Fosse in officina, quali rischi?

  Richiedi informazioni / contattami

Perché è necessario identificare quali tra questi ambienti siano potenzialmente definibili come spazi confinati

Fosse in officina, quali rischi?
Fosse in officina, quali rischi?

Proseguendo nell’ideale percorso di identi­ficazione delle buone pratiche di “officina sicura”, trattiamo questo mese uno specifico aspetto che ha suscitato più di un interrogativo e che merita attenzione, quello delle fosse di visita/manutenzione dei veicoli che potrebbe­ro in alcuni casi essere identificate quali “spa­zi confinati”, e dunque sottoposte alla specifi­ca legislazione in materia.

Quanto esposto ha validità generale, trovando ap­plicazione anche nel caso di officine ferroviarie, pur facendo qui specifico riferimento al mondo delle autofficine.

Fosse e spazi confinati

Nel periodo 2009-2010 si sono registrati diversi incidenti che hanno coinvolto lavoratori impie­gati all’interno di spazi quali vasche, serbatoi, ecc. a seguito dei quali è stato emesso il DPR 177/2011, pubblicato sulla GU n. 260 dell’8 no­vembre 2011. Tale strumento ha mostrato limiti ben noti agli addetti al settore a causa della per­manente necessità di precisazioni rispetto alla sua corretta applicazione Le officine per la ma­nutenzione di veicoli non fanno eccezione, es­sendo in esse presenti aree definite o definibili quali “spazi confinati” per le quali permane am­biguità rispetto all’applicabilità del citato DPR.

Incidenti causati da contatto con gaso o vapori o cadute dall’alto o in profondità, anch’essi tipici di ambienti di lavoro complessi come le officine rappresentavano, nel 2014, rispettivamente il 52% e il 24% degli infortuni registrati dall’INAIL.

Vale la pena approfondire il tema del citato De­creto, che si applica dichiaratamente a “lavori in ambienti sospetti di inquinamento di cui agli ar­ticoli 66 e 121 del Dlgs 81/08, e negli “ambien­ti confinati” di cui all’allegato IV, punto 3 dello stesso: si tratta in effetti di un campo di azione estremamente vasto che sottopone i responsa­bili di manutenzione e gli RSPP alla possibilità di sottostimare le misure cautelative da prevedersi per la riduzione del rischio.

In accordo con la norma CEI EN 60079-10, le officine di riparazione di autoveicoli di “tipo B” sono quelle nelle quali si interviene sui circu­iti di carburanti e/o si eseguono lavorazioni a caldo; nelle stesse possono essere presenti le cosiddette “fosse”; altri impianti presi in con­siderazione dalla norma sono le officine dove si svolgono operazioni di verniciatura o ancora quelle in cui vengono effettuati interventi sul si­stema ad alta pressione di GPL o CNG. Come si classificano questi ambienti di lavoro?

Verso una buona pratica di gestione

L’interrogativo rimane aperto a causa dell’inde­terminatezza dei termini utilizzati nel citato DPR 177/2011 che fa riferimento ad un insieme di luoghi, ivi comprese le gallerie stradali e ferro­viarie, estremamente ampio.

Occorre dunque attuare buone pratiche di veri­fica che consentano in ogni caso di identificare correttamente e ridurre il rischio.

Fra le pubblicazioni che agevolano questa atti­vità si segnala la lista di controlli da attuare per le fosse di ispezione pubblicata dal Consiglio Federale per la Sicurezza sul Lavoro (CFSL) Svizzero e il manuale per la prevenzione nelle attività e riparazione “Salute e sicurezza nel­le autofficine” redatto a cura della Regione del Veneto.

Va ricordato a tale proposito che già il rispetto della UNI 9721:2009 è condizione necessaria per consi­derare affrontato il tema. In particolare, tale dispo­sitivo interviene a livello di:

  • Numero di accessi alle fosse e loro distanza
  • Scale e rampe di testata e loro dimensioni
  • Larghezza del piano di calpestio
  • Profondità della fossa
  • Impianti tecnici presenti e loro collocazione
  • Posizione delle prese
  • Sistemi di protezione contro la caduta per i tratti non occupati

 

Per l’ultimo punto sono interessanti le copertu­re telescopiche in corso di diffusione, che hanno il vantaggio di recuperare superficie pedonabile preziosa nel caso si operi in ambienti angusti; la copertura delle fosse in caso di inutilizzo è in ogni caso una buona pratica sempre raccomandata.

Altre precauzioni da attuare sono le seguenti:

  • Utilizzo di materiale antiscivolo su pavimento e scale per ridurre il rischio di cadute
  • Presenza di nicchie per il ricovero delle attrezzature da lavoro senza ingombrare il pavimento
  • Pulizia sistematica e con prodotti non nocivi
  • Aspirazione localizzata nel caso all’interno vengano effettuate lavorazioni che comportino emissione di sostanze pericolose (vapori di solventi, fumi di saldatura ecc.)

Anche quest’ultimo punto merita un approfondi­mento: per prevenire il rischio di incendio/esplosio­ne, è necessario garantire un ricambio d’aria tale da impedire la formazione di atmosfere esplosive. Occorre dunque dimensionare opportunamente le bocchette per il ricambio dell’aria per contenerne la velocità entro valori accettabili; per evitare infor­tuni, le stesse devono essere incassate nelle pareti della fossa.

Rispetto all’impianto elettrico, la normativa varia a seconda dell’impianto di alimentazione dei veicoli sottoposti a manutenzione: tradizionalmente si fa riferimento alla norma CEI 64-8/7 per le moto­rizzazioni a gasolio e alla CEI 31-30 per quelle a benzina o GPL. Un aspetto da non sottovalutare è la diffusione di CNG e GNL, che richiede di utilizza­re i requisiti più stringenti anche per quegli impianti tradizionalmente destinati ad ospitare, ad esempio, autobus a gasolio.

Evidentemente il concetto si estende anche alle lampade di emergenza utilizzate. Infine, è opportuno ricordare alcuni specifici comporta­menti da non attuare, quali l’arieggiamento della fossa tramite emissione di ossigeno, lo svuota­mento dei serbatoi di carburante di veicoli sulla fossa, l’utilizzo di solventi infiammabili e/o noci­vi in fossa e l’esecuzione di lavori di saldatura nelle vicinanze della fossa stessa in assenza di idonee misure precauzionali.

Conclusioni

Il caso specifico delle fosse di officina può es­sere esteso alla totalità degli ambienti potenzial­mente definibili quali spazi confinati: per quanto al momento non si registrino casi significativi di interpretazioni “estensive” del DPR 177/2011, è necessario che il responsabile di manutenzione analizzi i singoli luoghi di lavoro presenti, al fine di evidenziare quelli che rientrano nella classi­ficazione di tale Decreto, per procedere a una corretta identificazione dei pericoli e concorrere così, assieme all’RSPP aziendale, alla successi­va valutazione dei rischi.

 

Alessandro Sasso, Presidente ManTra, Coordinatore Regionale A.I.MAN. Liguria

Pubblicato il Aprile 12, 2019 - (148 views)
Articoli correlati
Sistema di utensili abrasivi per ampia gamma di lavorazioni
Abbonamento cuscinetti e prodotti di SKF
Stanley lancia gamma di utensileria meccanica
L’evoluzione futura delle problematiche tecniche e scientifiche della rivista
Propulsione elettrica negli asset aeroportuali
Da I-fix-It ai Restart Parties…cronache di ordinaria manutenzione
L’eccellenza siderurgica pronta alla sfida del Continuous Improvement
Perché l’Assessment è fondamentale in un progetto di “Plant Health Status”, verso la manutenzione predittiva?
Trasformazione digitale, manutenzione ed economia circolare
Manutenzione Smart per l’economia circolare
Automation & Testing 2020
Analisi vibrazioni
Sistema di gestione veicoli
Monitoraggio di temperatura e gas
Sistemi oleodinamici smart
Soluzione per condition monitoring
Manutenzione oleodinamica sostenibile
Process instrumentation
Pompe multistadio, in ghisa e a cassa divisa
Misuratore di isolamento e multimetro
Soluzione per condition monitoring
Misuratore di isolamento e multimetro
Termocamera in promozione
Soluzione Cloud Connected
Multilog per condition monitoring
Cuscinetto orientabile a rulli
Software di diagnostica
Termocamera tascabile
Adesivo con tecnologia ibrida brevettata
Sistema di monitoraggio fluidi per la lavorazione dei metalli
Soluzione per condition monitoring
Stanley lancia gamma di utensileria meccanica
Registratori della qualità dell’alimentazione trifase
Termocamera tascabile
Sistema di monitoraggio fluidi per la lavorazione dei metalli
Collari a serraggio con leva di bloccaggio
Termocamera con app integrata
Piattaforma a zero emissioni
Avvitatore pneumatico con carter in lega di magnesio
PAS13 di A-SAFE - Personale al sicuro