Gli Stati Generali della Green Economy a Ecomondo 2017

  Richiedi informazioni / contattami

Valorizzazione e riciclo delle risorse per ridurre gli sprechi di materia prima. Ancora una volta la Manutenzione si trova sul crocevia dell’innovazione

Gli Stati Generali della Green Economy a Ecomondo 2017
Gli Stati Generali della Green Economy a Ecomondo 2017

Dal 6 al 9 novembre a Rimini si è tenuto Ecomondo, un appuntamento di riferimento per la Green e Circular Economy nell’area Euro-me­diterranea. Noi con la nostra rivista abbiamo partecipato a un convegno nell’ambito degli Stati Generali della Green Economy che faceva il punto sulla situazione dell’Economia Circolare in Europa e in particolare nel nostro paese. Una prima nota positiva riguarda Il posizionamento dell’I­talia nella gestione dei rifiuti totali in UE. Stefano Laporta, Presidente Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), ha riferito che, sommando i rifiuti urbani e gli speciali, l’Italia risulta al quinto posto nella classifica dei paesi “ricicloni”, ma, come si può vedere dalla immagine, precede Germania, Francia, Regno Unito, e Spagna (dati Eu­rostat 2014). Se osserviamo la capacità di recupero della materia (barra in verde) l’Italia è al secondo posto dietro la Slovenia, smentendo il luogo comune che ci vede fanalino di coda dell’Europa.

Sui rifiuti urbani evidenzia Laporta, siamo un po’ più indietro, ma nei rifiuti speciali che comprendono anche i rifiuti industriali siamo i primi in Europa.

Ciò è dovuto come sottolinea Roberto Morabito (ENEA) alla Eco-innovazione di Sistema, con l’ac­corciamento delle filiere e delle catene di distribu­zione, nel settore agroalimentare, e con la creazio­ne di ecodistretti nell’industria e in particolare nelle PMI. Dal canto suo, il piano Industria 4.0, offre un contributo nella prevenzione e nella chiusura dei cicli industriali e nella messa a punto di nuovi mo­delli di business che garantiscono ottimizzazione ed efficientamento.

Si realizza così una “Simbiosi Industriale” con l’identificazione di nuove fonti di approvvigiona­mento, continua Morabito, e con la valorizza­zione delle risorse creando un nuovo punto di vista sui rifiuti e sulle cd materie prime seconde. Nel corso del convegno e della successiva tavola rotonda, è stato evidenziato come la manuten­zione supporti molto convenientemente le attività di riciclo e valorizzazione dei rifiuti, contribuen­do a dare nuova vita e a prolungare la longevità dei beni, e al tempo stesso creando centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro. L’industria del riciclo porterà un pieno sviluppo del settore del recupero già oggi ben avviato. Perché, come ha spiegato Cinzia Tonci del MISE, se l’Italia appare, soprattutto al centro sud, come invasa dai rifiuti urbani, è invece in testa in Europa per ciò che riguarda la quota di riciclo sul totale dei rifiuti trattati. In Italia la quota di riciclo supera l’80% dei rifiuti trattati, con una media UE che si attesta sotto il 40%, e la Germania, primo paese mani­fatturiero UE, che si posiziona intorno al 45%.

Infine il 29 novembre i ministri Gianluca Galletti e Carlo Calenda hanno presentato a Roma un docu­mento strategico sulla economia circolare in Italia, frutto di una consultazione pubblica durata circa quattro mesi. Una volta approvato il documento dal Governo, vi saranno dal 2018 in poi, nuovi incentivi alle imprese per lo sviluppo della Economia Circo­lare e della Industria 4.0.

Maurizio Cattaneo, Coordinatore Regionale Emilia-Romagna A.I.MAN.

Pubblicato il Dicembre 18, 2017 - (21 views)
Articoli correlati
Software per il monitoraggio di macchine e sistemi
Trasmettitori elettronici per il settore cartario
Come fare manutenzione nell’era delle tecnologie digitali
Barre da illuminazione a risparmio energetico
Sensore radar con tecnologia Bluetooth
Resina epossidica bicomponente per cicli termici ripetuti
Sistema di monitoraggio, configurazione e programmazione remota dei fluidi
Scarpe antinfortunistiche metal free
Sensore optoelettronico per lettura ad alta velocità
Air Liquide Italia sigla un contratto di quindici anni con BASF per la fornitura di azoto
Monitoraggio temperatura/umidità
Controllo fluidi
Pinza universale a fulcro rialzato
Tappo per condotte idriche/fognarie
Rete per individuazione distributori
Evento B2B per ferramenta
Lubrificazione a base d'acqua
Trasmettitori e sonde per IoT
Flange e valvole
Sistema di lubrificazione
Software per il monitoraggio di macchine e sistemi
Barre da illuminazione a risparmio energetico
Sensore radar con tecnologia Bluetooth
Sistema di monitoraggio, configurazione e programmazione remota dei fluidi
Scarpe antinfortunistiche metal free
Filtri a coalescenza per carburanti
Termocamere fisse radiometriche
Safety switches
Utensili ergonomici
Dispositivo per la rilevazione di sostanze stupefacenti
Termocamere fisse radiometriche
Dispositivo per la rilevazione di sostanze stupefacenti
Sensore radar per la misura continua di livello
Dispositivo per prova di tenuta impianti
Unità di centraggio
Analizzatori qualità della tensione
Lubrificazione a base acqua
App mobile per gestione delle ispezioni
Strumento di controllo dinamometrico
Respiratore a filtro assistito