In presenza di mercati maturi

  Richiedi informazioni / contattami

Occorre ripensare il modello operativo e mette­re a punto una rete in grado di fornire in modo efficiente assistenza, parti di ricambio, e con­tratti di manutenzione anche su scala globale

In presenza di mercati maturi
In presenza di mercati maturi

I produttori di beni strumentali possono dif­ferenziarsi tramite la qualità del servizio offerto, come ad esempio un supporto clien­te più tempestivo, dei canali di erogazione innovativi, dei contratti di manutenzione personalizzati, per incontrare meglio le spe­cifiche esigenze di ogni cliente.

La messa a punto di una strategia di crescita del fatturato tramite i servizi (i.e. servitizzazio­ne) richiede impegno, e non è priva di rischi. Occorre sviluppare un maggiore orientamento al cliente, nuove competenze, metodi e stru­mentalità. L’approccio alle vendite deve esse­re rivisto, perché vendere servizi è diverso dal vendere prodotti.

Occorre ripensare il modello operativo e mette­re a punto una rete in grado di fornire in modo efficiente assistenza, parti di ricambio, e con­tratti di manutenzione anche su scala globale. Gestire tali reti è attività complessa. Le orga­nizzazioni di ogni dimensione e grado possono però ricevere supporto da almeno due ambiti. Il primo è quello delle abilitanti tecnologiche dell’industria 4.0.

L’Internet delle cose (IoT) può servire a inter­connettere la base installata, il cloud computing consente, con costi contenuti, di raccogliere, elaborare e integrare immense quantità di dati (big data). A partire da tali dati, con tecniche statistiche e di machine learning, si possono sviluppare modelli diagnostici e predittivi che facilitano le decisioni di intervento.La realtà au­mentata può essere sfruttata per facilitare il tra­sferimento di conoscenza, dagli specialisti fino agli operatori di campo, coinvolgendo in alcuni casi anche gli utenti finali. Oltre che per mettere a punto la “fabbrica intelligente”, i produttori di impianti e tecnologie possono sfruttare le tec­nologie I4.0 per perseguire la crescita strategi­ca del business dei servizi.

Il secondo ambito da cui si può attingere è il dominio tradizionale dell’ingegneria di manu­tenzione. Molte tecniche, strumenti, metodi impiegati dagli specialisti della manutenzione e dell’asset management possono essere profi­cuamente trasferiti anche al contesto del Ser­vice manutentivo.

Da questa connessione scaturisce l’idea di que­sto numero di Manutenzione Tecnica & Mana­gement, che è appunto dedicato alle Service Operations e alla manutenzione, in quei tantis­simi casi in cui la stessa è fornita come ser­vizio contrattuale dal produttore dell’impianto. Un primo articolo, dei colleghi Saccani e Adro­degari (Università di Brescia), discute sulle op­portunità di sfruttare le informazioni che i pro­duttori possono raccogliere dalla base installata interconnessa, per progettare nuovi servizi e creare valore per i clienti.

Il secondo articolo, di Sala (Università di Ber­gamo), Gaiardelli (Università di Bergamo) e Vernieri (Balance System), propone un metodo (la service card) per la raccolta e l’organizza­zione delle informazioni connesse all’interven­to manutentivo. Il terzo contributo, curato dal sottoscritto (Università di Firenze), da Tecchia (Sant’Anna) e Barbieri (Università di Pisa), analizza le possibilità di applicazione della realtà aumentata (smart glasses e smart helmets) per fornire servizi di manutenzione.

 

Mario Rapaccini, Ph.D., Associate ProfessorDIEF–Università di Firenze, Laboratorio IBIS

Pubblicato il Aprile 16, 2019 - (10 views)
Articoli correlati
Pruftechnik annuncia la vendita dell’azienda a Fluke Corporation
Schaeffler rende pubblici i risultati del primo trimestre
Mattei festeggia i primi cento anni di attività
Valvole pneumatiche con Industrial Ethernet
Il sito di Ct Meca diventa mobile friendly
Continua l'ampliamento del catalogo Conrad
MaintenanceStories 2019, un'edizione da record
La divisione IPDE di Parker ottiene una certificazione IATF
Energy 2019, record di partecipanti per la sesta edizione
Una manutenzione sempre più #digital e orientata al 4.0
Utensili per l'industria
Sensori radar
Giraviti
Giravite torsiometrico elettromeccanico
Software per la manutenzione
Servizio per impianti industriali
Pompe per superficie o profondità
Sistema di allineamento ottico
Strumenti personalizzati per la misura
Dynamic Motor Analyzer
Sistema di allineamento ottico
Dynamic Motor Analyzer
Encoder con interfaccia IO-Link
SMARTCOLLECT PM10, PM20 E PM30
LINAX PQ3000
Monitoraggio totale della qualità della tensione e dei consumi elettrici
SECULIFE HIT AM
Multimetro digitale per la verifica dei motori elettrici
Misuratore d'isolamento METRISO PRIME10
WI-CARE: il sensore per l'analisi spettrale online
Encoder con interfaccia IO-Link
E-Mobility, apparecchiature per la verifica delle stazioni di ricarica per veicoli elettrici
WI-CARE: il sensore per l'analisi spettrale online
Centraline idrauliche modulari
Misurazione smart dei parametri ambientali
Videoscopio diagnostico con tecnologia Up-is-Up
Sistemi motorfeedback rotativi
Laboratorio portatile
Lucchetti lockout/tagout
Granulo abrasivo