Deutscher Industriepreis: MEWA è tra i migliori 10 nella categoria “Tecnologia ottica”

La nuova tecnologia garantisce la massima sicurezza nell’abbigliamento protettivo ad alta visibilità

  • Luglio 18, 2017
  • 78 views
  • Deutscher Industriepreis: MEWA è tra i migliori 10 nella categoria “Tecnologia ottica”
    Deutscher Industriepreis: MEWA è tra i migliori 10 nella categoria “Tecnologia ottica”

Gli indumenti scorrono su un nastro trasportatore e vengono fotografati da telecamere

MEWA ha convinto la giuria del Premio dell'Industria con una nuova tecnologia specificatamente sviluppata per il controllo dell'abbigliamento protettivo e ad alta visibilità. Il processo innovativo consente il controllo automatizzato delle proprietà cromatiche e dell'azione di riflessione degli indumenti dopo il lavaggio. L'invenzione è stata messa a punto sulla base di speciali algoritmi di Computer Vision. Gli indumenti scorrono su un nastro trasportatore e vengono fotografati da telecamere, i risultati vengono poi analizzati da un software appositamente sviluppato. Il processo è stato messo a punto dal team di ricerca interno in collaborazione con il Fraunhofer-Institut di Darmstadt ed è attualmente oggetto di domanda di brevetto. Sarà prossimamente utilizzato nei processi di lavorazione dell'abbigliamento protettivo ad alta visibilità negli stabilimenti MEWA.

MEVA proseguirà la ricerca nell'ambito dell'abbigliamento protettivo

La nuova tecnologia si aggiunge alla lista di innovazioni tecnologiche di casa MEWA e consente di ottimizzare ulteriormente i processi interni di garanzia della qualità, spiega Uwe Schmidt, Responsabile Engineering. "MEWA ha una consolidata reputazione di leader della qualità e dell'innovazione nel settore e investe molto in ricerca e sviluppo, anche nel campo della tecnica dei processi. Naturalmente, il fatto che uno di questi progetti innovativi abbia avuto un tale riscontro e sia stato premiato come Best-of al Deutscher Industriepreis ci gratifica molto e ci stimola a proseguire sulla strada della ricerca", afferma Uwe Schmidt.