Gli Stati Generali della Green Economy a Ecomondo 2017

  Richiedi informazioni / contattami

Valorizzazione e riciclo delle risorse per ridurre gli sprechi di materia prima. Ancora una volta la Manutenzione si trova sul crocevia dell’innovazione

Gli Stati Generali della Green Economy a Ecomondo 2017
Gli Stati Generali della Green Economy a Ecomondo 2017

Dal 6 al 9 novembre a Rimini si è tenuto Ecomondo, un appuntamento di riferimento per la Green e Circular Economy nell’area Euro-me­diterranea. Noi con la nostra rivista abbiamo partecipato a un convegno nell’ambito degli Stati Generali della Green Economy che faceva il punto sulla situazione dell’Economia Circolare in Europa e in particolare nel nostro paese. Una prima nota positiva riguarda Il posizionamento dell’I­talia nella gestione dei rifiuti totali in UE. Stefano Laporta, Presidente Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), ha riferito che, sommando i rifiuti urbani e gli speciali, l’Italia risulta al quinto posto nella classifica dei paesi “ricicloni”, ma, come si può vedere dalla immagine, precede Germania, Francia, Regno Unito, e Spagna (dati Eu­rostat 2014). Se osserviamo la capacità di recupero della materia (barra in verde) l’Italia è al secondo posto dietro la Slovenia, smentendo il luogo comune che ci vede fanalino di coda dell’Europa.

Sui rifiuti urbani evidenzia Laporta, siamo un po’ più indietro, ma nei rifiuti speciali che comprendono anche i rifiuti industriali siamo i primi in Europa.

Ciò è dovuto come sottolinea Roberto Morabito (ENEA) alla Eco-innovazione di Sistema, con l’ac­corciamento delle filiere e delle catene di distribu­zione, nel settore agroalimentare, e con la creazio­ne di ecodistretti nell’industria e in particolare nelle PMI. Dal canto suo, il piano Industria 4.0, offre un contributo nella prevenzione e nella chiusura dei cicli industriali e nella messa a punto di nuovi mo­delli di business che garantiscono ottimizzazione ed efficientamento.

Si realizza così una “Simbiosi Industriale” con l’identificazione di nuove fonti di approvvigiona­mento, continua Morabito, e con la valorizza­zione delle risorse creando un nuovo punto di vista sui rifiuti e sulle cd materie prime seconde. Nel corso del convegno e della successiva tavola rotonda, è stato evidenziato come la manuten­zione supporti molto convenientemente le attività di riciclo e valorizzazione dei rifiuti, contribuen­do a dare nuova vita e a prolungare la longevità dei beni, e al tempo stesso creando centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro. L’industria del riciclo porterà un pieno sviluppo del settore del recupero già oggi ben avviato. Perché, come ha spiegato Cinzia Tonci del MISE, se l’Italia appare, soprattutto al centro sud, come invasa dai rifiuti urbani, è invece in testa in Europa per ciò che riguarda la quota di riciclo sul totale dei rifiuti trattati. In Italia la quota di riciclo supera l’80% dei rifiuti trattati, con una media UE che si attesta sotto il 40%, e la Germania, primo paese mani­fatturiero UE, che si posiziona intorno al 45%.

Infine il 29 novembre i ministri Gianluca Galletti e Carlo Calenda hanno presentato a Roma un docu­mento strategico sulla economia circolare in Italia, frutto di una consultazione pubblica durata circa quattro mesi. Una volta approvato il documento dal Governo, vi saranno dal 2018 in poi, nuovi incentivi alle imprese per lo sviluppo della Economia Circo­lare e della Industria 4.0.

Maurizio Cattaneo, Coordinatore Regionale Emilia-Romagna A.I.MAN.

Pubblicato il Dicembre 18, 2017 - (22 views)
Articoli correlati
Attuatori compatti elettro-idrostatici
Sistema tethering
Abbigliamento femminile da lavoro
Valvole per settore Oil & Gas
Pompe compatte a ingranaggi
Centraline idrauliche modulari
Flussimetro per piccole e medie portate di liquidi
Valvola a spillo
Acquisizione dati CFR
Indicatori di livello ad accoppiamento magnetico
Forniture industriali
Rullino 2.0
Il CMMS nell'era 4.0
Soluzioni per ogni esigenza
Pompe per la gestione dell'acqua
Granulo abrasivo
Cuscinetti per automotive
Sensori e trasmettitori ottimizzati per IoT
Manutenzione preventiva oli
Valvola integrale
Attuatori compatti elettro-idrostatici
Pompe compatte a ingranaggi
Acquisizione dati CFR
Indicatori di livello ad accoppiamento magnetico
Misuratori di livello
Sensore fotometrico per acque reflue
Misurazione smart dei parametri ambientali
Videoscopio diagnostico con tecnologia Up-is-Up
Laboratorio portatile
Lucchetti lockout/tagout
Centraline idrauliche modulari
Misurazione smart dei parametri ambientali
Videoscopio diagnostico con tecnologia Up-is-Up
Sistemi motorfeedback rotativi
Laboratorio portatile
Lucchetti lockout/tagout
Granulo abrasivo
Sensore per analisi spettrale
Piattaforma software per la sicurezza
Prolunga a catena