Il Politecnico di Torino sceglie i componenti Mondial

Per completare il banco prova di test sugli alberi scanalati, il Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale PoliTo si affida ai componenti Mondial

  • Il progetto del banco di prova del Politecnico di Torino per determinare parametri di deterioramento
    Il progetto del banco di prova del Politecnico di Torino per determinare parametri di deterioramento
  • Il progetto del banco di prova dIl progetto del banco di prova del Politecnico di Torino per determinare parametri di deterioramentoel Politecnico di Torino per determinare parametri di deterioramento  e disallineamento
    Il progetto del banco di prova dIl progetto del banco di prova del Politecnico di Torino per determinare parametri di deterioramentoel Politecnico di Torino per determinare parametri di deterioramento e disallineamento
  • Il progetto del banco di prova del Politecnico di Torino per determinare parametri di deterioramento
    Il progetto del banco di prova del Politecnico di Torino per determinare parametri di deterioramento
  • Il progetto del banco di prova del Politecnico di Torino per determinare parametri di deterioramento
    Il progetto del banco di prova del Politecnico di Torino per determinare parametri di deterioramento
  • Andrea Mura, Professore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale del Politecnico di Torino
    Andrea Mura, Professore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale del Politecnico di Torino

Sviluppato dal Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale del prestigioso ateneo, il banco prova permette di effettuare tutta una serie di test sugli alberi scanalati, funzionanti con disallineamento angolare, per valutarne in modo più specifico la durata e l’usura. Mondial, che ha già collaborato con il Politecnico di Torino, non solo in qualità di fornitore, ma anche organizzando specifici seminari tecnici, fornisce al PoliTo giunti, cuscinetti a sfere e calettatori per la realizzazione del banco prova.

Armonizzare il disallineamento angolare

Gli accoppiamenti scalati vengono utilizzati per trasmettere coppie e potenze elevate, e vengono impiegati in molteplici settori rivestendo un’importanza strategica per l’automotive, energetico e soprattutto in ambito aeronautico, dove la certezza dello stato di salute di un giunto è prevedibilmente di importanza fondamentale per la sicurezza. Nella trasmissione di potenza gli accoppiamenti scanalati non lavorano mai perfettamente allineati ma si verificano dei disallineamenti angolari, a causa delle tolleranze di costruzione, quindi l’albero scanalato deve armonizzare tale disallineamento che alla lunga porta all’usura dei denti, con conseguenti problemi nel funzionamento del sistema di trasmissione. Attualmente non esistono modelli o metodi di progettazione in grado di predire il loro logoramento e il danneggiamento, data la complessità del meccanismo di funzionamento.

Determinare parametri più sicuri di deterioramento

Le tolleranze costruttive fanno si che i denti non sopporteranno tutti la stessa quantità di carico per cui risulta pressoché impossibile stabilire il reale carico in funzionamento e il conseguente danno da usura, che alla lunga può portare alla totale rimozione del dente. Se lo scanalato è utilizzato in applicazioni critiche, come quelle aeronautiche, è necessario sostituire lo scanalato in presenza di usura anche lieve, dato che non è possibile stimare la sua durata residua. Non esistono infatti al momento parametri certi che possano valutare il tempo di usura di un albero scanalato a fronte di determinate condizioni d’uso. “Si tratta di studi di importanza fondamentale – afferma Andrea Mura, Professore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale del Politecnico di Torino - perché garantirebbero parametri più certi sul deterioramento di questi componenti, consentendo di realizzare macchine più affidabili e riducendo i costi di manutenzione”.

Il Progetto del banco di prova

In questa ottica si inserisce dunque il progetto del banco di prova per scanalati del Politecnico di Torino, che ha effettuato tutta una serie di test per circoscrivere tali parametri in presenza di determinate condizioni di funzionamento. Il Dipartimento di Ingegneria e Meccanica Aerospaziale ha deciso così di costruire lo specifico banco di prova e ha scelto Mondial come fornitore di componenti necessari per realizzazione del banco prova, per la comprovata affidabilità che garantiscono. “Questo Banco prova che abbiamo sviluppato e brevettato è unico nel suo genere. Ha richiesto una complessa messa a punto e permetterà di ottenere importanti informazioni che saranno utili per lo sviluppo di modelli predittivi per l’usura di tali componenti. Al termine delle prove si avranno infatti notizie più certe per selezionare i migliori trattamenti per l’uso di scanalato in applicazioni potenzialmente delicate che implicano pericolo in caso di usura, ma anche in settori nei quali la sostituzione comporta costi esorbitanti, come ad esempio la manutenzione su impianti eolici offshore” conclude il Prof. Mura.

Test per minimizzare il deterioramento

Il banco prova è in grado di riprodurre sui componenti le reali condizioni di funzionamento in termini di disallineamento, coppia, velocità e lubrificazione, consentendo quindi di valutare quali parametri si possono modificare per migliorare le prestazioni dei componenti. Le prove possono essere con disallineamento fino a 0,5 con una coppia massima di 500Nm. Allo stesso tempo viene monitorata anche la portata di olio, la sua temperatura, nonché la presenza di eventuali particelle create dall’usura dello scanalato stesso. I test permettono di capire, in una determinata applicazione, quali possono essere le soluzioni per minimizzare il deterioramento: migliori trattamenti, tipologia di lubrificazione e tolleranze da adottare.

I componenti forniti da Mondial

Il Politecnico di Torino si è rivolta a Mondial per:

  • i giunti elastici e i giunti KTR che fungono da raccordi per connettere i diversi alberi del banco
  • i cuscinetti a sfera che servono per far ruotare gli alberi del banco prova
  • i calettatori ETP inseriti all’interno degli alberi, per collegarli tra loro.

Due calettatori Mondial sono qui utilizzati per collegare proprio le due parti del componente in prova, mentre un altro calettatore ETP serve per disaccoppiare l’albero e caricare il componente in prova.

Funzionamento a ricircolo di potenza

Questo banco prova funziona a ricircolo di potenza meccanica, quindi viene fornita solo la potenza necessaria per vincere gli attriti, utilizzando un motore elettrico di 4 kw, a fronte di livelli massimi di potenza circolante di ca.150 kw, riducendo così i costi di funzionamento del banco. In tal modo si evita anche di dover inserire un freno, che avrebbe un costo rilevante e implicherebbe uno spreco non indifferente di 150 kw di potenza termica, dissipata generando calore.

Rossana Saullo si laurea prima in Lettere Moderne presso l’Università della Calabria di Cosenza, successivamente consegue la laurea magistrale in Letteratura, Filologia e Linguistica Italiana presso l’Università degli Studi di Torino. Nel 2020 consegue il Master Professione Editoria Cartacea e Digitale presso l’Università Cattolica di Milano. Da settembre 2020 lavora in TIMGlobal Media.

More articles Contatto