Mezzi di Rampa o Ground Support Equipment

  Richiedi informazioni / contattami

Un approfondimento sulla manutenzione dei mezzi aeroportuali

Mezzi di Rampa o Ground Support Equipment
Mezzi di Rampa o Ground Support Equipment
Mezzi di Rampa o Ground Support Equipment
Mezzi di Rampa o Ground Support Equipment

In questa rubrica abbiamo trattato più vol­te l’argomento riguardante gli impianti e le infrastrutture aeroportuali, mettendo in particolare evidenza l’organizzazione della struttura manutentiva del gestore aeropor­tuale. Abbiamo anche rilevato l’importanza della attività manutentiva per l’efficienza degli impianti e la sicurezza dello scalo, e quindi, più in gene­rale, garantire la sicurezza del traffico aereo. Ri­cordiamo brevemente gli articoli relativi alle piste di volo, agli impianti di smistamento bagagli, agli aiuti visivi luminosi, agli impianti di distribuzione carburanti, all’attività della Control Room manu­tentiva, ecc.

Vogliamo trattare in questo articolo un nuovo argomento ugualmente importante per la sicu­rezza e l’efficienza dello scalo, quello della ma­nutenzione dei mezzi aeroportuali, meglio cono­sciuti dagli operatori aeroportuali come “Mezzi o Attrezzature di Rampa” o ancora meglio con il termine anglosassone di Ground Support Equi­pment abbreviato nell’acronimo GSE. Si tratta di mezzi e di attrezzature che vengono utilizzate negli aeroporti tipicamente sulla rampa per for­nire servizi agli aeromobili in sosta a terra tra un volo e l’altro come ad esempio nelle operazione di carico e scarico delle merci e della posta , di imbarco e sbarco dei passeggeri, della fornitura di aria pretrattata o ancora di energia elettrica alla tensione di 115 V e frequenza di 400 Hz.

In ogni aeroporto sono presenti significative quantità di attrezzature estremamente varie tra loro per tipo di funzione assolta e concezione progettuale; esse sono gestite o direttamente dalle compagnie aeree oppure da società che operano nell’ambito del ground handling; è anche diffusa la consuetudine per piccole compagnie aeree o che hanno passaggi saltuari sullo scalo di delegano l’attività di assistenza a terra dei pro­pri velivoli a compagnie di maggiore dimensione o più presenti dal punto di vista operativo.

Il panorama di questa attrezzature come antici­pato è assai diversificato e comprende all’interno mezzi che tipicamente si vedono solo in ambito aeroportuale affiancati da attrezzature di norma­le uso commerciale quali autovetture, autoveicoli, camion, minibus, carrelli elevatori, trattori agri­coli ed altro; sempre all’interno di queste clas­sificazioni si trovano attrezzature che impiegano motori endotermici ciclo diesel o benzina, motori elettrici e talvolta soluzioni ibride che coniugano l’utilizzo di un motore endotermico abbinato a un motore elettrico o soluzioni ad alimentazione a GPL o metano fino all’applicazione sperimentale di celle a combustione di idrogeno.

Riportiamo qui di seguito un sintetico elenco, non esaustivo, di tali mezzi:

Scale Passeggeri Semoventi e trainate, adibite all’imbarco/sbarco dei passeggeri dall’aeromobile quando questo è parcheggia­to in una piazzola remota;

Scale tecniche, impiegate dal personale tec­nico per i controlli e le operazioni di manuten­zione a terra degli aeromobili;

Bus Interpista, adibiti al trasporto passegge­ri tra il gate e l’aeromobile;

Trattori pesanti con barra per il traino degli aeromobili;

Trattori senza barra adibiti preferenzial­mente al push back;

Trattori elettrici o diesel per il traino dei car­relli bagagli e/o merci;

Cargo loader, mezzi speciali adibiti al carico/ scarico delle merci dagli aeromobili;

Transporter, veicoli speciali adibiti al tra­sporto delle merci tra magazzino merci e ae­romobili;

Nastri semoventi o trainati ad inclinazione variabile, necessari per il carico/scarico dei bagagli sfusi da stiva;

Veicoli con cassone elevabile per lo sbar­co/imbarco di passeggeri disabili denominati anche Ambu lift;

Veicoli con cassone elevabile per il carica­mento dei pasti a bordo aereo;

Carrelli per i bagagli/merci detti anche luggage Cart e dollies che possono acco­gliere i bagagli o merce sfusa alloggiati diret­tamente sui pianali o all’interno di particolari contenitori chiama ULD Unit load Device di cui ne esistono un numero rilevante per for­ma , dimensioni e portata normati da IATA e ICAO. Queste attrezzature sono anche uti­lizzate nell’area cargo per muovere carichi consistenti e particolari, presentano normal­mente delle superfici di trasferimento dei ca­richi ricoperti da rulli o da ruote;

Aviorifornitori costituiti da autobotti per il ri­fornimento di carburante agli aerei, differenti da quelle presenti su strada per le particolari dimensioni che raggiungono anche i 75.000 litri;

Veicoli Friction Tester necessarie a misu­rare con continuità l’aderenza della superficie della pista;

Compressori trainati o semoventi ovve­ro “Air Star Unit” necessari per fornire aria compressa per avviamento dei motori dell’a­eromobile;

Condizionatori semoventi e trainati ovvero “Air Conditioning Unit “che forniscono aria precondizionata (raffreddata o riscaldata) o forzata (ventilazione) a tutti gli aerei, in sosta con sistemi interni spenti (APU);

Generatori semoventi e trainati ovvero “Ground power Unit” che producono corren­te elettrica alternata alla tensione di 115 V e frequenza di 400 Hz e alimentano gli aerei in in sosta con propri generatori di bordo spenti.

Dovremmo annoverare tra i mezzi di rampa an­che tutti i mezzi adibiti allo sgombero della neve. Tuttavia, avendo già trattato in precedenti artico­li l’argomento emergenza neve”, rimandiamo a quegli articoli la descrizione dei relativi mezzi . Il parco dei mezzi di rampa deve essere stabilito in modo tale che ci sia sempre una scorta pronta ad intervenire in caso di emergenza. Ad esempio un guasto sottobordo di una scala passeggeri, per di più quando questi sono impazienti di sbar­care, oltre a provocare inevitabili ritardi e discus­sioni, causa una notevole caduta di immagine. La Manutenzione deve quindi programmare gli interventi manutentivi in modo tale da ridurre al minimo i costi, minimizzando il numero di mezzi in stand-by, senza penalizzare la tempestività di intervento in condizioni di emergenza.

 

Ing. Felice Cottino,
Presidente associazione “Osservatorio sulla Manutenzione degli Aeroporti”

Pubblicato il Novembre 3, 2017 - (620 views)
Articoli correlati
La trasformazione digitale dell’industria e l’evoluzione dei servizi di manutenzione
Il futuro della manutenzione
Oil Management 4.0, Oil Lifetime e Remote Monitoring
Il Problem Solving in contesti aziendali
La manutenzione nell’industria 4.0
Sviluppo digitale e Digital Twin nell’industria e nell’Oil&Gas
L’avanguardia italiana nella produzione di strumentazione di processo
Termocamera per smartphone e tablet
Rivestimento polimerico per applicazioni heavy-duty
Sistema di verifica per saldatura ad arco
Sistemi di bullonatura industriali
Manutenzione e tecnologia predittive
Sistema di gestione malfunzionamenti
Prospettiva + prestazione
Sistemi per il condition monitoring
Termocamera ad alta precisione
Misuratore di isolamento
Soluzione per il Field Service Management
CMMS per l'Industria 4.0
Software per ispezioni termografiche
Termocamera per smartphone e tablet
Misuratore di isolamento
Avvitatore a impulsi in magnesio
Manifold ergonomico e compatto
Adesivo strutturale per elevate temperature
Boroscopi per ispezioni industriali
NTN-SNR: Offerta globale per l'agricoltura
PORTA AUTOMATICA SCORREVOLE
LeakExpert per SONAPHONE
Lubrificante per motori a metano
Sistema di allineamento
Avvitatore a impulsi in magnesio
Manifold ergonomico e compatto
CARRELLO DRIVER ABC Tools
Giunti a lamelle
Pressostati digitali
Aperto il primo centro di manutenzione ferroviaria digitale di Siemens Mobility
Boroscopi per ispezioni industriali
NTN-SNR: Contraffazione
NTN-SNR Gamma BB cuscinetti standard a sfere