Cronache di un paese in dissesto

  Richiedi informazioni / contattami

Perché è necessario avviare una nuova stagione di interventi

Cronache di un paese in dissesto
Cronache di un paese in dissesto

Nel numero di febbraio della rivista, in aper­tura alla rubrica trasporti, abbiamo ricor­dato la 73° Conferenza Nazionale del Traffico e della Circolazione focalizzata sul fabbisogno di manutenzione della rete viaria, in particola­re quella secondaria. Nella Conferenza è stato presentato uno studio (reperibile su internet) realizzato dalla Fondazione Caracciolo/ACI sul recupero dell’arretrato manutentivo della rete viaria secondaria.

Riteniamo cosa utile, poiché questi avvenimenti sono quasi sempre riservati agli addetti ai la­vori, quindi con poca circolazione all’esterno, riproporre alcuni argomenti riportati in questo studio al fine di comprendere meglio quale è lo stato dell’arte nella manutenzione delle infra­strutture e che cosa c’è (ci sarebbe…) da fare.

Premessa

La ricerca parte dalla premessa che la rete viaria nazionale, guardando al tempo in cui fu costruita e ampliata e alle caratteristiche com­plesse del territorio, può definirsi un’opera di alta ingegneria, costruita per unire l’Italia, supe­rando l’orografia di un paese montuoso e ricco di corsi d’acqua.

La sua unicità risiede nella straordinaria con­centrazione di “opere d’arte” (ponti, viadotti, gallerie) che costituiscono un patrimonio unico ma al tempo stesso delicato, perché bisognoso di interventi manutentivi complessi e imponen­ti e di ingenti stanziamenti che sono divenuti sempre più esigui nel tempo, rendendo l’intera rete nazionale, nel contesto europeo, una fra le più ammalorate sotto il profilo della conserva­zione.

C’è quindi la constatazione di un crescente de­grado manutentivo, nel quale l’incuria di alcuni manufatti e lo stato ammalorato delle pavimen­tazioni costituiscono cause sempre più frequen­ti degli incidenti stradali, che nemmeno i nuovi standard di sicurezza dei veicoli di recente co­struzione o i più moderni sistemi di controllo delle violazioni in remoto riescono ad evitare.

Si richiede, da più parti, un radicale cambio di rotta normativo, finanziario e gestionale, per af­frontare l’attività ordinaria e, contestualmente, intervenire sull’attuale emergenziale stato di conservazione delle infrastrutture nazionali.

Situazione

Si è rilevato che gli stanziamenti degli ultimi anni, partendo dalla spesa storica, sono stati progressivamente ridotti, senza che vi fosse, quantomeno a livello centrale, una reale sti­ma degli interventi e delle risorse necessarie. L’esigenza manutentiva è cresciuta nel tempo poiché la stragrande maggioranza delle opere in calcestruzzo (non solo in Italia, ma nell’intera Europa) festeggia il suo cinquantesimo comple­anno e completa così la sua vita utile.

È pertanto necessario avviare una nuova sta­gione di interventi. C’è in ballo l’esigenza di ga­rantire adeguati standard di sicurezza stradale, ma anche l’opportunità di avviare un circolo vir­tuoso di sostegno allo sviluppo economico di un Paese nel quale la crisi dell’ultimo decennio ha comportato il fallimento di 120.000 imprese e la perdita di 600.000 posti di lavoro nel settore delle costruzioni.

Per capire l’importanza del problema della via­bilità secondaria basta considerare la figura.

Diventa di conseguenza strategico occuparsi della manutenzione del patrimonio viario ex­traurbano secondario, fermo restando la ne­cessità di nuove particolari infrastrutture mirate al trasporto.

Perché allora non si va avanti su questa strada?

Possiamo indicare tra gli altri alcuni fattori:

  • la crisi, prima finanziaria, poi economica e quindi sociale;
  • la frammentazione delle competenze che sono esercitate sulle strade, particolarmente in tema di manutenzione;
  • la capacità (incapacità) che tali competenze possono esercitare, intendendo non solo quel­la di ordine tecnico, ma soprattutto quella fi­nanziaria e di risorse operative disponibili.

 

C’è anche da dire che la citata frammentazione delle competenze non è solo limitata a tratti di viabilità diversi ma spesso si esercita sul me­desimo arco stradale in relazione per esempio a ciò che attiene la manutenzione ordinaria e quella straordinaria, determinando non rara­mente complessi contenziosi di natura tecnico amministrativa cui conseguono ritardi e mag­giori oneri nell’esecuzione dei lavori (per non parlare degli incidenti e delle loro conseguenze).

Infine la ridotta e quasi azzerata manutenzio­ne dell’ultimo decennio, ha determinato locali degradi, ammaloramenti e danneggiamenti dell’intero corpo stradale che hanno portato la rete esistente ad una forte contrazione degli standard di sicurezza, se non alla chiusura di sezioni delle infrastrutture. Quest’ultima circo­stanza, in un Paese come l’Italia, ha prodotto l’i­solamento di fatto di aree già economicamente marginali, sino alla chiusura di attività economi­che e a più o meno lenti spopolamenti.

Lo studio continua approfondendo tutti i diversi aspetti della gestione del sistema delle infrast

rutture viarie e su cui non è il caso di soffer­marci ulteriormente.

Gestione della manutenzione del settore

È estremamente carente.

Basta dire che descrivere l’intricato sistema nel quale le attività di manutenzione delle reti stradali italiane vengono pianificate, monitorate e condotte risulta un’operazione dai profili com­plessi, in virtù del dinamico rapporto tra com­petenze di gestione, caratteristiche della rete e linee di investimento.

Ad esempio è innanzi

tutto necessario distinguere tra la natura degli investimenti per la manutenzione tra le diver­se reti componenti il sistema viario nazionale in quanto le linee di finanziamento relative alla rete di interesse nazionale (ANAS) e quella provinciale/regionale, seguono dei percorsi so­stanzialmente diversi.

Altra diversità è il criterio alla base degli investi­menti stessi o, per meglio dire, la giustificazione del quantum destinato ai singoli enti di gestio­ne, in relazione alle caratteristiche della rete di competenza, dell’effettiva necessità di manu­tenzione, dei rischi connessi ad un’eventuale negligenza manutentiva ecc.

Aspetti economici e finanziari

Scendere nel dettaglio sul problema finanziario ci porterebbe lontano. Restiamo quindi ai dati complessivi forniti dalla ricerca per quanto ri­guarda la rete extraurbana secondaria:

  • fabbisogno finanziario chilometrico annuale per la manutenzione ordinaria: 13.000 euro;
  • fabbisogno finanziario chilometrico annuale per la manutenzione straordinaria: 33.000 euro;
  • fabbisogno generale: 46.000 euro.

In totale si ipotizza un fabbisogno annuo di ma­nutenzione di 6,1 miliardi di euro. Rapportando inoltre il valore del fabbisogno annuo agli inve­stimenti in manutenzione degli ultimi 10 anni si ricava che l’emergenza infrastrutturale (solo per la rete considerata) dovuta a mancati inter­venti è di 42 miliardi di euro. Poiché per i pros­simi anni gli stanziamenti previsti sono valutati dalla ricerca in 0,5 miliardi di euro all’anno, per raggiungere i 6,1 miliardi necessari alla manu­tenzione dell’intera rete extraurbana secondaria sarebbe necessario un incremento di 5,6 mi­liardi all’anno.

Un altro aspetto interessante dello studio è la valutazione sulla crescita economica. Infatti si stima che l’incremento di spesa valga un punto di PIL e 120.000 posti di lavoro. Infine l’analisi delle statistiche ISTAT indica che gli incidenti stradali più gravi si verificano sulle strade ex­traurbane. Infatti sia l’indice di mortalità (morti ogni cento incidenti) che l’indice di gravità (nu­mero di morti rispetto al totale di morti e feriti) risultano più che doppi rispetto a quelli riscon­trati in ambito urbano.

Da questi pochi cenni risulta chiaramente che il recupero dell’arretrato manutentivo del settore è una delle priorità del Paese.

Purtroppo non è l’unica.

Bruno Sasso, Coordinatore Sezione Trasporti A.I.MAN.

Pubblicato il Marzo 8, 2019 - (15 views)
Articoli correlati
IVS – INDUSTRIAL VALVE SUMMIT 2019
Dispositivo di comunicazione per condizioni estreme
Contaminazione del fluido idraulico: pericolo guasto
Le età della manutenzione e dell’Asset Management
In presenza di mercati maturi
La gestione del parco installato
Ottimizzare la raccolta dei dati di manutenzione
L’Augmented Reality in manutenzione e Service
Le tecnologie additive nella manutenzione dei beni strumentali
La filiale italiana di Stahwille ha un proprio sito web
Pompe in ghisa e acciaio inossidabile
CMMS d'avanguardia per la manutenzione
Strumento per la verifica elettrica
Dispositivi per il bloccaggio
Strumento universale per misura parametri
Know-how per sistemi complessi
Prodotti di qualità
Software full web
Valvole, raccordi e manifold
Allineamento ottico laser
Dispositivo di comunicazione per condizioni estreme
Misura parametri ambientali
Strumento per la verifica elettrica
Strumento universale per misura parametri
Allineamento ottico laser
Granulo ceramico
Oscilloscopi con interfaccia ergonomica
Dispositivo per il monitoraggio e il controllo di processi elettrici
Puntatori laser
Accumulatore a sacca
Misura parametri ambientali
Condition Based Maintenance nell’Automotive
Puntatori laser
BradyPrinter i3300: straordinariamente versatile
Rugosimetri portatili per l'industria
Motori per industria alimentare
Monitoraggio delle condizioni Cloud Connected
Grassi per cuscinetti volventi
Barriere di protezione e sicurezza
Sensore wireless