Facility Management, la gestione di infrastrutture e attività lavorative ai tempi del Covid-19

  Richiedi informazioni / contattami

Piani d’intervento efficaci, raccolta e analisi dei dati e tecnologia informatica sono i punti di forza che assicurano una risposta tempestiva ad ogni scenario con cui il mondo del lavoro dovrà confrontarsi

Facility Management, la gestione di infrastrutture e attività lavorative ai tempi del Covid-19
Facility Management, la gestione di infrastrutture e attività lavorative ai tempi del Covid-19
Facility Management, la gestione di infrastrutture e attività lavorative ai tempi del Covid-19
Facility Management, la gestione di infrastrutture e attività lavorative ai tempi del Covid-19

Con la riapertura delle attività produttive in seguito all’emergenza Covid-19, il coordinamento e la gestione degli spazi di lavoro sta assumendo una dimensione di maggiore importanza. La prevenzione è una essenziale arma di tutela della salute pubblica e, inoltre, la correlazione con il nostro ambiente – sia all’esterno che all’interno dei luoghi di impiego – si è dimostrata imprescindibile per una corretta ed efficace strategia di difesa dal contagio. È pertanto necessario l’impegno di coloro che si occupano dell’organizzazione dello spazio fisico, coniugato con le risorse umane e con l’attività aziendale, occupazione che nel suo complesso è altresì nota come “facility management”.

Durante le varie fasi dell’attuale epidemia del nuovo coronavirus, i manager svolgono un ruolo di primo piano nell’indirizzare la risposta delle imprese in termini di sicurezza e della salute dei dipendenti, ricoprendo anche ruoli come responsabili di crisi e della cooperazione. A tale scopo, fra gli strumenti di maggiore importanza a disposizione dei responsabili della gestione infrastrutturale – o “facility manager” – vi sono i dati di elevata accuratezza riguardanti le informazioni planimetriche su terreni e fabbricati, la dislocazione dei dipendenti e delle risorse correlate all’attività produttiva.

Il ruolo-chiave della pianificazione

In base alle notizie divulgate dalla Organizzazione mondiale della sanità (OMS), per prevenire il Covid-19 – termine che indica la patologia causata dal virus SARS-CoV-2 – è indispensabile mantenere appropriati livelli di igiene nei luoghi chiusi in cui il distanziamento sociale, da solo, non è uno strumento sufficiente. Attraverso l’aerazione dei locali e la costante sanificazione di spazi e superfici comuni, assommate ad ulteriori norme preventive, si può ottenere un contenimento di gran lunga più efficace.

Dalla fine delle misure restrittive adottate dal governo italiano nella fase acuta dell’epidemia, una scrupolosa e programmatica gestione delle risorse umane e l’applicazione delle linee guida per il contrasto e il contenimento del virus negli ambienti di lavoro – aggiornate nel Dpcm 11 giugno – assumono una valenza prioritaria, affinché non si debba nuovamente fare ricorso ad un rigido lockdown. In tempo di crisi, quale l’emergenza pandemica causata dal coronavirus, le aziende si rivolgono ai facility manager per assicurarsi che vengano adottate tutte le contromisure necessarie a garantire il benessere dei lavoratori e per la sicurezza dei luoghi d’impiego. È a tal punto che i dati raccolti quotidianamente tramite le tecnologie informatiche per coordinare gli spazi di lavoro ed i dipendenti possono decisamente supportare l’azienda. Vediamo come procedere per pianificare in modo ottimale le attività anti-contagio, le quali delimitano la differenza fra il poter proseguire con profitto l’attività lavorativa e la sospensione forzata – fino al ripristino delle condizioni di sicurezza. Difatti, le imprese che non dovessero attuare la normativa vigente per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid-19, si esporrebbero al rischio di chiusura a tempo determinato e sanzione amministrativa.

Sanificazione dei locali lavorativi e gestione del personale

Le ordinarie procedure di pulizia degli spazi condivisi non sono sufficienti e ciò è valido sia se l’azienda svolge un’attività essenziale – e prosegue il suo operato anche durante un eventuale lockdown –, sia per ogni tipologia di attività che abbia riaperto dopo le limitazioni della fase acuta del contagio. Nella pianificazione va inclusa la frequente sanificazione di tutte le superfici condivise – porte, maniglie, tastiere, touch screen e apparecchi telefonici –, con particolare attenzione ai servizi igienici.

È preferibile stabilire delle ulteriori contromisure di decontaminazione nell’eventualità di un caso accertato di positività fra i dipendenti: andranno svolte delle procedure straordinarie per mantenere i locali e le infrastrutture puliti da tracce del virus. La normativa attualmente vigente non permette lo svolgimento di riunioni, congressi e meeting, pertanto tali spazi andranno temporaneamente riorganizzati o riassegnati a diverse finalità.

Ad ogni modo, laddove non sia possibile mantenere la distanza interpersonale di almeno un metro, all’interno degli edifici è tuttora necessario l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale (DPI), quali mascherine Ffp2 e Ffp3, mascherine chirurgiche, gel disinfettanti e guanti monouso. Ogni aspetto va esaminato, senza tralasciare una opportuna segnaletica grafica rivolta ai dipendenti con specifici promemoria sulle norme anti-contagio adottate dall’azienda.

Tali operazioni possono essere efficacemente pianificate attraverso software, con dati in tempo reale e notifiche. La programmazione del distanziamento sociale dei lavoratori ed i piani di turnazione per usufruire del lavoro agile saranno basati sui dati aggregati dagli strumenti di facility management, individuando tempestivamente e con accuratezza le aree più a rischio di assembramento, o che necessitano di opportune manutenzioni. Andranno esaminate le strategie ottimali per quanto riguarda il protocollo sanitario da applicare ai visitatori esterni: a tal fine, è possibile adottare badge RFID per il tracciamento degli spostamenti e del tempo di permanenza.

Qualità dell’aria all’interno delle strutture

La tecnologia può rivelarsi determinante per garantire una qualità dell’aria adeguata negli edifici, poiché si tratta di un fattore essenziale nella prevenzione dal contagio. È infatto noto che la diffusione del SARS-CoV-2 avviene per via aerea, oltre al contatto con superfici infette. I sensori ambientali sono in grado di fornire una mappatura della qualità dell’aria su una pianta interattiva dell’edificio, consentendo di visualizzare immediatamente le zone in cui il flusso d’aria necessita di migliorie, tramite procedure per sanificare i sistemi di riscaldamento, ventilazione e condizionamento – inclusa la sostituzione dei filtri.

Assicurare la continuità del business

Ulteriore elemento di prioritaria importanza: il facility manager possiede tutti gli strumenti tecnologici indispensabili ad accertarsi che l’epidemia non abbia un impatto negativo sul regolare svolgimento delle attività di lavoro. Nel dettaglio, per assicurare la continuità aziendale è opportuno monitorare l’assenteismo, integrando i dati delle risorse umane con le planimetrie visuali dei reparti, determinando così i tassi d’assenza più elevati e verificando l’impatto della pandemia sulla forza lavoro.

Andrà verificata inoltre l’osservanza della quarantena nel caso di un lavoratore positivo al tampone: sussiste tuttora “l’obbligo di rimanere al proprio domicilio in presenza di febbre (oltre 37.5°) o altri sintomi influenzali e di chiamare il proprio medico di famiglia e l’autorità sanitaria”.

Piani d’intervento efficaci, raccolta e analisi dei dati, tecnologia informatica: sono i punti di forza che assicurano una risposta tempestiva ad ogni scenario, anche futuro, con cui il mondo del lavoro dovrà confrontarsi. Pertanto, i professionisti del facility management si trovano in prima linea per aiutare le imprese ad adeguarsi al cambiamento.

Flora Liliana Menicocci  

Sitografia

https://www.agi.it/politica/news/2020-05-15/fase-due-linee-guida-riaperture-8628812/

https://it.wikipedia.org/wiki/Facility_management

https://www.gruppohelyos.it/2020/04/09/in-che-modo-il-facility-management-puo-contribuire-a-ridurre-la-trasmissione-del-coronavirus/

https://www.internet4things.it/iot-library/tutto-sul-facility-management/

https://www.facilitiesnet.com/emergencypreparedness/article/4-Coronavirus-Strategies-Facilities-Managers-Should-Be-Doing-Now--18853

https://www.planradar.com/facility-shutdown-building-management-in-the-time-of-the-coronavirus/
 

Pubblicato il Luglio 3, 2020 - (331 views)
RS Components spa
Via M. De Vizzi, 93/95
20092 Cinisello Balsamo - Italy
+39-02 660581
Visualizza company profile
Mappa
Più prodotti da questo inserzionista
Kit di igiene individuale anti-Covid
Scarpe antinfortunistiche per gli ambienti di lavoro
RS Components sviluppa un progetto sul distanziamento sociale
Termocamere con fotocamera digitale integrata
Trasformazione digitale e “human touch” alla base di RS Components
Torrette di segnalazione modulari a LED
Apre il primo punto vendita RS Components in Italia
Respiratori semimaschera a quadruplo flusso
RS Components firma contratto di rivendita con SKF
Alimentatori da banco a uscita singola e doppia
Termocamere con fotocamera digitale integrata
Alimentatori da banco a uscita singola e doppia
Oscilloscopi con interfaccia ergonomica
Tester per valvole di controllo industriali
Sonde, termocamere e multimetri per la manutenzione
Interruttori di arresto di emergenza
Termocamere portatili professionali
Strumenti di misura
Data logger per monitoraggio dell'aria
Lampade da lavoro e di ispezione
Articoli correlati
Iscriviti al webinar sulle soluzioni digitali di Omninecs
Si conferma solido il primo semestre 2020 del Gruppo SKF
Livelle laser rotanti
Eiettore multistadio
Alimentatori per Building Automation
Olfattometro per l'industria neurologica, cosmetica e alimentare
Sensori di pressione di Melt per polimeri
Manutenzione 1.0, si torna all’antico…
Sistemi di gestione della sicurezza stradale
L’uomo di manutenzione al centro dell’evoluzione
App di interfaccia con EAM
Lubrificazione pacchi tenuta e cilindri
Valvole industriali per il petrolchimico
Sensoristica per l'Internet of Things
Barriere di sicurezza aeroportuali
Kit di estrattori per viti
CMMS per la gestione degli asset
Accelerometro digitale Plug-n-Play
Piattaforma software per verifiche elettriche
Centro di formazione per le tecnologie di movimentazione
Cartelli per segnaletica prevenzione COVID-19
Manometro digitale con sensori risonanti al silicio
Pinza magnetica per la manipolazione di pezzi irregolari
Soluzione Plug & Play per quadri elettrici
Quadri di alimentazione a uso medicale
Coswin 8i
I pressostati di Precision Fluid Controls utilizzati per i sistemi di respirazione delle terapie intensive
Sensore di pressione con funzione di pressostato
Morsetti sensori/attuatori
Sollevatore a pantografo
È online il video del Webinar "La digitalizzazione del Condition Monitoring alla base dell'Asset Management"
Con E-Repair riparti in sicurezza con l’anticipo di una scheda elettronica industriale sanificata
A-SAFE: barriere di sicurezza per aeroporti
"Come implementare un programma di Condition Monitoring", disponibile il video del webinar di Pruftechnik
Sistema di allineamento laser Rotalign Touch
Rilevatore di dati sulle vibrazioni ad alta velocità Vibscanner II con MQTT
Vibguard IoT: sistema di monitoraggio online delle condizioni di livello elevato per risorse critiche
Come approfondire le competenze verso la Digital Transformation? Guarda il video del webinar di FESTO CTE
A-SAFE presenta RackEye™
E-Repair: una nuova frontiera della manutenzione predittiva