Lubrificazione basata sulle condizioni

Quando i cuscinetti si guastano prematuramente, le cattive pratiche di lubrificazione sono spesso la causa

  • Lubrificazione basata sulle condizioni
    Lubrificazione basata sulle condizioni
  • Lubrificazione basata sulle condizioni
    Lubrificazione basata sulle condizioni
  • Lubrificazione basata sulle condizioni
    Lubrificazione basata sulle condizioni
  • Lubrificazione basata sulle condizioni
    Lubrificazione basata sulle condizioni

Oltre l’80% dei guasti prematuri dei cuscinetti può essere ricondotto a un problema di lubrificazione: una lubrificazione insufficiente aumenta l’attrito, crea calore e aggiunge stress ai cuscinetti; una lubrificazione eccessiva, che ci crediate o meno, aumenta anche l’attrito e ha lo stesso effetto.

La giusta quantità di grasso per cuscinetti smorza le sollecitazioni causate dai corpi volventi, dall’alloggiamento e dall’albero. Questo danno può passare inosservato fino a quando il cuscinetto non si rompe completamente, interrompendo il flusso di lavoro, creando tempi di fermo macchina e causando perdite finanziarie.

Fortunatamente, ci sono soluzioni facili per pratiche di lubrificazione scadenti. La sfida per i professionisti della manutenzione è quella di sviluppare un processo di lubrificazione dei cuscinetti che assicuri ogni volta la giusta quantità di grasso.

La semplice osservazione della giusta quantità - anche per i veterani della manutenzione stagionale - non è la strategia migliore. Al contrario, questi professionisti dovrebbero sfruttare un processo di lubrificazione incentrato sull’affidabilità che ruota attorno a diverse buone pratiche:

  • Utilizzare il tipo di lubrificazione corretto per l’applicazione specifica.
  • Conservare il lubrificante in modo da mantenerlo fresco, asciutto e pulito.
  • Filtrare il lubrificante secondo necessità e nel modo corretto.
  • Incorporando strumenti di manutenzione predittiva come gli ultrasuoni per aiutare nella tempistica e nella quantità di applicazione della lubrificazione.

Il miglior metodo di lubrificazione contiene ognuna di queste sfaccettature senza tralasciare nessuna.

Molti team di manutenzione degli impianti si affidano ad una lubrificazione basata sul tempo – un metodo tradizionale che stabilisce gli intervalli di lubrificazione e una determinata quantità di grasso. Questa tecnica può sembrare un approccio solido, ma ci sono alcune lacune che potrebbero portare a guasti precoci dei cuscinetti anche se il programma viene seguito alla perfezione. Considerare:

  • E se il cuscinetto ha già abbastanza grasso?
  • Cosa succede se la lubrificazione programmata è troppo frequente o non abbastanza frequente?
  • Cosa succede se la quantità di grasso applicato è troppo o troppo poco?
  • Cosa succede se il cuscinetto ha problemi che vanno oltre la lubrificazione?

Di questi, la preoccupazione principale per l’approccio basato sul tempo è la sovra-lubrificazione. Spesso, il cuscinetto finisce con molto più lubrificante del necessario, il che accelera l’inizio della modalità di guasto.

La lubrificazione basata sulle condizioni è una strategia migliore

Piuttosto che stabilire una struttura rigida per la lubrificazione basata sugli intervalli di tempo, i team di manutenzione possono utilizzare una combinazione di tempo di funzionamento delle apparecchiature, dati storici e strumenti di monitoraggio delle condizioni per rilevare guasti meccanici.

Per aiutare a stabilire un protocollo di lubrificazione basato sulle condizioni, i professionisti della manutenzione utilizzano il modello i-p-f per analizzare la vita di un’apparecchiatura, dall’installazione al punto di guasto.

Questo è fondamentalmente una via diversa per lubrificare – utilizzando gli indicatori di stato dei beni e di allarme come fattore determinante quando e quanto lubrificante utilizzare.

Con ciò detto, la lubrificazione basata sulle condizioni funziona al meglio se i professionisti della manutenzione hanno a disposizione gli strumenti giusti. A tal fine, gli ultrasuoni sono un ottimo modo per individuare precocemente i guasti dei cuscinetti.

Infatti, gli ultrasuoni possono andare ancora oltre - la tecnologia rileva lievi variazioni di ampiezza o livelli di decibel dovuti ad un maggiore attrito, ad una lubrificazione eccessiva o insufficiente. Incorporando gli ultrasuoni nelle migliori pratiche di lubrificazione, i risultati possono includere:

  • Meno guasti derivanti dalla lubrificazione.
  • Uso più accurato ed efficiente del lubrificante.
  • Maggiore durata del motore e dei cuscinetti.
  • Minori costi di ricostruzione o di riacquisto.
  • La scoperta di problemi altrimenti non rilevabili.
  • Migliore affidabilità complessiva.

In molti casi, gli ultrasuoni possono ridurre il consumo di grasso del 30%.

Lubrificazione assistita ad ultrasuoni

La lubrificazione assistita ad ultrasuoni è un processo mediante il quale i professionisti della manutenzione monitorano i livelli di decibel di tendenza in un cuscinetto durante l’ingrassaggio. Ciò fornisce loro i dati necessari per determinare esattamente quanto grasso è necessario in un dato momento. Questi professionisti sapranno cosa devono fare semplicemente ascoltando e leggendo il feedback:

  • 8dB sopra al dato di base indica una mancanza di lubrificazione.
  • 16dB sopra al dato di base indica un danno al cuscinetto - una modalità di guasto che va oltre la sola lubrificazione.
  • 35dB sopra al dato di base significa che l’asset è critico - è vicino al fallimento.

Quando l’operatore aggiunge grasso, noterà un calo graduale dei decibel. Una volta che il livello scende al livello di base, il cuscinetto è sufficientemente lubrificato. Se i decibel aumentano, significa che c’è già abbastanza lubrificante. Anche se gli ultrasuoni non rilevano cambiamenti nei decibel dopo l’aggiunta di grasso, si tratta comunque di informazioni che possono essere utilizzate. L’ispettore può seguire un’analisi dello spettro del file sonoro registrato, un’analisi delle vibrazioni o qualche altra tecnica per determinare perché non ci sono state variazioni nel livello di decibel.

Rossana Saullo si laurea prima in Lettere Moderne presso l’Università della Calabria di Cosenza, successivamente consegue la laurea magistrale in Letteratura, Filologia e Linguistica Italiana presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2020 consegue il Master Professione Editoria Cartacea e Digitale presso l’Università Cattolica di Milano. Da settembre 2020 lavora in TIMGlobal Media.

Altri articoli Contatto