Partnership tra Schaeffler e Bosch Automotive Steering

Per offrire soluzioni integrate per sistemi sterzanti della ruota posteriore e ampliare l’offerta in ambito di iRWS

  • Partnership tra Schaeffler e Bosch Automotive Steering
    Partnership tra Schaeffler e Bosch Automotive Steering

Schaeffler, fornitore globale nei settori Automotive e Industrial, e Robert Bosch Automotive Steering GmbH hanno avviato una collaborazione di sviluppo per ampliare il portafoglio Schaeffler in ambito di sterzo intelligente della ruota posteriore (iRWS, Intelligent Rear Wheel Steering). Scopo della partnership è far crescere il mercato offrendo soluzioni integrate per sistemi sterzanti della ruota posteriore.

Schaeffler fornisce alla partnership sistemi iRWS

Nella partnership, Schaeffler fornisce sistemi meccatronici iRWS e Bosch Automotive Steering contribuisce con software ed elettronica sotto forma di unità di controllo sterzo. Schaeffler ha lanciato con successo nel 2015 il suo intelligent Active Roll Control system (iARC), il tutto confluito nello sviluppo di sterzi meccatronici per la ruota posteriore. Si unisce quindi la competenza di Schaeffler in ambito meccatronico con quelle nell’industrializzazione di componenti meccanici e meccatronici, creando un prodotto efficiente che può essere personalizzato in base alle necessità del cliente. L’unità meccatronica iRWS migliora comfort di guida e sicurezza, cosa che offre numerosi vantaggi chiave nel mondo in rapida urbanizzazione di oggi. La tecnologia dello sterzo della ruota posteriore è un’evoluzione meccatronica, facendo ruotare le ruote posteriori nella direzione opposta rispetto a quelle anteriori, riduce il raggio di sterzata, aumentando in modo significativo la manovrabilità in spazi ristretti, come i parcheggi in contesti urbani trafficati. Inoltre, l'azione di sterzata assistita dell'asse posteriore aumenta la maneggevolezza, la stabilità e il comfort di guida e migliora la sicurezza del veicolo. Il sistema di sterzo della ruota posteriore di Schaeffler utilizza tecnologie leggere ed è caratterizzato da un peso complessivo massimo di soli otto chilogrammi. Il cuore del sistema è costituito da un ingranaggio a rulli planetari che svolge una funzione autobloccante, garantendo che le ruote posteriori non cambino direzione senza l'input di sterzo da parte del conducente. L'azionamento a vite planetaria (planetary screw drive) offre anche un'efficienza superiore. Inoltre, il design del sistema è ottimizzato acusticamente, il che lo rende particolarmente adatto all'uso in veicoli elettrici a bassa rumorosità.

L'unità di controllo dello sterzo è il contributo di Bosch alla partnership

Il contributo di Bosch alla partnership è rappresentato dall’unità di controllo dello sterzo, un modulo integrato che comprende elettronica di controllo, motore elettrico e software. Dal design scalabile e modulare, questa unità è fondamentale per molte delle funzioni di assistenza alla guida nel nuovo sistema sterzante dell’asse posteriore di Schaeffler. Già di provata efficacia, l’unità di controllo dello sterzo è stata implementata con successo in milioni di veicoli con sterzo ad asse anteriore. È dotata della sicurezza Bosch per la solida protezione dagli attacchi informatici. Funzioni e aggiornamenti sono supportati da tecnologia over-the-air (OTA). Bosch ha già collaborato con successo con questa tecnologia in numerose applicazioni di clienti. Sulla base dei segnali del sensore di coppia del volante, il controller elettronico integrato dell'unità di controllo dello sterzo calcola l'assistenza di sterzata ottimale, che viene poi fornita dal motore elettrico integrato. Oltre alla coppia applicata al volante dal conducente, il calcolo tiene conto di numerosi altri parametri del veicolo.

Rossana Saullo si laurea prima in Lettere Moderne presso l’Università della Calabria di Cosenza, successivamente consegue la laurea magistrale in Letteratura, Filologia e Linguistica Italiana presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2020 consegue il Master Professione Editoria Cartacea e Digitale presso l’Università Cattolica di Milano. Da settembre 2020 lavora in TIMGlobal Media.

More articles Contatto