attività di acquisizione di beni o servizi da fornitori che ha gli impatti ambientali, sociali ed economici più positivi possibili sull’intero ciclo di vita e che intende minimizzare gli impatti negativi. I principi sui quali lo standard fonda il suo modello di approvvigionamento sostenibile che una organizzazione può scegliere di applicare sono:

  • responsabilità delle organizzazioni rispetto agli impatti generati sulla società, l’economia e l’ambiente;
  • trasparenza nelle decisioni e attività che hanno un impatto sull’am­biente, sulla società e sull’economia; la trasparenza è considerata la base per il dialogo e la collaborazione delle parti interessate;
  • piena ed equa opportunità per tutti i fornitori per competere e parte­cipare ai processi di acquisto stabiliti dalle organizzazioni consideran­do, ad esempio, le specificità relative ai fornitori locali e alle piccole e medie imprese;
  • rispetto per gli interessi dei soggetti che possono essere influenzati (i cosiddetti sta­keholder) dalle attività di approvvigionamen­to delle organizzazioni;
  • rispetto per le norme di legge, per i codici di comportamento e per i basilari principi dei diritti umani;
  • capacità di innovazione dei processi di ap­provvigionamento e capacità di coinvolgere in questa innovazione la catena di fornitura;
  • attenzione agli effettivi bisogni dell’organiz­zazione al fine di approvvigionare solo ciò che sia effettivamente necessario e cercan­do nello stesso tempo soluzioni maggior­mente sostenibili;
  • integrazione delle pratiche di sostenibilità in tutti gli aspetti relativi al processo di approv­vigionamento;
  • analisi dei costi con una sistematica atten­zione al costo nel ciclo di vita dei beni o ser­vizi che vengono approvvigionati.

Sulla base di questi principi, la norma individua gli aspetti chiave da tenere in considerazione nella definizione di politiche e strumenti per l’approvvigionamento sostenibile:

  • la struttura organizzativa e la governance dei processi decisionali;
  • i diritti umani tenendo in considerazIone i temi della discriminazione e delle specificità di gruppi di soggetti vulnerabili;
  • le pratiche di lavoro riguardanti aspetti qua­li: condizioni di lavoro, aspetti contrattuali e relazionali, protezione sociale dei lavoratori, salute e sicurezza sul lavoro, formazione delle competenze, …;
  • l’ambiente declinato nei suoi fattori principa­li come prevenzione dell’inquinamento, uso sostenibile delle risorse, protezione della biodiversità, …;
  • le prassi operative eque che tengano in con­siderazione gli aspetti di prevenzione della corruzione, di concorrenza leale e di rispet­to dei diritti di proprietà;
  • le questioni relative ai consumatori che in­cludano ad esempio un marketing corretto con informazioni per i consumatori obiettive e imparziali, aspetti contrattuali, tutela del­la salute e della sicurezza dei consumatori, incentivazione di un consumo sostenibile anche attraverso il miglioramento della con­sapevolezza dei consumatori, assistenza e supporto ai consumatori, gestione corretta dei reclami, protezione dei dati personali e privacy, …;
  • coinvolgimento e sviluppo della comunità attraverso attenzione alla istruzione e alla cultura, alla creazione di posti di lavoro nella comunità con ricadute sulla creazione di ric­chezza e reddito, miglioramento delle condi­zioni di salute, …;

La trasposizione dei fattori chiave del sustai­nable procurement nelle prassi delle organizza­zioni passa, secondo le indicazioni della norma ISO 20400, attraverso una fase di pianificazio­ne nella quale due momenti appaiono partico­larmente importanti:

  • analisi dei rischi per la sostenibilità che dovrebbe considerare il rapporto tra il pro­cesso di approvvigionamento e gli aspetti tecnici delle forniture, aspetti legati alle di­versità culturali in funzione dei paesi di ori­gine dei fornitori, localizzazione dei fornitori (in particolare dei fornitori di servizi o lavori) e struttura della filiera di fornitura con l’o­biettivo di considerare non solo i fornitori di primo livello (contratti diretti) ma anche for­nitori più distribuiti nella filiera;
  • analisi dei costi basata su un approccio di costo globale o “total cost of ownership” prendendo in considerazione i costi legati alle forniture non solo in modo diretto (co­sto di acquisizione) ma anche distribuito nel tempo (costi di esercizio e manutenzione) o legato a eventi derivanti dall’oggetto/servi­zio acquistato (costi consequenziali o “event related costs”).

Proprio questi due aspetti del sustainable pro­curement rendono particolarmente interes­sante il tema nell’ambito dei servizi di manu­tenzione e facility management dal momento che tali servizi sono comunque caratterizzati da alcuni fattori che li rendono sensibili rispet­to al tema della sostenibilità ambientale, eco­nomica e sociale.

In primo luogo la filiera di fornitura dei servizi di manutenzione si caratterizza per la sua lun­ghezza e per la sua estensione disciplinare e territoriale: l’approvvigionamento di un servizio di manutenzione o di facility management vede dietro l’assuntore del contratto una importante quantità di sotto fornitori di discipline differenti (dai servizi alla persona come la ristorazione a servizi all’edificio come la manutenzione mec­canica o civile).

Quasi sempre questi subfornitori sono orga­nizzati a loro volta in filiere di fornitura più o meno lunghe e localizzati geograficamente in maniera spesso concentrata e radicata nel territorio rendendo necessaria, da parte del fornitore del servizio di FM, la orga­nizzazione di una filiera di fornitura distribuita sul territorio per fornire servizi a clienti con asset distribuiti.

In secondo luogo i servizi di manutenzione di edifici o infrastrutture pos­sono interagire sensibilmente con la gestione dei rischi derivanti dall’uti­lizzo di un asset costruito:

  • per quanto riguarda i rischi per l’ambiente che può essere impattato dai prodotti e sostanze utilizzati per la manutenzione o che può esse­re danneggiato dal cattivo funzionamento di un impianto nel caso in cui la sua manutenzione sia stata carente;
  • per quanto riguarda i rischi per la sicurezza delle persone che può essere messa in crisi sia nello svolgimento delle attività di manu­tenzione sia, come nel caso precedente, dalla mancata effettuazione della necessaria manutenzione che può alterare il funzionamento di organi di sicurezza o di altre parti dell’asset.

Conclusioni

Infine le attività di manutenzione e Facility management hanno un legame diretto con il costo globale di un edificio sia, evidentemente, per il con­trollo dei costi di esercizio e manutenzione sia, forse meno chiaramente percepito dal mercato, per il controllo dei costi consequenziali e cioè i costi derivanti da guasti o danni dell’edificio derivanti da una carente o errata manutenzione.

 

Giancarlo Paganin,
Department of Architecture and Urban Studies (DASTU), PoliMi

Pubblicato il Luglio 11, 2019 - (11 views)
Articoli correlati
Omron assegna il Best Distributor Award ad Avnet Abacus
Lubrificanti per l'industria dei trasporti
Manutenzione ed efficienza 4.0: Il caso Andritz
Termocamere a infrarossi ed elevata risoluzione
Connettori di alimentazione
Condition monitoring per materiale rotabile
Il TPM non è più lui… in viaggio verso il non ancora
Il XVIII Convegno Nazionale dell’Osservatorio sulle Attività di Manutenzione degli Aeroporti
Autobus elettrici e ibridi, come cambiano le strutture di manutenzione?
Asset Management basato sul valore
Test per veicoli elettrici
Soluzioni per bloccaggio
Iniettori di lubrificazione
Fiera della ferramenta
Giravite con impugnatura trimateriale
Trasmettitori e sensori IoT
Valvole industriali
Elettropompe in acciaio duplex
Disco ad alta velocità
Serbatoio per il collaudo di solette
Termocamere a infrarossi ed elevata risoluzione
Disco ad alta velocità
Analizzatore per misurare gas di combustione
Sistema di condition monitoring
Condition monitoring per materiale rotabile
Telecamera acustica
Lime per carrozzeria
Misuratori elettromagnetici
Inverter per sistemi di pompaggio
Sistema di allineamento ottico
Disco ad alta velocità
Sistema di condition monitoring
Laser scanner di sicurezza
Telecamera acustica
Rugosimetri compatti
Lime per carrozzeria
Aspiratore in modalità cordless
Encoder con interfaccia IO-Link
E-Mobility, apparecchiature per la verifica delle stazioni di ricarica per veicoli elettrici
WI-CARE: il sensore per l'analisi spettrale online