La sicurezza dei serbatoi a tetto galleggiante

  • Marzo 16, 2015
  • 3968 views
  • Incendio di serbatoio a tetto galleggiante
    Incendio di serbatoio a tetto galleggiante

 

Da uno studio (Lastfire - Large atmospheric storage tank fires - 1997 e 2005) relativo agli incidenti avvenuti in un periodo di 15 anni, negli anni 1981-1995, nei serbatoi di stoccaggio atmosferici a tetto galleggiante di grande capacità (diametro ? 40 m) - circa 2.400 ubicati in tutto il mondo - è risultato quanto segue: rilasci di idrocarburi liquidi sul tetto e nel bacino di contenimento tetti galleggianti affondati incendi nella corona di tenuta del tetto, sul tetto (parziale e totale), nel bacino di contenimento.

Le principali cause sono state rotture del tetto, sovra riempimento, guasti al drenaggio acqua piovana; pioggia intensa, guasti ai cassoni di galleggiamento; fulmini, elettricità statica.

Le misure di prevenzione generalmente adottate secondo le "best practice" - Recommended Practice delle norme API e delle società di assicurazione (Marsh - Atmospheric storage tanks - 2011) - sono le seguenti: sistemi di allarme e blocco automatico per altissimo livello sistemi di allarme per inclinazione anomala del tetto sistemi di rilevazione incendio corona sistemi di continuità elettrica tra tetto e pareti del serbatoio messo a terra.

Le misure di protezione generalmente adottate sono le seguenti: sistemi di raffreddamento alle pareti sistemi di immissione schiuma con mezzi fissi (nella corona) e/o mobili per lo spegnimento degli incendi.

Un esempio di incendio di tetto affondato di un serbatoi a tetto galleggiante è quello avvenuto nel 2001 a Norco - LA (USA) in uno stoccaggio di circa 50.000 m3 di benzina. L'incendio, simile a quello riportato in figura, causato dall'affondamento del tetto per pioggia intensa di una tempesta tropicale e da un successivo fulmine è stato poi spento con l'utilizzo di schiuma lanciata da monitori mobili.

L'importanza della protezione contro i fulmini dei serbatoi a tetto galleggiante è descritta nelle API RP 2003-2014 (Protection against ignition arising out of static, lightning and stray current) e API RP-545-2014 (Recommended practice for lightning protection of above ground storage tanks for flammable or combustible liquids). Le tecniche per garantire la continuità elettrica tra tetto e pareti possono essere: shunt metallici del tetto che scorrono lungo le pareti; cavi elettrici flessibili che collegano il tetto alle pareti.

È raccomandato di effettuare controlli periodici sulla continuità elettrica e/o di installare sistemi di rilevazione della continuità elettrica con allarme.

Le tecniche per garantire l'integrità della tenuta tra tetto e pareti e quindi evitare la presenza di vapori infiammabili possono essere: tenute semplici o doppie. È raccomandato di effettuare controlli periodici sullo stato delle tenute.

L'adozione delle suddette misure di prevenzione, protezione e controlli periodici ispettivi e manutentivi può ridurre il rischio di incendio (piena superficie) di un serbatoio di stoccaggio a tetto galleggiante al minimo tecnicamente possibile.

 

 

Ing. Domenico Barone, 

Esperto in sicurezza industriale

La mission di IEN Italia è quella di fornire ai lettori informazioni su nuovi prodotti e servizi relativi alla progettazione industriale. Se desideri che nuovi prodotti della tua azienda vengano pubblicati su IEN Italia, invia alla nostra redazione un comunicato stampa tecnico. Per discutere opportunità editoriali o per inviare contributi editoriali, contatta la redazione.

Altri articoli Contatto