Ottimizzazione delle torri di raffreddamento

  Richiedi informazioni / contattami

Vita più lunga e interventi di manutenzione estremamente ridotti attraverso i motori a magneti permanenti di ABB

Manutenzione Elettrica

Molti dei motori tradizionali possono essere sostituiti con motori a magneti permanenti più efficienti e installabili direttamente sulle ventole, riducendo così il numero di parti di cui si compone il sistema e limitando il rischio di guasti
Molti dei motori tradizionali possono essere sostituiti con motori a magneti permanenti più efficienti e installabili direttamente sulle ventole, riducendo così il numero di parti di cui si compone il sistema e limitando il rischio di guasti

I produttori di alimenti e bevande hanno preso atto che, soprattutto con l’espandersi di tecnologie come le catene del freddo, il loro settore sta diventando un ambiente in cui la produzione non si ferma mai. Alle aziende servono quindi attrezzature che possano funzionare in modo continuo.

Tuttavia, quando rimangono in produzione a lungo, le macchine tendono a surriscaldarsi, il che significa che per assicurare un’operatività ininterrotta anche i sistemi di raffreddamento devono funzionare ventiquattro ore al gior­no. Nel settore alimentare e delle bevande, riscaldamento, raffreddamento e pastorizzazione sono fasi comuni e ognuna di esse produce, direttamente o indirettamente, grandi quantità di calore che è indispensabile gestire affinché il surriscaldamento non danneggi le apparecchiature. Quindi è importante di­sporre di un sistema di raffreddamento affidabile, che richieda pochissima manutenzione e che sia in grado di estrarre calore con efficacia e velocità sufficienti.

Come ottimizzare il raffreddamento

Le ventole tradizionali utilizzano general­mente motori a induzione a 1500 giri/min che, a cascata, si collegano a un albero di trasmissione, quindi a un riduttore e infine alla ventola. Questa configurazione rende il sistema soggetto a guasti in quanto le parti in movimento sono molte. Inoltre la manu­tenzione del riduttore richiede tempo e, a causa dell’ambiente, le perdite d’olio sono frequenti. Per contrastare questi risvolti negativi servono motori installabili diretta­mente sulle ventole e in grado di resistere alle condizioni presenti all’interno della torre di raffreddamento. Molti dei motori tradizionali possono essere sostituiti con motori a magneti permanenti più efficienti, installabili direttamente sulle ven­tole. Questa soluzione permette di ridurre il numero di parti di cui si compone il sistema e limitare il rischio di guasti. I motori a magneti permanenti fanno inoltre risparmiare spazio, essendo più compatti di quelli tradizionali montati nelle torri di raffreddamento.

Contribuiscono anche all’ottimizzazione delle torri di raffreddamento grazie a due specifiche caratte­ristiche: riducono l’inquinamento acustico e sono reversibili, il che consente di utilizzare le ventole per evitare il congelamento durante i mesi più fred­di dell’anno. L’aggiunta di funzioni come questa fa sì che la maggiore efficienza dei motori a magneti permanenti, specie a carichi parziali, e il controllo a velocità variabile dei convertitori di frequenza ga­rantiscano l’adeguamento rapido della velocità del­le ventole secondo necessità, risparmiando ener­gia, riducendo l’impronta di CO2 e abbassando i costi di esercizio.

I motori a magneti permanenti di ABB possono es­sere installati anche con i convertitori di frequenza industriali ACS880-01 che integrano programmi di controllo per applicazioni nelle torri di raffredda­mento. Il convertitore può così regolare la velocità dei motori in base a quanto richiesto dal processo, con un ulteriore risparmio energetico e, al con­tempo, minori tassi di usu­ra. Di conseguenza le torri di raffreddamento potranno funzionare più a lungo e, durante tutto il loro ciclo di vita, avranno bisogno di an­cor meno manutenzione. Nel complesso, l’aggiorna­mento dei sistemi a torre di raffreddamento può portare a notevoli risparmi e creare una piattaforma per la pro­duzione costante in grado di stimolare la crescita del business. I sistemi di raffred­damento tradizionali, in par­ticolare i motori delle ventole di raffreddamento, non sono più all’altezza degli attuali requisiti. Ottimizzarli at­traverso l’introduzione di nuove tecnologie è l’unico modo per migliorare la produzione.

Darcy Simonis, Vice Presidente gruppo Food and Beverage, ABB

Pubblicato il Luglio 11, 2019 - (489 views)
ABB Spa - ABB Sace Division
Via Luciano Lama 33
20099 Sesto San Giovanni - Italy
+39-02-24141
+39-02-24143713
Visualizza company profile
Mappa
Più prodotti da questo inserzionista
Sensori per la misurazione del pH
Big Data, come evitare di esserne sopraffatti
La sfida del Connected Asset Lifecycle Management
Sensore per motori a bassa tensione
Motori per industria alimentare
Applicazione di motori e inverter per la produzione efficiente di carbonato di calcio
Motori con convertitori di frequenza ad alta efficienza
Sensori per comunicazioni wireless dei dati motore
Avviatori graduali per protezione motore
Articoli correlati
Alimentatori per Building Automation
Soluzioni multiprocesso per costruire e manutenere armadi elettrici
Gruppo soffiante che unisce tecnologie a lobi e a vite
Con E-Repair riparti in sicurezza con l’anticipo di una scheda elettronica industriale sanificata
Connettori di potenza Push-Lock
Encoder incrementali Heavy Duty
Controller di rotazione di fase
Sistema di encoder con sensore e scala
Relè statici a basso rumore elettromagnetico
Soluzione Plug & Play per quadri elettrici
Piattaforma d'acquisto per l'automazione
Strumento di misurazione d'isolamento
Manutenzione degli impianti
Manutenzione elettrica
Servizio di supporto per Reti industriali
Test per veicoli elettrici
Manutenzione e fornitura
Mobilità elettrica
Piattaforma software per la sicurezza
Strumento per la verifica elettrica
Soluzione Plug & Play per quadri elettrici
Quadri di alimentazione a uso medicale
Morsetti sensori/attuatori
E-Repair: una nuova frontiera della manutenzione predittiva
Pinza amperometrica con ganasce ultra-sottili
Individua le anomalie prima che si trasformino in problemi con la nuova termocamera Fluke Ti300+
Strumento di misurazione d'isolamento
Alimentatori da banco a uscita singola e doppia
Fluke 1736 e 1738
Oscilloscopi con larghezze di banda fino a 1 GHz
Con E-Repair riparti in sicurezza con l’anticipo di una scheda elettronica industriale sanificata
E-Repair: una nuova frontiera della manutenzione predittiva
Piattaforma software per la sicurezza
SONOCHEK: il rilevatore a ultrasuoni per l'individuazione di perdite
Interruttori d’arresto per unità di controllo mobili
Interruttori per quadri elettrici di bassa tensione
Condizionatore in classe di potenza 1,6 kW
Moduli e software per la programmazione
Lampade da ispezione LED
Manutenzione predittiva attraverso alimentatori intelligenti