Sicurezza sul lavoro: "Si lavora per vivere non per morire"

Matteo Mondini e la sua testimonianza lo scorso 4 Maggio durante l’A.I.MAN. Opening Day 2022

  • Giugno 17, 2022
  • 51 views
  • Sicurezza sul lavoro: "Si lavora per vivere non per morire"
    Sicurezza sul lavoro: "Si lavora per vivere non per morire"
  • Sicurezza sul lavoro: "Si lavora per vivere non per morire"
    Sicurezza sul lavoro: "Si lavora per vivere non per morire"

Nel 2010 è rimasto vittima di un gravissimo incidente sul lavoro per il quale si è dovuto sottoporre a 38 operazioni, oggi Matteo Mondini, con il suo Safety Tour, porta la cultura della sicurezza in scuole e aziende.

12 anni fa, un incidente mentre stava lavorando cambiò totalmente la sua vita di giovane 28enne. «Ero in un negozio in fase di ristrutturazione a Monza. Dovevo installare una porta blindata, ma sono rimasto folgorato dalla corrente elettrica perché mancava il salvavita». In collegamento da remoto, Mondini ha portato la sua tragica, ma necessaria, testimonianza in occasione di La Manutenzione in Italia: A.I.MAN. Opening Day 2022, l’evento A.I.MAN. tenutosi lo scorso 4 Maggio presso il Museo Storico Alfa Romeo “La Macchina del Tempo” di Arese. Mondini è intervenuto a seguito della presentazione della nuova sezione tematica dell’Associazione, Manutenzione & Sicurezza, che vede nell’Ing. Fabio Calzavara il Coordinatore designato.

Attraverso una toccante lettera, Mondini ha raccontato tutto il calvario degli ultimi 12 anni, dei 38 interventi, dell’amputazione del braccio. Ma ha trasmesso anche la sua forza: si era promesso sul letto d'ospedale di impegnarsi in prima persona per promuovere la sicurezza sul lavoro. E così ha fatto: Mondini negli scorsi anni ha ideato il “Safety Tour” un progetto itinerante che lo porta nelle scuole professionali e nelle aziende di tutta Italia a parlare della sua storia personale e, attraverso essa, a sensibilizzare i lavoratori (e i futuri lavoratori).

Della vicenda drammatica, che ha sconvolto la sua vita e quella della sua famiglia, Mondini ne ha fatto la sua missione: diffondere la cultura della prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro per far sì che la sicurezza personale sia sempre posta davanti a ogni cosa: “si lavora per vivere, non per morire”. È la frase che Mondini ha tatuata sul petto, vicino al cuore, quel cuore che ha rischiato di fermarsi dopo il grave infortunio.

La testimonianza di Matteo Mondini durante l’Opening Day A.I.MAN. testimonia la grande attenzione dell’Associazione verso il mondo dei lavoratori e della loro sicurezza, come spesso testimoniamo anche sulle pagine di Manutenzione & Asset Management.

Rossana Saullo si laurea prima in Lettere Moderne presso l’Università della Calabria di Cosenza, successivamente consegue la laurea magistrale in Letteratura, Filologia e Linguistica Italiana presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2020 consegue il Master Professione Editoria Cartacea e Digitale presso l’Università Cattolica di Milano. Da settembre 2020 lavora in TIMGlobal Media.

More articles Contatto