Migliorativa, preventiva e Risk Management… in viaggio verso il non ancora

  Richiedi informazioni / contattami

La gestione dei rischi in manutenzione è realizzata per mezzo della migliorativa e della preventiva, ma se con la preventiva mi dimentico dei controlli e ne salto alcuni? Ecco che un sistema di notifiche ci viene in aiuto

Migliorativa, preventiva e Risk Management… in viaggio verso il non ancora
Migliorativa, preventiva e Risk Management… in viaggio verso il non ancora

L’uso di un sistema informativo “mobile” è ormai diventata una necessità perlomeno per il personale di manutenzione che opera “in campo”. I processi si devono adeguare ed un peso importante assumono le notifiche. Con le notifiche il database viene periodicamente analizzato e le eccezioni sono indirizzate in tem­po reale sullo smartphone o sul tablet del ma­nutentore.

Quindi chi ancora gestisce le informazioni con lead time deve passare a real time, altrimenti le notifiche non saranno sufficienti a superare il pa­radosso del tempo e dello spazio.

Operando con una organizzazione in real time, il mezzo che consente questa magia sono semplici applicazioni bot (o programmi robot) che si ba­sano su Telegram, uno strumento di chat molto simile a WhatsApp, ma open source e disponi­bile su molte piattaforme hardware, soprattutto sulle cd smart device. Ci sono anche altre so­luzioni, ma noi abbiamo sperimentato Telegram (cfr. Building Telegram Bots: Develop Bots in 12 Programming Languages using the Telegram Bot API, Apress, 2018) perché ci sembrava il si­stema più aperto.

La migliorativa è l’approccio totale della manu­tenzione al Risk Management, un modo per eli­minare definitivamente la fonte del rischio. Ma non è sempre possibile adottare questa politica, sia per ragioni oggettive legate a difficoltà tec­niche/tecnologiche, sia per motivi economici. In entrambi i casi l’alternativa è la manutenzione preventiva.

La manutenzione preventiva oggi, si coniuga in modi assai diversi, ma con analoghi obiettivi. La più diffusa è la cd manutenzione su condizione (on condition) che alcuni erroneamente defini­scono predittiva. La predittiva è un ampliamento della on condition, che coinvolge non una singola misura ma gruppi di misure che permettono di elaborare dei trend e conseguentemente di ef­fettuare una “predizione” sul momento in cui si verificherà il guasto. Per tali ragioni la predittiva è meno diffusa della on condition e legata a sistemi con particolari criticità.

Altrettanto diffusi nell’ambito della preventiva, invece, ci sono piccoli interventi di verifica quo­tidiani sullo stato del “terreno” attorno al quale opera la macchina (una breve descrizione la trovate sul precedente numero di Manutenzio­ne T&M). Si tratta di rilevare grandezze fisiche, come temperature, pressioni, portate, valutare derive, verificare perdite, funzionalità, cose che appaiono ai sensi oltre che agli strumenti e che sono rappresentate sopra delle check list.

Poi ci sono altre attività che fanno parte del do­minio della preventiva, ma meno diffuse. Anche le verifiche sul “terreno” si trovano in forme con scadenze diverse, mensili, semestrali, ma il loro compito anche è diverso. Ora, focalizziamoci sulla on condition e sulle piccole verifiche quotidiane.

Che succede se sono saltate? Ecco, un bel pro­blemino di Risk Management. La natura stessa degli interventi on condition o dei piccoli controlli giornalieri, fa immaginare che se si sostengono i costi per farli, la loro mancanza possa genera­re in un modo o nell’altro delle criticità. Il buon senso ci suggerisce quindi di avere qualche stru­mento per garantirne la loro esecuzione. Ecco quindi che appare l’utilità di avere un sistema di notifiche. Prima di organizzare le notifiche, però, è necessario che l’organizzazione impari ad operare in tempo reale. In questi momenti di grande stress sui tempi, di lavoro, di produzione, di vita, di come passiamo il tempo libero, il ma­nutentore che come ha sempre fatto in passato si appunta qualcosa su fogli di carta o manda a memoria delle situazioni, è sul viale del tramonto. La storia che il manutentore la sera in ufficio o anche il giorno successivo, registri gli appunti del giorno prima nel noiosissimo e odiatissimo siste­ma informativo è da dimenticare.

Il primo passo. Una organizzazione della manu­tenzione armonizzata sulle tempistiche oggi in atto nelle fabbriche, deve abbandonare ogni ritar­do fra informazione e registrazione, fonte anche in un passato recente di ogni forma di disguidi.

E non ci riferiamo solo ai controlli e alle valuta­zioni diagnostiche. Pensate al placido magazzino e alla gestione dei ricambi. Da molto tempo sono in uso “pistole” per rilevare le movimentazioni dei materiali, sul modello della gestione dei super­mercati, con codici a barre, o più recentemente, nei più avanzati, con RFID. Sembrerà assurdo, ma molto spesso mi capita di vedere tali “pistole” fornire le movimentazioni al sistema informati­vo non in tempo reale, ma batch, in un secondo momento, che può essere anche qualche giorno dopo. Vi lascio immaginare quanti problemi può generale questo lead time fra il sorgere della in­formazione e la successiva registrazione.

Se invece di real time c’è lead time, mancano i presupposti per continuare la discussione.

Quindi il primo passo è fare in modo che la pro­pria organizzazione della manutenzione agisca in tempo reale. Ossia che registri le fermate quando accadono o qualche minuto dopo, non alla sera o il giorno dopo. E parimenti registri gli esiti delle ispezioni, le misure della on condition, il risultato dei controlli giornalieri, pochi istanti dopo esse­re accaduti e non ore o giorni dopo. Superato questo scoglio che per molte organizzazioni tra­dizionali sarà un vero osso duro, il paradosso del tempo e dello spazio sarà risolto con le notifiche che avviseranno di eventuali nostri ritardi ed omis­sioni e un sistema di geolocalizzazione indoor che ci aiuterà ad effettuare gli interventi considerando la nostra posizione rispetto alle macchine (cfr. In viaggio verso il non ancora… macchina chiama, manutentore risponde, MT&M, maggio 2019).

Anche solo l’adozione di un sistema di notifiche e allarmi rappresenta, per il servizio di manuten­zione, un bel passo avanti se non altro perché vi costringerà ad uscire dallo schema del lead time per abbracciare i vantaggi del real time, un model­lo operativo che caratterizza le aziende più dina­miche e avvedute nel mondo della Industria 4.0.

Il viaggio verso il non ancora prosegue…

 

Maurizio Cattaneo, Amministratore di Global Service & Maintenance

Pubblicato il Giugno 21, 2019 - (14 views)
Articoli correlati
Maschi per filettatura di fori ciechi e passanti
Sabbiatrice da banco professionale
Soluzione integrata di armadi modulari e condizionatori
Filtri per i sistemi dei convertitori statici di corrente
Unità campo compatta per l’analisi dell’acqua
Frese integrali per micro lavorazioni
Martin Fischer entra a far parte del Consiglio di Amministrazione di ZF
Weerg con Norblast per le lavorazioni di Additive Manufacturing
Servomech festeggia il trentennale con un nuovo sito web
Varvel investe su nuovi progetti in ottica 4.0
Automation & Testing 2020
Analisi vibrazioni
Sistema di gestione veicoli
Monitoraggio di temperatura e gas
Sistemi oleodinamici smart
Soluzione per condition monitoring
Manutenzione oleodinamica sostenibile
Process instrumentation
Pompe multistadio, in ghisa e a cassa divisa
Misuratore di isolamento e multimetro
Maschi per filettatura di fori ciechi e passanti
Sabbiatrice da banco professionale
Stroboscopi portatili
Alimentatori da banco a uscita singola e doppia
Termocamera per diagnostica industriale
Centro di tornitura robotizzato
Termoplastiche FDM per applicazioni di stampa 3D
Gamma SMART TEMP, apparecchi di riscaldamento ad induzione
Soluzione per condition monitoring
Misuratore di isolamento e multimetro
Maschi per filettatura di fori ciechi e passanti
NTN-SNR: gamma di cuscinetti radiali rigidi a sfere NTN, 
in versione migliorata con gioco interno CM
SRB ZZ KIZEI®: La nuova ed esclusiva gamma di cuscinetti orientabili a rulli
Soluzioni NTN-SNR per il mercato dell’agroalimentare
NTN-SNR e il mercato europeo dell’industria siderurgica
Gamma SMART TEMP, apparecchi di riscaldamento ad induzione
Cassetta porta utensili con sgabello
Soluzione per condition monitoring
Stanley lancia gamma di utensileria meccanica
Registratori della qualità dell’alimentazione trifase