Brevi riflessioni a seguito degli ultimi “accidenti”

  Richiedi informazioni / contattami

Un bilancio di quello che, dopo il 2018, può a ben ragione essere definito un nuovo Annus Horribilis per il mondo dei trasporti

Brevi riflessioni a seguito degli ultimi “accidenti”
Brevi riflessioni a seguito degli ultimi “accidenti”

Il mondo dei trasporti non ha presentato significative novità positive nell’anno che si sta concludendo. Se da un lato, ad esempio, le Ferrovie dello Stato si aggiudicano una gara spagnola per l’alta velocità, dall’altro assistiamo in continuazione a ritardi ed avarie di veicoli e infrastrutture. Stesso discorso vale per il trasporto su strada.

Ci troviamo purtroppo a ridire cose già evidenziate nel passato, con la consapevolezza però che resteranno quasi certamente solo parole.

Quindi...

Il 2019 ci regala il secondo “annus horribilis” dopo il 2018, con crolli di ponti, frane e inondazioni.

E soprattutto con un coro continuo sulla necessità di fare manutenzione, perché solo con la Manutenzione si risolvono i problemi eccetera eccetera.

Tutto bello, se non fosse che coloro i quali ora parlano e pontificano (anche senza competenze) in questo modo, sono le stesse persone e aziende che, in condizioni non critiche, hanno sempre snobbato la Manutenzione come una cenerentola dei processi produttivi, come qualcosa che si può tagliare o non considerare quando i conti non tornano.

Ma nessuno si può tirare fuori, né i responsabili delle aziende a tutti i livelli né i politici di oggi e di ieri.

Vedere per credere la concessione ad Autostrade per l’Italia (ASPI) dove si legge che in caso di inadempienza degli obblighi convenzionali è la Concessionaria, previa diffida del Concedente, a riparare all’inadempimento stesso (articolo 8 della convenzione).

Troppo spesso gli aspetti commerciali di un rapporto travalicano le necessità manutentive, troppo spesso non c’è consapevolezza del rischio concreto o potenziale e della linea di responsabilità.

Discorsi già fatti, triti e ritriti, che passata l’emergenza vengono dimenticati.

La Manutenzione (del territorio, delle infrastrutture, dei veicoli) è un problema prima di tutto culturale e poi di risorse. Il che significa che è un problema che va oltre i Manutentori e che si può risolvere solo con una nuova e diversa volontà politica.

 

Bruno Sasso, Coordinatore Sezione Trasporti A.I.MAN.

Pubblicato il Dicembre 11, 2019 - (20 views)
Articoli correlati
Manutenzione… attenti a smaltire quel ricambio!
Il Consulente Tecnico di Parte
La manutenzione sulle infrastrutture di volo aeroportuali
Il cuore degli Asset di un’impresa
Manutenzione è … progettazione e gestione
Il ruolo dell’After Sales Manager nel trasporto
Organizzazione e futuro
Ha senso parlare di manutenzione delle infrastrutture?
FLIR rilascia l'aggiornamento del software United VMS 9.0.1
Pompe centrifughe multistadio
Prolunghe con trasmissione a catena
Trasmettitori di pressione digitali
Nastri di tenute igieniche per farmaceutico e medicale
Troubleshooting delle reti industriali
Servizi per la manutenzione preventiva e predittiva
Apparecchiature di misura e controllo industriali
Strategie per la manutenzione preventiva
Monitoraggio permanente delle vibrazioni
Analisi degli olii lubrificanti
Un partner per la gestione degli asset
Kit di montaggio per installatori elettrici
Chiavi dinamometriche a serraggio controllato
Termocamera compatta touchscreen
Supporti orientabili e cuscinetti-inserti
Cuscinetti a due corone di rulli
Supporti in due metà in ghisa duttile
Cuscinetti orientabili a rullini “Made in Japan”
Lettore a camera per codici in miniatura
Inserti in metallo duro per tornitura dell'acciaio
Dischi da taglio in granulo abrasivo e legante
Sensori magnetostrittivi IO-Link
Materiale a strappo stampabile
Supporti orientabili e cuscinetti-inserti
Cuscinetti a due corone di rulli
Supporti in due metà in ghisa duttile
Moduli lineari versatili nelle configurazioni
Cuscinetti orientabili a rullini “Made in Japan”
Lettore a camera per codici in miniatura
Pompa monovite regolabile in modo automatico
Software di ispezione ottica automatica e laser confocale