Chi non si forma si ferma

  • Maggio 11, 2015
  • 322 views
  • Chi non si forma si ferma
    Chi non si forma si ferma

Sulla formazione in questi ultimi due anni abbiamo scritto molto, cercando soprattutto di farne capire l'importanza ai più alti livelli ad un ambiente, quello del trasporto, nel migliore dei casi tiepido e che ha affrontato il discorso formazione solo quando "costretto" da nuove normative o da nuovi contratti.

Mai la formazione è vista come un qualcosa di più, una carta vincente. Questa mentalità si riflette anche sui partecipanti ai corsi, soprattutto quando questi non vedono riflessi immediati (vedi esami di qualifica) sulla loro attività.

Abbiamo più volte riproposto questi temi, sia con articoli sia attraverso convegni e workshop, cercando di spingere nella direzione di una maggiore comprensione dell'importanza della formazione vista come potenziale upgrade dell'attività e non come una "rottura" necessaria.

 

I risultati, aggravati dal fatto della crisi economica generale e del settore trasporti in particolare (su tutti il TPL) sono stati per ora deludenti.

 

In questo numero della rivista con focus sui trasporti non vogliamo riproporre le solite "litanie" ma abbiamo cercato, con gli estensori degli articoli, di calare il concetto di formazione nella realtà operativa, dimostrando quanto la formazione possa contribuire non solo alla qualità del servizio offerto ma anche e soprattutto al miglioramento del sistema del trasporto in tutti i suoi diversi aspetti compresa la sicurezza e la salute dei lavoratori.

 

Ma non ci si limita ad una fotografia del presente. Vengono esplorati da diversi punti di vista gli sviluppi futuri attraverso testimonianze che hanno un sottile filo rosso che le unisce.

 

Il superamento cioè della formazione tradizionale e la necessità di estendere il concetto "formazione" a quello più ampio di "sviluppo delle competenze".

Viene descritta infine una nuova esperienza legata all'attività didattica, di cui abbiamo già accennato nell'articolo dello scorso mese di marzo, ancora in corso ed i cui risultati, se positivi come sembra, faranno scuola.

 

L'esperimento è condotto dall'Istituto Salesiani di Sesto San Giovanni in collaborazione con Istituzioni pubbliche e l'Associazione Manutenzione Trasporti MANTRA.

 

Vogliamo sperare che questa nuova strada possa essere valutata positivamente ai più alti livelli istituzionali e trovi un riconoscimento operativo nella futura prossima attività legislativa.

 

Ing. Bruno Sasso,

Coordinatore Sezione Trasporti di AIMAN 

La mission di IEN Italia è quella di fornire ai lettori informazioni su nuovi prodotti e servizi relativi alla progettazione industriale. Se desideri che nuovi prodotti della tua azienda vengano pubblicati su IEN Italia, invia alla nostra redazione un comunicato stampa tecnico. Per discutere opportunità editoriali o per inviare contributi editoriali, contatta la redazione.

Altri articoli Contatto