Il viaggio di SEW-EURODRIVE in smart factory

Mattinata di convegno e visita organizzati a Solaro (MI) insieme a Sick e Festo

  • Luglio 4, 2018
  • 46 views
  • Il viaggio di SEW-EURODRIVE in smart factory
    Il viaggio di SEW-EURODRIVE in smart factory
  • Il viaggio di SEW-EURODRIVE in smart factory
    Il viaggio di SEW-EURODRIVE in smart factory
  • Il viaggio di SEW-EURODRIVE in smart factory
    Il viaggio di SEW-EURODRIVE in smart factory

SEW-EURODRIVE, Sick e Festo hanno organizzato un viaggio a Solaro (MI) in una delle smart factory più evolute del panorama italiano. La visita all’officina è stata anticipata da una mattinata di convegno, in cui le aziende hanno presentato le loro vision rispetto alla Industry 4.0, allo stato dell’arte e alle prospettive. Dopo il saluto introduttivo di Giorgio Ferrandino, Managing Director di SEW-EURODRIVE Italia, i lavori sono stati aperti da Alessandro Enna, Academy Manager di Festo CTE, che ha moderato il convegno.

SEW-EURODRIVE: obiettivi e filosofia

È poi intervenuto l’HR Manager di SEW-EURODRIVE, Mirko Otranto, che ha chiarito che nella filosofia della multinazionale tedesca le persone sono al centro della rivoluzione tecnologica. Un approccio che si completa anche attraverso un modello di leadership fondato sul coinvolgimento, la digital innovation, il welfare aziendale e lo smart working. Ha preso poi la parola Daniele Arosio, Lean Specialist di SEW-EURODRIVE che ha chiarito che l’obiettivo era quello di coniugare tecnologia ed efficienza operativa. Con questa filosofia sono stati migliorati i processi ed è aumentata la produttività, con un incremento dell’output giornaliero quantificabile in un +70% circa.

Flessibilità: la parola chiave di Sick

Delle scelte di Sick in materia di Industry 4.0 ha invece parlato Claus Melder, Senior Vice President Production Management Presence Detection di Sick Italia. Importante, secondo Melder, è partire dalla definizione degli obiettivi, per capire cosa fare e cosa no. La parola chiave, nella scelta di Sick, è flessibilità, soprattutto per quanto riguarda il design del prodotto: partendo dalle esigenze dei clienti, si costruiscono insieme a loro i progetti, aiutandoli a raggiungere degli obiettivi.

Le strategie e gli obiettivi di Festo per migliorare il prodotto

Quale fornitore di tecnologia Industry 4.0 per l’automazione industriale, anche Festo si interroga da tempo su come favorire il cambiamento e offrire un servizio che sia anche consulenza strategica per i propri clienti. Ne ha parlato Alessandro Ferioli, Industry 4.0 Project Leader di Festo Italia. Per Festo, la definizione di strategie e obiettivi è prioritaria, per migliorare il prodotto e definire standard utili. I focus su cui Festo si è orientata sono principalmente due: uno interno e uno esterno. In una chiave bottom up, si parte dal livello di prodotto, si passa a un livello di servizio, poi a una piattaforma cloud e infine a nuovi modelli di business.

I software di SAP per le nuove applicazioni industriali

Il lavoro effettuato sui software appositamente creati per le nuove applicazioni industriali è quello che è stato presentato da Stefano Braghini, Senior Solution Sales Executive, Industry 4.0, IoT & Digital Supply Chain di SAP Italia. Braghini ha presentato le applicazioni create da SAP per rendere i prodotti connessi, sicuri e capaci di generare informazioni utili.

Nel pomeriggio i presenti hanno potuto testare, direttamente in officina, l’efficienza del plant di Solaro, la modularità degli AGV e la perfetta organizzazione dei vari reparti.