Riorganizzare i processi di manutenzione per ottimizzare risorse e produttività

Il caso del Gruppo Pozzoni, leader europeo nel settore roto-offset, che ha scelto di affidarsi alla soluzione EAM di InteGRa.Asset

  • Ottobre 7, 2014
  • 741 views
  • Riorganizzare i processi di manutenzione per ottimizzare risorse e produttività
    Riorganizzare i processi di manutenzione per ottimizzare risorse e produttività

 

Il Gruppo Pozzoni mira a riorganizzare i processi di manutenzione per ottimizzare risorse e produttività, affidandosi alla soluzione EAM di InteGRa.Asset.

 

Il contesto

Con più di 10 stabilimenti dislocati sul territorio nazionale, il Gruppo Pozzoni rappresenta una delle più importanti organizzazioni europee nel capo delle attività di stampa. Operativo nell'industria roto-offset e rotocalco, nel direct marketing e nella stampa delle carte valori, il Gruppo è cresciuto sempre di più negli anni ma è soprattutto con l'acquisizione di Mondadori Printing nel 2008, oggi Elcograf, che il Gruppo Pozzoni è diventato un leader a livello  Europeo.

 

Gli obiettivi

Il Gruppo Pozzoni ha da sempre sostenuto l'importanza di gestire in modo organizzato la manutenzione dei propri macchinari ed impianti, con un'attenzione particolare ai costi ripartiti sui vari asset, e a una corretta pianificazione delle attività dei manutentori. «Un altro  importante obiettivo», spiega Silvano Rossi, responsabile dei servizi tecnici di Pozzoni, «riguarda l'analisi dei guasti che causano i fermi macchina, così come la possibilità di avere un unico prodotto in grado di mettere l'asset al centro non solo delle operazioni manutentive, ma anche al centro delle attività richieste dalle norme di sicurezza e ambiente».

 

La soluzione

Per la gestione e il coordinamento delle attività di manutenzione dei propri asset, critici per valore e per necessità di continuo funzionamento, il Gruppo Pozzoni ha scelto InteGRa.Asset soluzione software dedicata all'EAM (Enterprise Asset Management) al cui sviluppo ha contribuito anche il Politecnico di Milano. L'obiettivo è appunto quello di riorganizzare i processi di manutenzione per ottimizzare risorse e produttività.

 

I risultati

InteGRa.Asset ha consentito al Gruppo Pozzoni di operare con flessibilità nei diversi ambiti della manutenzione degli impianti. «Con InteGRa», spiega Rossi,«sviluppiamo e registriamo i controlli che devono essere condotti per soddisfare le normative di sicurezza e di impatto ambientale. La corretta gestione degli adempimenti amministrativi di verifica degli impianti è stata possibile grazie alla configurazione da parte dell'ufficio tecnico di strumenti già presenti in InteGRa quali le schede e i registri di manutenzione».  Il patrimonio delle informazioni relative agli asset è ora condiviso ed accessibile a seconda dei diversi livelli delle risorse coinvolte, con la possibilità di gestire le criticità senza mai perderle di vista. Nel pannello di controllo sono presenti alert che avvertono della scadenza delle manutenzioni programmate e di altre attività critiche.

 

E' dunque sotto l'aspetto organizzativo che la soluzione sta dando maggiori soddisfazioni al Gruppo Pozzoni: «Un'azienda con una manutenzione ben strutturata», spiega Rossi, «va incontro ad una rilevante riduzione dei costi e ad un'ottimizzazione dei tempi a beneficio della produttività dell'impianto. Per questo oltre alla manutenzione programmata quindi "a tempo", adottiamo il più possibile la manutenzione "a colpi" dove sfruttando le rilevazioni automatiche si ottimizzano gli interventi di manutenzione soprattutto in questi particolari momenti del mercato dove si hanno sempre di più pianificazioni non omogenee o facilmente prevedibili. Il prossimo passo sarà la gestione della manutenzione detta "a limite" che di fatto ci permetterà di sviluppare almeno sugli asset strategici la cosiddetta manutenzione  predittiva»

 

La soluzione adottata è stata apprezzato per la sua robustezza e, al tempo stesso, per la sua flessibilità, anche in termini di personalizzazioni che sono state introdotte con facilità non solo nel software ma anche nel modello di manutenzione degli impianti. «Una delle ultime personalizzazioni riguarda la gestione dei progetti ovvero la possibilità di aggregare più ordini di lavoro legati a un determinato progetto permettendo di tenere facilmente sotto controllo i costi di attività complesse (progetti).

 

Sulla base di una filosofia di crescita ponderata, reputo inoltre interessante l'apertura del sistema alle terze parti, per tracciare le attività dei manutentori esterni nostri fornitori», conclude Rossi, «abbiamo intenzione di implementare una gestione della collaborazione tra gli addetti per mantenere su un'unica piattaforma i dati dei  documenti relativi ai nostri asset».

La mission di IEN Italia è quella di fornire ai lettori informazioni su nuovi prodotti e servizi relativi alla progettazione industriale. Se desideri che nuovi prodotti della tua azienda vengano pubblicati su IEN Italia, invia alla nostra redazione un comunicato stampa tecnico. Per discutere opportunità editoriali o per inviare contributi editoriali, contatta la redazione.

Altri articoli Contatto