Infrastrutture e incidenti

  Richiedi informazioni / contattami

Una riflessione sulle ultime, drammatiche, vicende e il coinvolgimento della manutenzione

Infrastrutture e incidenti
Infrastrutture e incidenti
Infrastrutture e incidenti
Infrastrutture e incidenti

Questo è un articolo che non avrei voluto scri­vere per alcuni motivi tra cui:

  • Parlare di incidenti e di morti porta a scadere nella retorica più banale (retorica peraltro in cui si eser­citano quasi con piacere sadico i nostri mezzi di comunicazione).
  • Da manutentore: fa sempre male pensare che quel­lo che è successo può dipendere da insufficiente o non corretta manutenzione, per non parlare di atti­vità non colpevolmente, si spera, sbagliate.
  • Corriamo il rischio di ripeterci. Ma continuiamo a credere che “repetita iuvant”.

Però ci tocca.

Il motivo oggi sono i recenti incidenti successi a di­stanza di pochi giorni, uno su ferrovia e uno su au­tostrada.

Incidente ferroviario di Pioltello (Milano) del 25 Gennaio

Un conto in vite umane di tre morti e 50 feriti.

Sono in corso, mentre scrivo, gli accertamenti da parte della Magistratura. Non ho dubbi sul risultato tecnico, cioè la individuazione della causa scatenante. Spero che questo porti a definire chiaramente le linee di responsabilità vere (al di là degli avvisi di garanzia “dovuti” ai vertici di RFI – Rete Ferroviaria Italiana e Trenord – impresa ferroviaria che gestisce il traspor­to lombardo). Di certo RFI non ci fa una bella figura, il balletto di dichiarazioni iniziali è stato per lo meno deprimente. Forse tutto questo porterà finalmente RFI sotto la gestione, per quanto riguarda la sicu­rezza del sistema, di ANSF, Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria del Ministero dei Trasporti, in modo che vengano rispettate veramente regole e direttive, e non solo con una “rivisitazione” delle normative interne come sta avvenendo ma so­stanzialmente cambiando poco. Il discorso sareb­be molto lungo e forse ci sarà modo di riprenderlo in futuro. Un reale cambiamento è già avvenuto, dopo gli iniziali tentennamenti, con Trenitalia (altra azienda del gruppo Ferrovie dello Stato) quindi ci sono buone speranze. Di certo è che viene messa sempre sotto accusa la manutenzione come origi­ne di tutti i mali, ma poi non si creano i presupposti per lavorare bene, non vengono poste a disposizio­ne le risorse necessarie e soprattutto non si lavo­ra veramente per un cambio radicale di mentalità. Anche dopo l’incidente si è parlato di investimen­ti in corso per la messa a norma ed in sicurezza della rete. Ma una volta fatto l’intervento, e con i tempi lunghi che sono necessari, va finanziata e realizzata, non tagliata, la manutenzione costante del sistema, quella che mantiene la sicurezza, af­fidandola a strutture che effettivamente sappiano cosa fare. E qui stendiamo un pietoso velo sulle strutture esterne a RFI, ma da questa gestite, che lavorano sulla manutenzione delle infrastrutture.

E anche per questo mi auguro che, passata la bu­riana, ANSF possa realizzare una linea guida per queste officine, sulla falsariga di quella da poco realizzata per le officine di manutenzione veicoli ferroviari.

Incidente dell’autostrada A-26 del 27 gennaio

Un conto in vite umane di un morto e diversi feriti più o meno gravi.

Anche qui blocco della circolazione, intasamenti di strade secondarie, proteste di tutti i generi, in­chiesta della Magistratura. Anche qui la ricerca delle cause è problematica, si parla di fuoriuscita di gasolio per parecchi chilometri da un serbatoio di un TIR cui l’autista avrebbe dimenticato di mette­re il tappo. Ma se fosse veramente lo sversamento del gasolio la causa prima dell’incidente penserei piuttosto ad un problema al serbatoio, quindi con un qualche collegamento, anche se remoto, alla manutenzione. Alla fine però come per la grandis­sima parte degli incidenti stradali si finirà nel nulla, ormai ci abbiamo fatto l’abitudine, i TIR che vanno a 100 chilometri/ora non contano...eppure è l’infra­struttura che dovrebbe, oltre che dare delle regole, anche farle rispettare.

Alcune considerazioni:

  • Salta subito agli occhi la diversità di copertu­ra mediatica dei due incidenti. Fa più audience, più vendite di giornali l’incidente ferroviario che quello stradale. Alla faccia della enorme diversi­tà percentuale delle vittime coinvolte in un dato periodo di tempo. Forse sarebbe ora di smet­tere di considerare i morti sulla strada come morti di serie B.
  • Per lo stesso motivo ci si occupa molto di più delle infrastrutture ferroviarie (peraltro tra le più sicure in Europa) che di quelle stradali (mol­to meno sicure, come evidenziato in precedenti articoli).
  • Ne abbiamo già parlato nel numero di gennaio: l’investimento più produttivo deve essere quel­lo finalizzato al cambiamento di mentalità nei riguardi della manutenzione sia a livello econo­mico sia a livello qualitativo degli interventi.

L’intervento preventivo come realizzato sia in RFI che nelle autostrade deve essere sostituito da un approccio predittivo, sfruttando le attuali tecnolo­gie. Ma soprattutto una volta definita la necessità, l’intervento va eseguito subito, non aspettando set­timane.

Bruno Sasso

Pubblicato il Febbraio 12, 2018 - (3139 views)
Articoli correlati
Robot collaborativi
Manutenzione predittiva negli impianti di processo
Lampada da lavoro antideflagrante
La tecnologia di Vega Italia al FICO Eataly World
Valvole a sfera per settore ferroviario
Sensore per monitoraggio consumi elettrici
Contatori di energia elettrica
Full Service per abbigliamento e tessuti da lavoro
Termocamere orientabili a 180 gradi
Pressostati con attacco a processo doppio
Pinza fulcro rialzato
Chiave dinamometrica interfacciabile
CMMS full web
Sistemi per functional safety
Software per automazione
Lubrificatore industriale
Granulo abrasivo
Soluzioni per automazione
Cuscinetti radiali rigidi a sfere
Sensori per IoT
Manutenzione predittiva negli impianti di processo
Sensore per monitoraggio consumi elettrici
Contatori di energia elettrica
Termocamere orientabili a 180 gradi
Digitalizzazione dell'oleodinamica
Pronti per la rivoluzione 4.0 con l’EfficiencyManager
Stampante per etichette e segnaletica
Misuratore di ossigeno in gas di processo umidi
Oscilloscopi embedded con risoluzione verticale a 10 bit
Misuratore di isolamento per resistenze fino a 40 TΩ
Lampada da lavoro antideflagrante
Valvole a sfera per settore ferroviario
Termocamere orientabili a 180 gradi
Stampante per etichette e segnaletica
Condizionatore in classe di potenza 1,6 kW
Rilevatori Monogas
MEWATEX, il  panno  multiuso ed eco-friendly
Sistemi di visione con chassis in alluminio
Sensore di pressione con cella di misura
Cavi precablati Ölflex Connect di Lapp