Invitation to Tender (ITT) per la fornitura di servizi di FM

  Richiedi informazioni / contattami

Un documento fondamentale per Client e Service Provider nell’ambito del processo di gara

Figura 1 - Metodologia PDCA per i servizi di FM (Adattata dalla norma ISO 41001:2018)
Figura 1 - Metodologia PDCA per i servizi di FM (Adattata dalla norma ISO 41001:2018)

Introduzione

L’Invitation to Tender (ITT) per la fornitura di servizi di Facility Mangament (FM) rappresen­ta un documento di fondamentale importanza sia per il Client (richiedente) sia per il Service Provider (fornitore) nell’ambito del processo di gara. In particolare l’ITT, quale invito formale rivolto a potenziali Service Provider a presen­tare un’offerta per la fornitura di servizi di FM, dovrebbe contenere tutte le informazioni di cui gli offerenti potrebbero aver bisogno per elabo­rare correttamente le loro proposte in relazione alle esigenze e agli obiettivi del Client. Pertanto, è importante che il Client dedichi attenzione e tempo sufficienti per sviluppare accuratamente l’ITT al fine di:

  • assicurare un trasferimento adeguato e ac­curato delle sue strategie, politiche e bisogni ai potenziali fornitori di servizi;
  • aumentare la capacità di valutare adeguata­mente le offerte ricevute;
  • assicurare la completezza e la chiarezza del futuro contratto di FM;
  • ridurre possibili malintesi e contenziosi du­rante l’erogazione del servizio di FM.

Nonostante l’importanza fondamentale di que­sto documento, la pratica comune è attualmen­te caratterizzata dall’assenza di linee guida e strumenti condivisi e consolidati in grado di supportare le aziende nel processo di stesura dell’ITT. Di conseguenza, gli ITT risultano spes­so incompleti e carenti - in termini di contenuti - in parti significative che a volte possono gene­rare fraintendimenti tra le parti coinvolte e pos­sibili controversie future, nonché inefficienze economiche e operative.

Possibili criticità

In particolare, l’analisi e il confronto di diver­si ITT a scala nazionale consentono di notare diversi approcci nel richiedere servizi FM. No­nostante la molteplicità di approcci, è possibile trovare alcuni problemi ricorrenti e comuni che evidenziano come i Client non abbiano ancora raggiunto una piena maturità nella preparazione dell’ITT e come alcuni riferimenti di base non siano ancora completamente condivisi tra gli operatori, in particolare:

  • alcuni argomenti chiave essenziali spesso non sono presenti o non sono adeguata­mente correlati tra loro, come ad esempio: procedure di monitoraggio e controllo delle performance dei servizi e del Service Provi­der, definizione e allocazione di responsabi­lità e proprietà delle informazioni, ecc.;
  • i numerosi standard internazionali relativi ai servizi FM, che possono fornire linee gui­da e riferimenti condivisi molto utili, spesso sembrano sconosciuti o sottostimati;
  • i documenti che compongono l’ITT spesso presentano carenze e/o incoerenze tra ar­gomenti della stessa materia o ripetizioni e ridondanze che possono confondere gli of­ferenti nella preparazione delle offerte;
  • richieste troppo generali possono rendere difficile l’ottenimento di proposte compa­rabili tra loro e adeguate alla specificità del contesto (organizzazione e politiche del cliente, caratteristiche del settore immobi­liare, esigenze degli utenti, ecc.);
  • richieste troppo definite e prescrittive pos­sono inibire la capacità dei fornitori di servi­zi di sviluppare proposte in grado di attivare innovazione;
  • richieste eccessivamente ambiziose posso­no non essere compatibili con i costi allocati ai servizi o con le risorse disponibili del Client per attività future.

Tutte queste possibili criticità - variamente combinate - possono ave­re diverse conseguenze durante l’erogazione del servizio, ad esempio: possono rendere difficile la relazione tra il Client e il fornitore di servizi, possono influenzare la qualità del servizio e la soddisfazione del Cliente nel tempo, possono incrementare la possibilità di non conformità e appli­cazione di sanzioni, nonché ridurre l’efficienza e l’efficacia del fornitore di servizi.

Un supporto dalla ISO 41001:2018

Pertanto, alla luce di questa premessa, la fase di preparazione dell’ITT è di cruciale importanza e deve prevedere una attenta fase preliminare da parte del Client nella quale eseguire attività analitiche volte a inda­gare i vari aspetti fondamentali relativi alla sua organizzazione, quali ad esempio: analisi delle consistenze e caratteristiche del suo Real Estate; chiarificazione delle proprie politiche aziendali; analisi della sua organiz­zazione; rappresentazione dei processi di FM; identificazione di eventuali interdipendenze all’interno dei processi di FM; identificazione dei suoi principali obiettivi a medio e lungo termine (es. in termini economici; di prestazione dei servizi; ecc.); ecc.

In particolare, nell’ambito delle attività di analisi dei processi di FM e di indagine circa la presenza di interdipendenze all’interno degli stessi, un riferimento utile è rappresentato dalla norma ISO 41001:2018 Facility management - Management systems. Infatti, la norma ISO 41001:2018 sottolinea i vantaggi dell’adozione di un “Process Approach” nello svi­luppo e nell’implementazione di un sistema di gestione dei servizi di FM. Tale “approccio di processo” prevede l’analisi del sistema dei processi caratterizzanti un’or­ganizzazione, al fine di ottenere una panorami­ca generale dei collegamenti tra le varie attività, evidenziando le loro combinazioni e interazioni. Tale metodologia si riferisce al ciclo generale “Plan-Do-Check-Act” (PDCA) (ISO 9001: 2015) che può essere applicato ai processi di FM im­plementando le seguenti fasi (Figura 1) tra loro interconnesse:

  • pianificazione del servizio di FM. Questa prima fase consiste in diverse attività pre­liminari utili a definire le richieste e gli esiti previsti, quali: l’analisi del contesto dell’or­ganizzazione; la definizione degli obiettivi strategici e le modalità per misurare il loro raggiungimento; la definizione di ruoli orga­nizzativi, responsabilità, competenze, politi­che e autorità; l’identificazione delle risorse disponibili (finanziarie, umane e tecnologi­che); l’identificazione delle esigenze di co­noscenza nonché delle informazioni e dei documenti disponibili; ecc.
  • Implementazione del servizio. Questa fase riguarda l’implementazione e il controllo dei processi al fine di: soddisfare i requisiti e at­tuare le azioni pianificate; coordinare le attivi­tà; integrare servizi; raccogliere informazioni.
  • Misurazione del servizio. Questa fase impli­ca la supervisione, l’analisi e la valutazione dei servizi erogati sviluppando attività quali: pianificazione e implementazione di audit; re­visione del sistema di gestione servizi; ecc.
  • Miglioramento del servizio. Questa fase con­siste: nel rilevamento di eventuali non con­formità e nello sviluppo di azioni correttive, nella continua identificazione, valutazione e gestione di fattori interni ed esterni che in­cidono sui servizi, nonché nella proposta di azioni preventive proattive.

Conclusioni

Questo approccio consente di concentrarsi sui bisogni e sulle esigenze del Client considerando la prospettiva dell’intero ciclo di vita del servi­zio di FM, nonché sulla necessità di gestire e arricchire la base di conoscenze dell’organiz­zazione. Tali aspetti possono avere un impatto significativo sulla qualità dell’ITT aumentando le capacità del Client nell’identificazione delle sue esigenze attuali e future, utili al fine di esprime­re le sue richieste in relazione ai diversi servizi di FM e di tradurle correttamente in specifiche e requisiti.

Cinzia Talamo,
Professore ordinario in tecnologia dell’architettura, Politecnico di Milano

Nazly Atta,
Dottore di ricerca presso il Dipartimento ABC, Politecnico di Milano

Pubblicato il Luglio 11, 2019 - (64 views)
Articoli correlati
Utili operativi positivi per Schaeffler nonostante il calo di fatturato
Iscriviti al webinar sulle soluzioni digitali di Omninecs
Si conferma solido il primo semestre 2020 del Gruppo SKF
Livelle laser rotanti
Eiettore multistadio
Kit di igiene individuale anti-Covid
Alimentatori per Building Automation
Olfattometro per l'industria neurologica, cosmetica e alimentare
Sensori di pressione di Melt per polimeri
Manutenzione 1.0, si torna all’antico…
App di interfaccia con EAM
Lubrificazione pacchi tenuta e cilindri
Valvole industriali per il petrolchimico
Sensoristica per l'Internet of Things
Barriere di sicurezza aeroportuali
Kit di estrattori per viti
CMMS per la gestione degli asset
Accelerometro digitale Plug-n-Play
Piattaforma software per verifiche elettriche
Centro di formazione per le tecnologie di movimentazione
Cartelli per segnaletica prevenzione COVID-19
Manometro digitale con sensori risonanti al silicio
Pinza magnetica per la manipolazione di pezzi irregolari
Termocamere con fotocamera digitale integrata
Soluzione Plug & Play per quadri elettrici
Quadri di alimentazione a uso medicale
Coswin 8i
I pressostati di Precision Fluid Controls utilizzati per i sistemi di respirazione delle terapie intensive
Sensore di pressione con funzione di pressostato
Morsetti sensori/attuatori
È online il video del Webinar "La digitalizzazione del Condition Monitoring alla base dell'Asset Management"
Con E-Repair riparti in sicurezza con l’anticipo di una scheda elettronica industriale sanificata
A-SAFE: barriere di sicurezza per aeroporti
"Come implementare un programma di Condition Monitoring", disponibile il video del webinar di Pruftechnik
Sistema di allineamento laser Rotalign Touch
Rilevatore di dati sulle vibrazioni ad alta velocità Vibscanner II con MQTT
Vibguard IoT: sistema di monitoraggio online delle condizioni di livello elevato per risorse critiche
Come approfondire le competenze verso la Digital Transformation? Guarda il video del webinar di FESTO CTE
A-SAFE presenta RackEye™
E-Repair: una nuova frontiera della manutenzione predittiva