Come attestare la qualità del servizio reso di manutenzione

  Richiedi informazioni / contattami

Disposizioni in materia di professioni non organizzate in Ordini, ai sensi della Legge 4/2013

Come attestare la qualità del servizio reso di manutenzione
Come attestare la qualità del servizio reso di manutenzione

Il professionista di manutenzione

Con la pubblicazione della Legge 4/2013, ogni pro­fessionista non facente parte di categorie ordinisti­che (medici, avvocati, ingegneri, architetti, ecc), ha l’obbligo di fare espresso riferimento agli estremi della Legge in ogni attività o carteggio scritto, in particolare nel rapporto con il Cliente. Nei docu­menti dovrà quindi apparire la seguente scrittura: “professionista ex Legge n° 4 del 14 gennaio 2013”.

Per “professioni” si intendono quelle esercitate in forma individuale, societaria o come dipendente. L’inadempimento, ai sensi del Codice del consumo Dlgs 206/2005, rientra tra le pratiche commerciali scorrette tra professionisti e consumatori, ed è pu­nibile con una sanzione amministrativa che va da 5.000 a 500.000 €

Ma quali sono queste professioni soggette alla Leg­ge 4/13? Chi può definirsi “professionista” e sulla base di quale modello di competenze?

L’ art 6 della Legge 4/13 stabilisce che la qualifica­zione della prestazione professionale si basa sulla conformità della medesima a norme tecniche UNI, EN, ISO, UNI. Quindi che requisiti, competenze e modalità di esercizio delle attività individuate dalla normativa tecnica costituiscono principi e criteri generali che disciplinano l’esercizio della singola attività professionale e ne assicurano la qualificazione.

Con la pubblicazione della Norma UNI 11420 “quali­ficazione del personale di manutenzione” l’Italia è la prima nazione in Europa a mettere ordine sui criteri di qualificazione delle figure professionali di manu­tenzione e sulle competenze minime per attestarle.

Sulla traccia della Norma UNI 11420, poi recepita integralmente nella Norma Europea EN 15628, il CICPND è stato il primo Ente di certificazione a sti­lare un Regolamento di Certificazione; regolamento poi approvato da Accredia.

La presenza di una Normativa Europea e di una certificazione approvata da Accredia rendono di fatto la manutenzione una professione, in quanto esiste adesso un modello di riferimento standard a cui orientarsi. È possibile pertanto una qualificazio­ne delle competenze di manutenzione ai sensi della Norma Europea UNI EN 15628 ed una certificazio­ne delle stesse da parte di un organismo di accre­ditamento. Queste competenze hanno di fatto un riconoscimento anche nelle altre nazioni europee.

Le associazioni professionali

Con la Legge 4/13 viene promossa la nascita delle Associazioni Professionali che, ai sensi dell’articolo 7, possono autorizzare i propri associati ad utilizzare il riferimento alla Associazione quale marchio o attestato di qualità e di qualificazione dei propri ser­vizi. Al fine di tutelare i consumatori e di garantire la trasparenza del mercato dei servizi professionali, le associazioni professionali possono infatti rilascia­re ai propri iscritti, previe le necessarie verifiche, un’attestazione relativa:

  • alla regolare iscrizione del professionista all’as­sociazione;
  • agli standard qualitativi e di qualificazione pro­fessionale che gli iscritti sono tenuti a rispettare nell’esercizio dell’attivita’ professionale ai fini del mantenimento dell’iscrizione all’associazione;
  • all’eventuale possesso da parte del professioni­sta iscritto di una certificazione, rilasciata da un organismo accreditato, relativa alla conformita’ alla norma tecnica UNI.

Le Associazioni Professionali che rilasciano l’atte­stato di qualità e di qualificazione professionale dei servizi prestati dai soci, sono inserite nell’elenco pubblicato dal Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE). Ai sensi dell’art 8 della Legge 4/13 il profes­sionista iscritto all’associazione professionale e che ne utilizza l’attestazione ha l’obbligo di informare l’utenza del proprio numero di iscrizione all’asso­ciazione.

AssoEMan-Associazione Esperti di Manutenzione

Nel 2015 è stata costituita AssoEman, associazio­ne professionale inserita negli elenchi pubblicati dal MiSE AssoEman può pertanto rilasciare un attestato di qualità o di qualificazione professiona­le dei servizi prestati dai soci, in particolare auto­rizzando l’uso del proprio marchio nelle seguenti condizioni

Marchio Golden, relativo ai soci in possesso di certificazione delle competenze rilasciato da Organismo di certificazione approvato da Ac­credia

Marchio Silver, relativo a soci in possesso di qualificazione rilasciata da Enti Formativi tito­lati

Il professionista di manutenzione e socio AssoEman dovrà pertanto indicare nella propria documentazione rivolta al Cliente, la seguente dicitura “professionista ex legge n° 4 del 14 gennaio 2013, iscritto Assoeman - Associazione Professionale degli Esperti di Manutenzione, categoria golden (o silver ), registrazione n° …….data……”

Differenza tra le due dichiarazioni da parte del professionista di manutenzione

Nel primo caso siamo in presenza di una forma di autoregolamentazione; ovvero il professionista dichiara, sotto la sua responsabilità, di possedere i requisiti professionali definiti dalla Norma UNI EN 15628, ma da parte del Cliente non esistono tutele o garanzie essendo difficile verificare la veridicità dei dati.Nel secondo caso è invece Assoeman che, in base ai criteri di Legge e di Regolamento inter­no, attesta il possesso dei requisiti di qualità e di qualificazione del Socio, diventando di fatto garante dei diritti del Cliente. Infatti, in base all’art 10 della Legge 4/13, il rilascio dell’attestazione contenente informazioni non veritiere, sono sanzionabili ai sen­si dell’art. 27 del codice del consumo.

Conclusioni

Con la pubblicazione della Norma Europea UNI EN 15628 la manutenzione è riconosciuta come una professione.

Ricordiamo che la Norma UNI EN 15628 descrive nel dettaglio le competenze distintive delle figure di:

  • Specialista di Manutenzione
  • SuperVisor di Manutenzione
  • Ingegnere di Manutenzione
  • Responsabile del Servizio Manutenzione

Chiunque eserciti una di queste professioni, sia in forma autonoma e sia in forma societaria, ha l’ob­bligo di dichiarare il riferimento alla Legge 4/13.

Si rimarca che la iscrizione alla associazione pro­fessionale non è obbligatoria, ma l’attestazione ri­lasciata dalla Associazione, proprio per i criteri di trasparenza a cui è soggetta, conferisce di fatto una specie di “bollino blu” (cfr. il Sole24 ore) al profes­sionista iscritto con un numero di registrazione che ne consente la tracciabilità.

 

Francesco Gittarelli, Presidente Assoeman, Consigliere A.I.MAN., Resp. Centro Certificazioni Festo-CICPND,membro Commissione UNI Manutenzione

Pubblicato il Aprile 11, 2018 - (5337 views)
Articoli correlati
Sensore radar per la misura continua di livello
È online il nuovo sito di BIG KAISER
Presentata la terza edizione di IVS
Dispositivo per prova di tenuta impianti
Premiati da FANUC gli studenti in visita ad Arese
Unità di centraggio
Federmeccanica sceglie Telwin per la sua assemblea
Sistema di trattamento aria compressa
Giunti in acciaio a denti bombati
Segmenti lamellari a esecuzione semplice e doppia
Suite di prodotti per l'Industry 4.0
Sistema di monitoraggio dei parametri elettrici
Suite completa per l'industria
Rilevatori a ultrasuoni per l'industria
Termocamera con design compatto
Analizzatore portatile per applicazioni industriali
Cuscinetti radiali rigidi a sfere
Multimetro palmare All in One
Prodotti e soluzioni per le macchine agricole
Grasso lubrificante ad alte prestazioni
Sensore radar per la misura continua di livello
Presentata la terza edizione di IVS
Dispositivo per prova di tenuta impianti
Unità di centraggio
Giunti in acciaio a denti bombati
Analizzatori qualità della tensione
App mobile per gestione delle ispezioni
Indicatori per posizionamento organi di macchina
Sensore ultracompatto
Sonde per macchine riempitrici
Sensore radar per la misura continua di livello
Dispositivo per prova di tenuta impianti
Unità di centraggio
Analizzatori qualità della tensione
App mobile per gestione delle ispezioni
Strumento di controllo dinamometrico
Respiratore a filtro assistito
Il FullService MEWA che solleva il cliente dalle incombenze
Sensore ultracompatto
RS Components ha riunito i suoi partner e clienti al Techday di Lille