Treni d’epoca, una sfida manutentiva

  Richiedi informazioni / contattami

Da una necessità contingente a un’opportunità di crescita per le officine ferroviarie

Treni d’epoca, una sfida manutentiva
Treni d’epoca, una sfida manutentiva
Treni d’epoca, una sfida manutentiva
Treni d’epoca, una sfida manutentiva

Il secondo convegno dell’Osservatorio Manu­tenzione 4.0, di cui si parla diffusamente in altra parte della Rivista, ha posto in particolare l’ac­cento sul concetto di Asset Integrity.

Questo ci porta necessariamente alle proble­matiche della manutenzione delle infrastruttu­re, in primis quelle del trasporto, che abbiamo sia pur sommariamente trattato nei mesi scor­si e su cui ritorniamo nell’attuale numero della Rivista.

A corollario di questo, dal mare magnum dei discorsi e delle polemiche, vogliamo rimarcare il fatto che si continua a fare molta confusio­ne, anche da organi Ministeriali, sui concetti di Manutenzione Ordinaria e straordinaria. Sugge­riamo a questi signori di andarsi a leggere la norma UNI 11063.

Il contributo di Man.Tra di questo mese riguarda la manutenzione dei veicoli ferroviari storici e la riscoperta di impianti e linee dimenticate. Ci au­guriamo che al di là delle norme e leggi esistenti si tratti di una nuova consapevolezza e attenzio­ne, sia pure in un settore particolare, verso la conoscenza del nostro patrimonio storico.

Bruno Sasso

La conservazione dei veicoli ferroviari ha ri­cevuto in Italia a partire degli anni Novanta un grande impulso, anche sulla spinta delle nu­merose associazioni di volontariato sorte nel frattempo e di una nuova cultura che spinge a valorizzare il patrimonio storico esistente.

Impianti, linee secondarie, rotabili anche di pre­stigio diventano sempre più un veicolo di busi­ness e promozione del territorio, nel quadro di un grande movimento culturale che ha avuto un suo momento di successo nella promulgazione della Legge 9 agosto 2017, n. 128 sull’istituzione delle ferrovie turistiche.

Il ruolo di protagonista indiscusso di questo settore è svolto da Fondazione Ferrovie dello Stato italiane che, raccogliendo la sfida lanciata nel passato da grandi dirigenti ferroviari come Piero Muscolino, grazie all’infaticabile opera del Direttore Luigi Cantamessa ha portato alla cre­azione di una vera e propria eccellenza a livello mondiale, per quantità, varietà e qualità dei ro­tabili conservati e mantenuti atti all’esercizio e per un’offerta commerciale su linee dal valore storico-paesaggistico di livello mondiale.

La manutenzione dei rotabili storici

Tutto ciò porta però a una nuova sfida rappre­sentata dalla manutenzione di questo ingente parco veicoli. Le atipicità sono infatti evidenti:

  • Età media, per definizione, avanzata
  • Ciclo di vita dei beni tendenzialmente infinito
  • Basso grado di standardizzazione dei com­ponenti
  • Tecnologie estremamente eterogenee
  • Documentazione di manutenzione spesso non disponibile
  • Alto grado di dipendenza dalle competenze personali

Il concetto stesso di treno storico è indissolubil­mente legato alla locomotiva a vapore, gioia per appassionati e turisti ma anche dolore per le strut­ture manutentive vista l’ormai esigua diffusione di tecnici specializzati. Le operazioni di manutenzio­ne di una locomotiva di questo tipo richiedono in­fatti elevate competenze di meccanica - soprattut­to per gli interventi relativi al rodiggio e al sistema di distribuzione del moto - e di termodinamica, ormai ben rare a trovarsi negli attuari conduttori di caldaie. La revisione delle stesse rappresenta nel contempo una criticità, stante il basso nume­ro di potenziali fornitori qualificati/qualificabili, ma al tempo stesso un’opportunità di business per quanti sappiano proporsi quale soggetto disposto a co-investire nel settore.

I cosiddetti veicoli leggeri, dai grandi e costosi elettrotreni alle piccole e versatili automotrici, ri­chiedono a loro volta particolari attenzioni, perché un uso saltuario e non corretto unito alla scarsa conoscenza dei singoli impianti porta a rischi come quello che portò purtroppo alla distruzione in seguito ad un incendio dell’ALn 990.2038.

Discorso a parte meritano i veicoli rimorchiati ed in particolare il parco carrozze eterogeneo e dif­fuso sul territorio nazionale di proprietà della stes­sa Fondazione o delle ferrovie regionali. Si tratta in questo caso di rotabili caratterizzati generalmente da arredi e finiture particolari, seppur talora spar­tane, per le quali occorre coniugare una profonda conoscenza delle normative cogenti in materia di sicurezza (impianti elettrici e pneumatici) con la capacità di attuare lavorazioni ormai scomparse, caratteristiche dei reparti falegnameria e selleria.

Ultimo, non ultimo, la lotta ai graffiti: seppur gene­ralmente custoditi in siti dedicati, purtroppo nep­pure i veicoli storici sono esenti da questo tipo di vandalismi. La tecnologia comincia ad offrire oggi soluzioni all’avanguardia il cui impiego occorre va­lutare veicolo per veicolo: dai film nanomolecolari che impediscono alle vernici di aderire alle tecno­logie di dissuasione che trasformano le superfici in veri e propri microfoni in grado di intercettare il rumore degli spray utilizzati dai vandali e tradurlo in segnali di allarme.

La sfida della formazione

Il restauro di un veicolo d’epoca, fosse anche una piccola elettromotrice, è un’operazione estremamente costosa e di difficile quantifica­zione a priori, e rappresenta dunque una sfida per le officine di revisione: il risultato non è noto a priori, il rischio di sforare i preventivi è alto.

Quando però il risultato diventa di eccellenza anche l’eventuale disavanzo legato alla singo­la commessa, ed è questo l’aspetto chiave, può essere il corrispettivo di un investimento volto a formare le professionalità interne e a quali­ficare il fornitore stesso per tutte le operazioni su veicoli analoghi e per contrattualizzare - se si opera correttamente fin dall’inizio nel quadro di una strategia di investimenti chiara - tutte le operazioni successive di manutenzione corren­te e Revisione Generale.

Occorreva, invero, uno stimolo per l’offerta in presenza di una domanda, pur di nicchia, di tut­to rispetto e da questo punto di vista il recente orientamento di Fondazione FSI di affidare le commesse di manutenzione a contratti-qua­dro rappresenta un’opportunità che le aziende fornitrici devono saper cogliere; ciò potendo di­stribuire il ritorno dei propri investimenti in un adeguato lasso di tempo e soprattutto potendo reperire sul mercato quelle preziose competen­ze che ancora esistono, trasformandole a loro volta in un capitale da valorizzare formando i manutentori più giovani.

Proprio quest’ultimo tema è invero quello cen­trale: i treni d’epoca rappresentano non solo la storia di un sistema di trasporto ma anche quel­la di tutte le tecnologie impiegate: quale labora­torio migliore per sviluppare e mantenere tutte le competenze necessarie?

Alessandro Sasso, Presidente Man.Tra, Coordinatore Regionale A.I.MAN. Liguria

Pubblicato il Dicembre 14, 2018 - (37 views)
Articoli correlati
Disponibile il video del webinar di Oilsafe sui metodi di estrazione del contaminante
Partecipa al webinar Infor sulla gestione degli asset
Etichette Avery per usi industriali
Paura del rinoceronte? Tranquilli, ci pensa A-SAFE!
Le pompe Argal per l’acquario del più grande parco divertimenti al mondo
Partecipa al webinar di Oilsafe sui metodi di estrazione del contaminante
Etichette Avery in poliestere, forti e affidabili
Aldo Cedrone è il nuovo amministratore delegato di SKF Industrie Spa
Protezioni antiurto in stabilimento, un investimento dal ritorno certo
Essiccatori a refrigerazione per basse emissioni e sostenibilità ambientale
Tenute per farmaceutico e medicale
Manutenzione delle linee di produzione
Soluzioni nel settore dei cuscinetti per mandrini
Servizio di consulenza per l’analisi nel mondo del CMMS
Varnish Elimination Unit
Ricondizionamento pacchi tenuta per compressori alternativi
30 anni di competenza e professionalità
Cuscinetti radiali rigidi a sfere
Software per la gestione dei servizi di assistenza e manutenzione
Manutenzione preventiva degli oli
Etichette Avery per usi industriali
Paura del rinoceronte? Tranquilli, ci pensa A-SAFE!
Etichette Avery in poliestere, forti e affidabili
Cartelli per segnaletica prevenzione COVID-19
Manometro digitale con sensori risonanti al silicio
Pinza magnetica per la manipolazione di pezzi irregolari
Termocamere con fotocamera digitale integrata
Soluzione Plug & Play per quadri elettrici
Quadri di alimentazione a uso medicale
Coswin 8i
Disponibile il video del webinar di Oilsafe sui metodi di estrazione del contaminante
Etichette Avery per usi industriali
Paura del rinoceronte? Tranquilli, ci pensa A-SAFE!
Etichette Avery in poliestere, forti e affidabili
È online il video del Webinar "La digitalizzazione del Condition Monitoring alla base dell'Asset Management"
Con E-Repair riparti in sicurezza con l’anticipo di una scheda elettronica industriale sanificata
A-SAFE: barriere di sicurezza per aeroporti
"Come implementare un programma di Condition Monitoring", disponibile il video del webinar di Pruftechnik
Sistema di allineamento laser Rotalign Touch
Rilevatore di dati sulle vibrazioni ad alta velocità Vibscanner II con MQTT