Norme ISO 9000 e IATF per il settore Automotive, impatto sul SIM

  Richiedi informazioni / contattami

Ancora qualche mese ed entreranno in vigore le nuove norme IATF che obbligheranno le aziende del settore a certificarsi secondo questo nuovo standard, più stringente dei precedenti

Norme ISO 9000 e IATF per il settore Automotive, impatto sul SIM
Norme ISO 9000 e IATF per il settore Automotive, impatto sul SIM

L’impatto sulla manutenzione sarà importan­te specie per quelle aziende che in questi ultimi anni hanno preso un po’ alla larga la questione della manutenzione preventiva, della migliorativa e del miglioramento conti­nuo e il loro impatto sul Sistema Informati­vo di Manutenzione (SIM).

Il mancato aggiornamento delle precedenti ISO e la mancata transizione da effettuarsi al più tardi entro la prossima estate, comporteranno per le imprese costruttrici di auto, motoveicoli e veico­li industriali e professionali ed i loro ricambi, in pratica l’intera filiera automotive, la sospensione o il ritiro della preesistente certificazione.

In fin dei conti, già con la ISO 9000:2015, da cui derivano le IATF per il settore automotive, erano stati introdotti criteri più restrittivi quali il miglioramento continuo inteso come strategia di lungo termine, una più accurata valutazione delle performances e delle cause di fermata/guasto e l’esame delle derive.

Inoltre, la ISO 9000 mira ad una più precisa di­samina dei processi interni ed esterni (fra cui la manutenzione) anche relativamente ai fornitori di componenti, ricambi e più in generale a tutta la catena di fornitura del settore automotive.

La norma prende atto quindi della sempre mag­giore integrazione fra l’azienda primaria e i for­nitori di componenti la cui articolazione è au­mentata considerevolmente di complessità fin dallo scorso decennio.

L’ottenimento della certificazione IATF, com­porta che l’azienda inserita nella filiera dimo­stri l’osservanza dei capitolati inerenti i clienti automotive e la padronanza specifica di meto­dologie di indagine quali ad esempio FMECA e, specificatamente per la manutenzione, alcuni strumenti che fanno già parte del mondo WCM (in Italia largamente impiegato nel settore au­tomotive) mirati alla repentina individuazione delle cause prime di guasto o fermata o deriva allo scopo di eliminarle o contenerle (Cattaneo, Manutenzione, una speranza per il futuro del mondo, 2012).

Lo scopo per la manutenzione è di attivare nel­la realtà operativa quotidiana il miglioramento continuo, e poi di inserire la manutenzione pro­attiva e più in generale la migliorativa al centro della azione di mantenimento.

Il monitoraggio delle prestazioni del sistema di manutenzione e del sistema produttivo sul qua­le impatta, è uno dei pilastri del Sistema Qualità, il quale si affida ad una serie di indicatori (KPI).

Il calcolo di questi indicatori è riferibile ad una serie di norme concepite inizialmente negli anni ’90 che hanno portato alla reda­zione delle UNI 10147 (UNI EN 13306:2018) e 10388 (UNI EN 15341:2007) rispettivamente per la terminologia e gli indicatori di presta­zione, e a numerose altre.

Tali norme sono state in gran parte adottate poi anche in sede europea dal CEN/TC 319, Comi­tato Tecnico di Manutenzione, di cui è presiden­te l’amico Franco Santini.

Il monitoraggio dovrebbe quindi rappresentare il primo passo per sviluppare in seguito tutte le iniziative volte a migliorare gli indicatori e con­seguentemente il processo o il livello di servizio della manutenzione.

Eppure, ci sono ancora imprese che considera­no la manutenzione preventiva come unica dote al Sistema Qualità portata dalla manutenzione, una dote raramente impreziosita da rigorosi controlli sulla realizzazione degli interventi se non per le attività richieste a norma di legge.

Con i più recenti Sistemi Qualità e ancora di più con la IATF questo atteggiamento comporte­rebbe un rifiorire di eccezioni e non conformità, non solo dagli enti preposti ma persino negli audit interni.

L’adozione delle estensioni IATF, in tutta la fi­liera automotive, avrà l’effetto di migliorare il rigore con cui la manutenzione affronta l’argo­mento qualità.

Con molti vantaggi per le aziende virtuose che non dovranno faticare per raggiungere i nuovi standard, e in fondo anche per le azien­de “viziose” che coglieranno l’occasione delle IATF per aumentare le proprie capacità di so­pravvivenza.

In tutti questi anni, abbiamo osservato l’impe­gno dei tecnici nelle aziende per raggiungere anno dopo anno gli obiettivi e realizzare man mano nuovi metodi, processi, tecniche per ade­guare il sistema produttivo e migliorarne affida­bilità e qualità.

È il quotidiano lavoro dei manutentori che adat­tano impianti e macchine, studiano soluzioni tecniche spesso innovative, e molte altre attività per cui siamo orgogliosi del lavoro di manuten­zione.

Tuttavia, altrettanto importante è il rispetto non formale ma sostanziale, non nella lettera ma nello spirito, delle normative approntate allo scopo di identificare i percorsi migliori che può seguire una azienda per arrivare alla qualità, e, per la manutenzione, un uso appro­priato del SIM.

Qualità. L’arete (aretè) dei greci, per loro era la virtù più importante. Come scrisse nel 2008 Francesco Alberoni sul Corriere della Sera:

“Ciascuno, nel suo campo di attività, nella sua arte, doveva prodigarsi per raggiungere la perfezione. Il vasaio realizzare i vasi più belli, lo scultore le più belle statue, il navi­gante guidare con la massima perizia la sua nave, il poeta tragico scrivere le più sublimi tragedie”.

La manutenzione da sempre è permeata di qua­ lità e di eccellenza. Aiman (Associazione Italia­na di Manutenzione), ha dedicato all’eccellenza il suo XX congresso, nel 2003 a Bologna, e alla qualità il XII Congresso, a Milano, nel 1987. Noi, per più di trent’anni abbiamo seguito il lavoro dei manutentori nella direzione della eccellenza.

Il nostro sistema informativo Gsm.NET, ad esempio supporta fin dagli anni ’90: tecniche Fmea/Fmeca, per identificare le macchine cri­tiche e le criticità del processo; manutenzione preventiva e migliorativa; taratura e gestione degli strumenti; analisi delle informazioni di fer­mo e guasto e problem solving con diverse tec­niche di indagine. In pratica, Gsm.NET, supporta a 360 gradi la metodologia WCM (World Class Manufacturing) per tutti gli aspetti che riguar­dano la manutenzione.

L’obiettivo finale è soddisfare i mantra: zero fer­mate, zero difetti, zero infortuni, supportando il processo di manutenzione migliorativa che è la forma più pura ed essenziale di manutenzione (Furlanetto, Cattaneo, Ladiana, Di Sivo, Cultura di Manutenzione, 2007).

I tempi cambiano, gli strumenti pure, ma gli obiettivi restano.

Maurizio Cattaneo, Amministratore di Global Service & Maintenance

Pubblicato il Marzo 12, 2018 - (6762 views)
Articoli correlati
Manutenzione ed efficienza 4.0: Il caso Andritz
Termocamere a infrarossi ed elevata risoluzione
Connettori di alimentazione
Condition monitoring per materiale rotabile
Il TPM non è più lui… in viaggio verso il non ancora
Il XVIII Convegno Nazionale dell’Osservatorio sulle Attività di Manutenzione degli Aeroporti
Autobus elettrici e ibridi, come cambiano le strutture di manutenzione?
Asset Management basato sul valore
Il Facility Management al centro della rivoluzione 4.0
Sostenibilità nell’approvvigionamento dei servizi di manutenzione
Test per veicoli elettrici
Soluzioni per bloccaggio
Iniettori di lubrificazione
Fiera della ferramenta
Giravite con impugnatura trimateriale
Trasmettitori e sensori IoT
Valvole industriali
Elettropompe in acciaio duplex
Disco ad alta velocità
Serbatoio per il collaudo di solette
Termocamere a infrarossi ed elevata risoluzione
Disco ad alta velocità
Analizzatore per misurare gas di combustione
Sistema di condition monitoring
Condition monitoring per materiale rotabile
Telecamera acustica
Lime per carrozzeria
Misuratori elettromagnetici
Inverter per sistemi di pompaggio
Sistema di allineamento ottico
Disco ad alta velocità
Sistema di condition monitoring
Laser scanner di sicurezza
Telecamera acustica
Rugosimetri compatti
Lime per carrozzeria
Aspiratore in modalità cordless
Encoder con interfaccia IO-Link
E-Mobility, apparecchiature per la verifica delle stazioni di ricarica per veicoli elettrici
WI-CARE: il sensore per l'analisi spettrale online