Manutenzione 4.0 per i “piccoli” operatori ferroviari

  Richiedi informazioni / contattami

Spesa insostenibile o ultima spiaggia?

Manutenzione 4.0 per i “piccoli” operatori ferroviari
Manutenzione 4.0 per i “piccoli” operatori ferroviari

Premessa

Prima di presentare l’argomento di questo mese è doveroso un ricordo della tragedia di Genova. Abbia­mo scritto più volte del problema della manutenzione delle infrastrutture e non è il caso di ritornarci sopra. Per considerazioni un po’ più generali vi rimandiamo all’editoriale di direzione di questo mese che vi invitia­mo a meditare con la dovuta attenzione.

Cosa c’è dietro l’angolo?

Il panorama del trasporto, sia stradale che ferroviario, sta iniziando a cambiare, per ora in modo confuso, con idee non sempre chiare e riferibili a chi del trasporto in ultima analisi usufruisce, cioè l’UTENTE. Viene richie­sto tempo per capire, per approfondire, per confutare quanto deciso in passato. Intanto gli incidenti anche mortali in autostrada con autotreni coinvolti aumen­tano, l’ultimo di pochi giorni fa, e forse non si saprà mai se dovuti a velocità eccessiva o a problemi di ma­nutenzione sia dei mezzi che delle infrastrutture). E anche in ferrovia le cose non migliorano come si spe­rava. Di Manutenzione 4.0, costola importante dell’Im­presa 4.0, si sente parlare solo nei convegni ma non nelle sedi (politiche) che contano. La formazione 4.0, snodo fondamentale per “ridar dignità al lavoro” senza assistenzialismo sembra che non si sappia che cosa è. Non resta che aspettare, possibilmente senza piangere. Il contributo che Man.Tra presenta que­sto mese da un lato è un atto di speranza, dall’altro rappresenta il timore che il sistema, ferroviario in particolare, non ce la possa fare.

Tutti ci auguriamo di essere smentiti.

Bruno Sasso

 

Se parliamo di “Motore Immobile” a chi pensiamo? Ad Aristotele, naturalmente, e al suo tentativo di definire la figura di Dio o, meglio ancora, quella forza/entità superiore dalla quale è partito tutto. Perché proprio “mo­tore immobile”? Perché nel suo concetto di entità superiore, questa figura ha dato l’avvio alla vita e da lì essa si è evoluta autonomamente, mentre il “motore” è rimasto appunto “immobile”, non inter­ferendo nell’evoluzione del mondo.

Questo concetto di immobilità, in realtà, entra in contraddizione col medesimo riferito alle ferrovie, perché se in Aristotele, il concetto di immobile la­scia spazio alla natura di muoversi autonomamen­te, nel settore ferroviario, tradizionalmente conser­vatore, il progresso tecnologico ed organizzativo non ha saputo tenere il passo con l’evoluzione di tempi, mostrandosi appunto “fermo” (spesso era­no fermi perfino i treni), mentre il mondo era in pieno cambiamento, grazie all’avvento della moto­rizzazione privata, del moderno autotrasporto, dei voli low cost, delle tecnologie digitali.

Un rischio concreto

Come va definito questo atteggiamento? Prudente o passivo? Perché quando si sta fermi, mentre il mondo sta cambiando, si cade nel rischio di tro­varsi in una rivoluzione: l’immobilismo e la chiusu­ra in sé stessi portano a non percepire i pericoli e a subire il cambiamento, che invece va gestito.

La Manutenzione 4.0 può essere definita, in fer­rovia, una rivoluzione? Certo: si tratta di una vera e propria sfida, una rottura col passato soprattut­to per tante realtà minori (quelle che, in crescita, stanno dando vita al mercato in graduale corso di liberalizzazione) con tutti i rischi del caso. Occorre effettuare investimenti in tecnologie e competenze. Molti obietteranno, asserendo che queste scelte comportano delle spese; ma si provi a vedere que­sto assioma da un altro punto di vista: è una spesa o un investimento?

Analizzando la questione: le spese sono i paga­menti per dei servizi o dei beni materiali dei qua­li non si può fare a meno; l’investimento è una scommessa, un impiego in un progetto, i cui be­nefici possono tornare all’azienda anche in manie­ra esponenziale. Per non subire il cambiamento, bisogna gestirlo. Per gestirlo bisogna evolversi. Per evolversi bisogna investire. L’importante è non stare fermi e non crogiolarsi in un’inevitabile evo­luzione delle tecnologie, delle industrie, dell’econo­mia globale e, in generale, del mondo. Tornando ad Aristotele ed al suo Motore Immobile, si potrebbe affermare che Dio ha creato il mondo, ma l’uomo l’ha dominato e ne ha condizionato il mutamento. Ora sta a lui gestirne il cambiamento sotto tutti gli aspetti, siano essi politici, economici ed ambientali.

All’atto pratico

Dalla figura retorica ad un caso concreto ma fino ad ora trascurato: quello dei mezzi d’opera.

Le relazioni annuali sulla sicurezza prodotte da ANSF e il documento definito “Road Map” di RFI sono segnali che mostrano un quadro normativo in veloce cambiamento, nel quale si imporrà di attuare una serie di azioni necessarie, all’interno dell’organiz­zazione aziendale degli operatori ferroviari (imprese ferroviarie, società di lavori all’armamento, detentori) che portino a un monitoraggio effettivo dello stato di efficienza dei mezzi d’opera. Solo una maggiore at­tenzione alla manutenzione e all’efficienza dei veicoli comporta infatti la possibilità di utilizzo in sicurezza e una maggiore efficienza dei processi produttivi. A questo proposito l’Associazione Manutenzione Tra­sporti ha messo a punto una buona pratica che pre­vede tre successivi step, mediamente affrontabili da qualunque soggetto minimamente organizzato:

Assessment sull’efficienza del mezzo, che prevede un’ispezione visiva, una serie di azioni di verifica e/o ripristino delle funzionalità di taluni componen­ti, una verifica degli organi di lavoro e la valutazio­ne di conformità rispetto alle norme vigenti

Documentazione del mezzo e organizzazione del­la sua manutenzione, con revisione/redazione dei piani e dei manuali di manutenzione per istanziare un vero e proprio “Maintenance file” che sia fina­lizzato a tracciare quanto necessario per gli organi di sicurezza fino alla definizione dei necessari re­port di test che verranno compilati durante il ciclo di vita dei mezzi d’opera

Gestione della manutenzione stessa, aspetto spes­so trascurato dalle realtà di minori dimensioni ma che risulta cruciale e, se organizzato correttamen­te, può essere svolto da soggetti esterni titolati secondo un modello che ricalca da vicino quanto previsto dal Regolamento 445/11/CE. Ciò signifi­ca disporre di personale manutentivo addestrato, certificato e abilitato ai singoli organi di sicurezza, gestire i fermi macchina in maniera sostenibile ri­spetto alle loro necessità d’impiego (la classica fun­zione “dispo” dei detentori), l’effettuazione di audit delle officine e la costruzione di un vero e proprio sistema di gestione della manutenzione integrato nelle procedure di qualità.

Il punto centrale è dato dal combinato-disposto delle competenze, invero ancora non molto diffuse a tutti i livelli, e delle tecnologie. Qui il paradigma “4.0” ha moltissimo da dare per semplificare la vita ai ma­nutentori: dai software a supporto dei processi agli strumenti laser per la misurazione dei parametri fisici del rodiggio, dalla telemetria per la manuten­zione predittiva fino ai sistemi di Realtà Aumentata per l’assistenza remota, le tecnologie abilitanti sono già selezionate e disponibili sul mercato con appli­cazioni orientate al settore ferroviario. Investimenti, appunto, non spese: solo così il cambiamento può essere governato anziché subito.

 

Francesca Mevilli, Coordinatrice attività di formazione Man.Tra

Pubblicato il Settembre 21, 2018 - (20 views)
Articoli correlati
Condition monitoring per materiale rotabile
Il TPM non è più lui… in viaggio verso il non ancora
Il XVIII Convegno Nazionale dell’Osservatorio sulle Attività di Manutenzione degli Aeroporti
Autobus elettrici e ibridi, come cambiano le strutture di manutenzione?
Asset Management basato sul valore
Il Facility Management al centro della rivoluzione 4.0
Sostenibilità nell’approvvigionamento dei servizi di manutenzione
Invitation to Tender (ITT) per la fornitura di servizi di FM
La manutenzione predittiva nel Facility Management
La ricerca nel settore della manutenzione
Utensili per l'industria
Sensori radar
Giraviti
Giravite torsiometrico elettromeccanico
Software per la manutenzione
Servizio per impianti industriali
Pompe per superficie o profondità
Sistema di allineamento ottico
Strumenti personalizzati per la misura
Dynamic Motor Analyzer
Condition monitoring per materiale rotabile
Telecamera acustica
Lime per carrozzeria
Misuratori elettromagnetici
Inverter per sistemi di pompaggio
Sistema di allineamento ottico
Dynamic Motor Analyzer
Encoder con interfaccia IO-Link
SMARTCOLLECT PM10, PM20 E PM30
LINAX PQ3000
Laser scanner di sicurezza
Telecamera acustica
Rugosimetri compatti
Lime per carrozzeria
Aspiratore in modalità cordless
Encoder con interfaccia IO-Link
E-Mobility, apparecchiature per la verifica delle stazioni di ricarica per veicoli elettrici
WI-CARE: il sensore per l'analisi spettrale online
Centraline idrauliche modulari
Misurazione smart dei parametri ambientali