Gli Stati Generali della Green Economy

  Richiedi informazioni / contattami

Un report dall’ultima edizione di Ecomondo

Gli Stati Generali della Green Economy
Gli Stati Generali della Green Economy

Il 2020 ha segnato parecchi record, soprattutto negativi, e sarà ricordato dai nostri nipoti come l’anno che cambiò il corso della storia. Gli Stati Generali della Green Economy, la più importante manifestazione culturale del settore in Italia, seppur limitati dalla versione esclusivamente online, hanno puntato tutto sul New Green Deal, e molto sulla Economia Circolare. 

L’Economia Circolare è un sistema economico concepito per potersi rigenerare da solo, garantendo così anche la sua ecosostenibilità. Circolare perché a imitazione della natura l’output (lo scarto) di un processo è l’input (il cibo, l’alimentazione) per un altro processo in una circolarità che annulla il consumo delle risorse non rinnovabili o perlomeno lo riduce al minimo. 

In risposta alla crisi economica provocata dalla pandemia l’UE ha elaborato un piano di aiuti per la ripresa che prevede investimenti per 750 miliardi di euro. Tali fondi sono distribuiti agli stati membri sulla base dei piani di Ripresa e Resilienza (Recovery Plan). Circa il 40% di queste risorse dovranno essere destinate al sostegno di una “transizione verde” in accordo con il New Green Deal europeo. 

Nel corso degli interventi sono stati messi in discussione i seguenti pilastri della economia circolare: 

  • i rifiuti come risorsa per dare vita ad altri materiali utili e introduzione di soluzioni tecnologiche per il recupero atte a ottenere materie prime seconde di alta qualità da prodotti post-uso; 
  • progettazione di prodotti che durino più a lungo e siano concepiti per essere riutilizzati, riparati o aggiornati per il recupero delle proprie funzioni o sottoposti a procedimenti di riciclo – organico e meccanico – a elevata qualità, per il recupero di materiali; 
  • realizzazione di catene del valore a ciclo chiuso nella produzione e utilizzo di componenti e materiali, anche sfruttando opportunità di riuso e riciclo cross-settoriali; 
  • introduzione di modelli di sinergia tra sistemi di imprese presenti all’interno di uno specifico ambito economico territoriale (simbiosi industriale); 
  • incentivazione mediante contributi alle imprese che offrono un prodotto come servizio e l’uso condiviso del prodotto o il noleggio (es. Car Sharing); 

La Manutenzione, com’è facile intuire, ha un peso importante in molti di questi pilastri (vedi la nostra rubrica Appunti di Manutenzione in questo numero della rivista). 
Fra gli obiettivi è rafforzare e potenziare il Piano Industria 4.0 (oggi Piano Transizione 4.0) incentivando la ricerca e lo sviluppo per l’economia circolare e il trasferimento di fondi alle imprese, puntando a raddoppiare la percentuale di utilizzo di materiali circolari nel prossimo decennio. 
Il Piano per l'economia circolare si concentra sulle seguenti azioni: 

  • promuovere l’eco-progettazione; 
  • limitare i prodotti monouso; 
  • vietare la distruzione dei beni durevoli non venduti; 
  • integrare l’economia circolare nelle BAT (Best Available Techniques) e nei GPP (Green Public Procurement); 
  • promuovere la simbiosi industriale e la bio-economia; 
  • ridurre i rifiuti e dimezzare la quantità di rifiuti urbani residui (non riciclati) entro il 2030; 
  • armonizzare le raccolte differenziate; 
  • ridurre le sostanze pericolose e le microplastiche; 
  • sviluppare il mercato delle MPS (Materie Prime Seconde). 

Infine, il Piano si concentra prioritariamente sui settori che utilizzano più risorse e dove il potenziale di circolarità è elevato, quali: elettronica e ITC; batterie e veicoli; imballaggi; plastica; tessili; costruzioni e edilizia; prodotti alimentari, acqua e nutrienti. 
Maggiori dettagli li potete trovare nel sito ufficiale degli Stati Generali (www.statigenerali.org).


Maurizio Cattaneo, 
Amministratore di Global Service & Maintenance

Pubblicato il Novembre 12, 2020 - (263 views)
Articoli correlati
Analizzatore di rete per misurazioni senza errori
Azienda di acqua in bottiglia nordamericana si affida a Teledyne FLIR
Multimetri a pinza per impianti fotovoltaici
Collaborazione tra Royal HaskoningDHV e Mitsubishi Electric
Partnership strategica tra ROHM e Geely Automobile
Parker si impegna a realizzare operazioni a zero emissioni di CO2 entro il 2040
Mitsubishi Electric cura il sistema di climatizzazione di Arbe49
X-FAB offre capacità di stampa a micro trasferimento
Modello di crescita del Gruppo Atlas Copco in Veneto
Alsiter partecipa a MIAC 2021
Un supporto integrato per logistica e trasporti
Specialista in logistica e trasporti
Prolunghe con trasmissione a catena
Trasmettitori di pressione digitali
Nastri di tenute igieniche per farmaceutico e medicale
Troubleshooting delle reti industriali
Servizi per la manutenzione preventiva e predittiva
Apparecchiature di misura e controllo industriali
Strategie per la manutenzione preventiva
Monitoraggio permanente delle vibrazioni
Pulsanti e selettori per qualsiasi condizione ambientale
Ethernet industriale a lungo raggio
Nastri retrattili e cartelli in formato A4
Sensori a infrarossi intelligenti
Soluzione ECHO® wireless per il monitoraggio delle vibrazioni
Unità mobile per flussaggio piping
Protezioni antiurto per stazioni di ricarica
Misuratore di umidità HUMY
Viscosimetro MIVI per controlli e regolazioni di viscosità in continuo
Misuratori di portata pitot multipli SDF
Pulsanti e selettori per qualsiasi condizione ambientale
Sistemi di profilatura termica
Banco da lavoro a doppia altezza
Ethernet industriale a lungo raggio
Soluzione ECHO® wireless per il monitoraggio delle vibrazioni
Soluzione di storage per gli utensili
Viscosimetro MIVI per controlli e regolazioni di viscosità in continuo
Misuratori di portata termici
Misuratore di umidità solido ad infrarossi
Misuratori di portata ad ultrasuoni Clamp-On