L'APM in uno stabilimento di raffinazione del petrolio

Implementazione dell'Asset Performance Management per il miglioramento dell'affidabilità

  • Novembre 16, 2015
  • 348 views
  • L'APM in uno stabilimento di raffinazione del petrolio
    L'APM in uno stabilimento di raffinazione del petrolio

Il termine "asset" (ISO 55000:2014) indica ogni entità materiale o immateriale che rappresenta un valore reale o potenziale, nell'immediato o nel futuro, del quale una organizzazione assume la responsabilità. L'Asset Performance Management (APM) è quella componente di un Enterprise Asset Management System (EAMS) che consente di valutare il grado con cui un asset svolge la funzione prevista, misurata rispetto a obiettivi e standard concordati.

 

Obiettivo principale dell'APM è quello di fornire metodi e strumenti per ottenere la riduzione del rischio operativo e l'incremento del profitto utilizzando un approccio che si basa sulla valutazione integrata delle esigenze di operatività e di manutenzione degli asset. La necessità di condividere dati e informazioni sulla operatività di un asset, al fine di definire le più opportune strategie di gestione, richiede sistemi informativi evoluti che consentono Implementazione dell'Asset Performance Management per il miglioramento dell'affidabilità l'archiviazione e l'analisi di grandi quantità di dati relativi ad uno specifico asset o a famiglie di asset (simili per tipologia, condizioni operative, strategie manutentive,?) e che contenengono moduli per l'analisi delle performance (APM), destinati all'Ingegneria di Manutenzione. L'implementazione di tali sistemi richiede una conoscenza approfondita dei processi aziendali e la definizione di metriche per la gestione delle performance.

 

In Figura 1 è mostrata la relazione fra la gestione dell'asset (livello manageriale), la gestione delle performance (livello di ingegneria della manutenzione) e le attività manutentive (livello operativo).

 

Adozione di un sistema APM

 

La Raffineria ISAB S.r.l., inserita nel polo petrolchimico di Priolo Gargallo (SR), è uno dei più grandi siti industriali europei sia per dimensioni sia per complessità, essendo costituita da tre siti produttivi (due di raffinazione ed una centrale elettrica) tra loro interconnessi. In ISAB, l'APM rientra in un progetto di miglioramento dell'affidabilità, che dal 2012 sta coinvolgendo l'azienda con l'obiettivo di modificare i processi di gestione della manutenzione per tendere alle Best Practice in termini di affidabilità degli impianti di produzione e di gestione della manutenzione, attraverso azioni organizzative, gestionali, metodologiche e informative.

 

Lo sviluppo di un sistema APM integrato ha richiesto una fase di progettazione della soluzione che, attraverso un'analisi qualitativa delle pratiche aziendali in ambito manutentivo, ha consentito di identificare le aree di miglioramento prima dell'implementazione del sistema. Sono stati identificati sei domini di azione del sistema: tecnologia e dati: strumenti, sistemi e qualità dei dati a supporto delle attività manutentive; organizzazione delle funzioni aziendali interessate alla gestione degli asset; integrità: strategie, metodologie e pratiche per garantire l'integrità strutturale degli asset; l'ISAB adotta l'approccio Risk Based Inspection (RBI), che si concentra sui rischi associati alla perdita di contenimento da linee e apparecchi in pressione a causa del deterioramento del materiale; ottimizzazione dell'affidabilità: capacità di monitorare le apparecchiature in base alla loro classificazione, ai costi di produzione e manutenzione, ai guasti e ai rischi ad essi associati; strategia di business: insieme di obiettivi e politiche funzionali che definiscono la posizione dell'organizzazione sul mercato; organizzazione e persone: leadership, risorse umane e cultura.

 

 

Continua a leggere sul numero di Novembre 2015 di Manutenzione T&M l'articolo di Giorgio Melilli, Chief Information Office di ISAB Srl e Natalia Trapani, Docente di Affidabilità e Sicurezza dei Sistemi Produttivi presso l'Università degli Studi di Catania

La mission di IEN Italia è quella di fornire ai lettori informazioni su nuovi prodotti e servizi relativi alla progettazione industriale. Se desideri che nuovi prodotti della tua azienda vengano pubblicati su IEN Italia, invia alla nostra redazione un comunicato stampa tecnico. Per discutere opportunità editoriali o per inviare contributi editoriali, contatta la redazione.

Altri articoli Contatto